PRO­VE FUO­RI TEM­PO MAS­SI­MO

Corriere della Sera - Io Donna - - Vite Da Set - Clau­dio Sa­bel­li Fio­ret­ti Sen­za ver­go­gna blog.io­don­na.it/clau­dio-sa­bel­li-fo­ret­ti

e va be­ne. Do­po 35 an­ni an­ni da­gli av­ve­ni­men­ti, un giu­di­ce, in­da­gan­do sul ra­pi­men­to e l’as­sas­si­nio di Al­do Mo­ro, ha or­di­na­to di cer­ca­re trac­ce del Dna del lea­der del­la Dc nel co­vo del­le Bri­ga­te Ros­se di via Gra­do­li. Ba­da­te be­ne, non nel co­vo di via Mon­tal­ci­ni do­ve si sa per cer­to che Mo­ro fu te­nu­to pri­gio­nie­ro, ma in quel­lo di via Gra­do­li, quel­lo che fu sco­per­to gra­zie a una per­di­ta di ac­qua da una doc­cia, quel­lo che era sta­to an­che in­di­ca­to a Ro­ma­no Pro­di du­ran­te una se­du­ta spi­ri­ti­ca con tan­to di piat­ti­no e di ta­vo­li­no da­gli spi­ri­ti di don Stur­zo e di La Pi­ra per il tra­mi­te an­che di due mi­ni­stri, Ma­rio Bal­das­sar­ri e Al­ber­to Clò nel­la cui ca­sa di cam­pa­gna si svol­ge­va l’in­te­res­san­te in­ter­ro­ga­to­rio dei due tra­pas­sa­ti de­mo­cri­stia­ni. Già ve­do gli agen­ti en­tra­re nell’ap­par­ta­men­to di via Gra­do­li al­la ri­cer­ca di trac­ce del­la sa­li­va di Mo­ro e di qual­che suo ca­pel­lo. E mi im­ma­gi­no il lo­ro sco­ra­men­to quan­do do­vran­no am­met­te­re il lo­ro in­suc­ces­so con­fes­san­do al giu­di­ce che 35 an­ni, e tut­ti gli in­qui­li­ni che si so­no suc­ce­du­ti, han­no can­cel­la­to qual­sia­si pos­si­bi­li­tà di rin­trac­cia­re al­cun­ché dell’ex pre­si­den­te del­la De­mo­cra­zia Cri­stia­na. E per for­tu­na! Vi im­ma­gi­na­te che co­sa po­treb­be suc­ce­de­re se al con­tra­rio scap­pas­se fuo­ri un po’ di Dna? La mos­sa suc­ces­si­va sa­reb­be la ri­chie­sta di sca­vo del Pa­la­ti­no per cer­ca­re la pro­va che sia sta­to ve­ra­men­te Ro­mo­lo a uc­ci­de­re Re­mo. Ba­ste­reb­be un tu­bet­to vuo­to di bar­bi­tu­ri­ci ac­can­to a un po’ di cac­ca di Re­mo e la sto­ria di Ro­ma cam­bie­reb­be da co­sì a co­sì.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.