Li­fe

Corriere della Sera - Io Donna - - Icone - Gio­ven­tù bru­cia­ta, ndr) Ch­ro­ni­cle Fol­lo­wing, ndr) The

pa­ra­go­na­to a DiCa­prio. Pri­ma del­le ri­pre­se ero an­che più ma­gro di Dean. Ho do­vu­to ir­ro­bu­stir­mi un po’ e fa­re pa­le­stra, ma a par­te il ta­glio di ca­pel­li non ho pas­sa­to mol­te ore al truc­co. Non vo­le­va­mo una fo­to­co­pia, non avreb­be avu­to sen­so.

Che co­sa l’ha af­fa­sci­na­ta del per­so­nag­gio?

Nes­su­no co­no­sce dav­ve­ro Dean. Quan­to è ar­ri­va­to ai gior­ni no­stri è l’eco di un in­sie­me di vo­ci ve­re e me­no ve­re. Gli stu­dios sfrut­ta­ro­no la sua mor­te per crea­re il mi­to in­tor­no a ma le sue usci­te pub­bli­che fu­ro­no po­che. Ho guar­da­to e stu­dia­to i suoi flm, ma so­prat­tut­to ho cer­ca­to di com­pren­der­lo. So­no un ve­ro nerd del­la re­ci­ta­zio­ne, in que­sto io e lui un po’ ci as­so­mi­glia­mo.

Gra­zie al flm ha sco­per­to di Ja­mes Dean qual­co­sa che non sa­pe­va?

Che era dav­ve­ro in­na­mo­ra­to dell’at­tri­ce Pier An­ge­li (nel film in­ter­pre­ta­ta da Ales­san­dra Ma­stro­nar­di, e che se la ma­dre di lei non fos­se sta­ta con­tra­ria al­la re­la­zio­ne for­se si sa­reb­be­ro spo­sa­ti. Era pron­to a ri­schia­re an­che in amo­re.

E lei?

Io l’ho fat­to. Mi so­no spo­sa­to tre an­ni fa (con l’at­tri­ce An­na Wood, vi­sta in e nel­la se­rie

do­po sei di fdan­za­men­to. Sap­pia­mo che il ma­tri­mo­nio è dif­f­ci­le, che qua­si tut­te le cop­pie di at­to­ri pri­ma o poi si la­scia­no, ma vo­glia­mo es­se­re l’ec­ce­zio­ne.

Es­se­re ri­bel­li og­gi si­gni­f­ca lan­ciar­si se­ria­men­te nel­le re­la­zio­ni pri­ma dei trent’an­ni?

Per­ché no? Il mo­do mi­glio­re per cre­de­re nel ma­tri­mo­nio è nel non dar­gli trop­pa sa­cra­li­tà, me­glio pren­der­lo al­la leg­ge­ra, far­ne una sor­ta di ce­le­bra­zio­ne quo­ti­dia­na dell’amo­re.

Tut­to fun­zio­na quan­do en­tu­sia­smo…

c’è

E sin­ce­ri­tà. Al­me­no per me. Sem­bra Di­ven­ta­re un gio­ca­to­re di golf pro­fes­sio­ni­sta. For­se sa­reb­be sta­to un al­tro so­gno im­pos­si­bi­le. La ve­ri­tà è che da quan­do ave­vo 14 an­ni so­no im­pe­gna­to in tea­tro e nei cor­si di re­ci­ta­zio­ne. Non ho mai pen­sa­to a un pia­no B. Era un “o tut­to o nien­te”.

E per ades­so è “tut­to”...

Sì, sem­bra una ci­ta­zio­ne da Ja­mes Dean, pe­rò mi sem­bra l’uni­co mo­do

per fa­re dav­ve­ro l’at­to­re.

Da­ne DeHaan in una sce­na di

di An­ton Cor­bi­jn.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.