“NES­SU­NO AVREB­BE SCOM­MES­SO SU DI ME...”

So­lo do­po an­ni di flm di­men­ti­ca­bi­li, la car­rie­ra di Jo­sh Bro­lin è de­col­la­ta, at­tra­ver­san­do l’ope­ra di gran­di mae­stri. Ora il suo nuo­vo flm apri­rà la Mo­stra di Ve­ne­zia. E cer­ti­f­che­rà che fnal­men­te è fuo­ri da un pas­sa­to che lo ha vi­sto abu­sa­re di al­col e dr

Corriere della Sera - Io Donna - - Vite Da Set - Di An­na Ma­ria Spe­ro­ni, fo­to di Kirk McKoy

Ah, ja­son... Era con me in Wall Street e ave­va tre, for­se cin­que bat­tu­te in tut­to. Ades­so è lui the man. Ve­de? Non si può mai sa­pe­re». Stra­no che Jo­sh Bro­lin di­ca di un al­tro (in que­sto ca­so di Ja­son Clar­ke, pro­ta­go­ni­sta con lui di Eve­re­st, il flm che apre la 72esi­ma Mo­stra del ci­ne­ma di Ve­ne­zia) quel­lo che po­treb­be di­re di sé: non si può mai sa­pe­re. Chi avreb­be scom­mes­so che an­che lui, do­po l’esor­dio in Goo­nies nel 1985 e vent’an­ni di flm di­men­ti­ca­bi­li, sa­reb­be di­ven­ta­to the man. Dal 2007 in poi, gra­zie a Non è un pae­se per vec­chi dei Coen, Bro­lin ha la­vo­ra­to con Oli­ver Sto­ne ( Wall Street. Il de­na­ro non dor­me mai, e W.), Woo­dy Allen ( In­con­tre­rai l’uo­mo dei tuoi so­gni), di nuo­vo con i Coen nel Grin­ta e nel lo­ro ul­ti­mo Hail, Ce­sar! (at­te­so all’in­zio del 2016), con Paul Tho­mas An­der­son ( Vi­zio di for­ma) e con al­me­no una mez­za doz­zi­na di al­tri re­gi­sti. Dal 24 set­tem­bre lo ve­dre­mo

Jo­sh Bro­lin, 47 an­ni, è pro­ta­go­ni­sta di due pel­li­co­le in pros­si­ma usci­ta: il th­ril­ler Si­ca­rio (il 24 set­tem­bre) e il di­sa­ster mo­vie Eve­re­st, che apre il Fe­sti­val di Ve­ne­zia.

Al­la gen­te pia­ce sa­pe­re che so­no sta­ti ar­re­sta­ti un sac­co di de­lin­quen­ti. Co­sì gli Sta­ti Uni­ti so­no di­ven­ta­ti il Pae­se con più per­so­ne in ga­le­ra del mon­do

in Si­ca­rio di De­nis Vil­le­neu­ve, cu­po th­ril­ler sul­la lot­ta di­spe­ra­ta di al­cu­ni agen­ti dell’Fbi ai car­tel­li mes­si­ca­ni del­la dro­ga; e nel di­sa­ster mo­vie

Eve­re­st, ap­pun­to, dell’islan­de­se Bal­ta­sar Kor­má­kur, ispi­ra­to a una scia­gu­ra­ta spe­di­zio­ne sul tet­to del mon­do nel 1996.

Due flm im­pe­gna­ti­vi: per Eve­re­st si è an­che al­le­na­to a sca­la­re sul­le mon­ta­gne ca­li­for­nia­ne.

Già. E quan­do c’è sta­ta quel­la ter­ri­bi­le va­lan­ga in Ne­pal, al­cu­ni dei no­stri era­no là (si ri­fe­ri­sce al­la va­lan­ga che il 18 apri­le 2014 ha col­pi­to uno dei cam­pi ba­se do­ve una par­te del­la trou­pe sta­va gi­ran­do. Mo­ri­ro­no 16 sher­pa. Al­tre sce­ne so­no sta­te gi­ra­te in Al­to Adi­ge, ndr). Al­la fne mi sen­ti­vo stan­co, svuo­ta­to, pri­vo di ispi­ra­zio­ne ed ero in­de­ci­so se ac­cet­ta­re o no il ruo­lo di Si­ca­rio. Mi ser­vi­va una pau­sa. Poi mi han­no te­le­fo­na­to Emi­ly ( Blunt, an­che lei nel flm, ndr) e Ro­ger ( Dea­kins, di­ret­to­re del­la fo­to­gra­fa da 11 no­mi­na­tion all’Oscar, ndr), uno che non te­le­fo­na mai a nes­su­no, e mi so­no con­vin­to a di­re sì. Non rac­con­ta, Bro­lin, che ol­tre all’ispi­ra­zio­ne in que­sti ul­ti­mi an­ni gli è man­ca­ta la se­re­ni­tà: è ri­ca­du­to nell’abu­so di al­col e dro­ga (un ar­re­sto all’ini­zio del 2013), ha di­vor­zia­to dall’at­tri­ce Dia­ne La­ne do­po ot­to an­ni di ma­tri­mo­nio (pe­ral­tro non fa­ci­le: una vol­ta, pre­oc­cu­pa­ti da una di­scus­sio­ne trop­po fo­co­sa, i vi­ci­ni han­no chia­ma­to la po­li­zia); si è fdan­za­to con la sua bion­da as­si­sten­te Ka­th­ryn Boyd già al­cu­ni me­si pri­ma del di­vor­zio, sem­bra. Pe­rò, es­sen­do uno di quei ti­pi a cui, a me­no che non sia tuo ma­ri­to, per­do­ne­re­sti qua­si tut­to - è sim­pa­ti­co, gen­ti­le, non se la ti­ra - gli per­do­ni an­che la ri­ser­va­tez­za. Co­mun­que, am­met­te,

Si­ca­rio qual­co­sa di au­to­bio­gra­f­co ce l’ha: «Non so­lo il te­ma: i luo­ghi. Ab­bia­mo gi­ra­to in Te­xas, che co­no­sco be­ne per­ché mia ma­dre era te­xa­na; in Ca­li­for­nia, do­ve vi­vo, e in Mes­si­co, do­ve so­no an­da­to an­che la pri­ma­ve­ra scor­sa ».

Che im­pres­sio­ne le ha fat­to?

Era tut­to bel­lo, la mi­to­lo­gia na­ta at­tor­no al Pae­se for­se è peg­gio­re del­la real­tà. Ma c’è co­mun­que una real­tà. Ho vi­sto la tran­si­zio­ne del Mes­si­co da luo­go di va­can­ze si­cu­ro a po­sto più pe­ri­co­lo­so del pia­ne­ta. L’an­no scor­so so­no mor­te 28 mi­la per­so­ne per la guer­ra dei car­tel­li. E so­no con­ten­to che que­sto flm con­tri­bui­sca a far co­no­sce­re fat­ti che la po­li­ti­ca con­ti­nua a ne­ga­re. Cioè, se ne par­la, ma la mi­nac­cia è mol­to più gran­de di quel che im­ma­gi­nia­mo.

Il suo per­so­nag­gio, l’agen­te Matt, non cre­de sia pos­si­bi­le ri­sol­ve­re il pro­ble­ma dro­ga. E lei?

Non so­no co­sì pes­si­mi­sta, ma pen­so an­che che ab­bia­mo sba­glia­to. Ne­gli an­ni Set­tan­ta Ni­xon in­tro­dus­se i pro­gram­mi di ria­bi­li­ta­zio­ne e pre­ven­zio­ne che avreb­be­ro po­tu­to fun­zio­na­re. Poi pe­rò il pia­no è di­ven­ta­to una co­sa ti­po “Ve­dia­mo quan­ta gen­te riu­scia­mo a met­te­re in ga­le­ra”, per­ché al­la gen­te pia­ce, fa col­po se di­ci che hai ar­re­sta­to un sac­co di de­lin­quen­ti. Co­sì sia­mo di­ven­ta­ti il Pae­se con più per­so­ne in ga­le­ra del mon­do, cre­do; ab­bia­mo spe­so mil­le mi­liar­di di dol­la­ri. E nien­te è cam­bia­to. Sa qual è il pro­ble­ma? Che se li ria­bi­li­ti non c’è più bi­so­gno di dro­ga, e se non c’è più bi­so­gno di dro­ga non c’è più bu­si­ness.

Si­ca­rio è il quar­to flm che gi­ra con Be­ni­cio del To­ro.

Il pri­mo è sta­to l’epi­so­dio di una se­rie te­le­vi­si­va, a 19 an­ni. Lui si pren­de­va un sac­co di tem­po per le bat­tu­te e io pen­sa­vo “Ma da do­ve ar­ri­va que­sto?”. Ave­va mol­ta fdu­cia in se stes­so ma era an­che al­tret­tan­to du­ro. Lo ado­ro al cen­to per cen­to. Uno dei po­chi... •

A si­ni­stra, una sce­na di Si­ca­rio, th­ril­ler sul­la lot­ta ai car­tel­li mes­si­ca­ni del­la dro­ga. A de­stra, un fra­me da Eve­re­st.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.