Gian­ni Bion­dil­lo: “Dal­le sfi­la­te al de­lit­to. Con il mio gial­lo am­bien­ta­to nel mon­do del­la moda, sco­pro il cuo­re ne­ro di Mi­la­no”

“Amo la mia cit­tà, an­che se mi tra­di­sce” di­ce Gian­ni Bion­dil­lo, che nell’ultimo li­bro “spo­sta” le in­da­gi­ni del suo ispet­to­re nei quar­tie­ri emer­gen­ti. E da ar­chi­tet­to non ri­spar­mia le cri­ti­che

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Ma­ria Gra­zia Li­ga­to

Giun­to al set­ti­mo ca­pi­to­lo del­la sua sa­ga, Mi­che­le Fer­ra­ro, po­li­ziot­to na­to a Quar­to Og­gia­ro, do­mi­ci­lia­to in via Pa­do­va, si è se­pa­ra­to, vi­ve con una fi­glia ado­le­scen­te che sbuf­fa in­sof­fe­ren­za co­me tut­ti gli ado­le­scen­ti e con­ti­nua a sca­va­re nel­le mil­le sfac­cet­ta­tu­re di una Mi­la­no che sot­to la pa­ti­na luc­ci­can­te na­scon­de un cuo­re ne­ro. Crea­to dal­lo scrit­to­re-ar­chi­tet­to Gian­ni Bion­dil­lo, an­che lui na­to a Quar­to Og­gia­ro, l’in­ve­sti­ga­to­re me­sco­la one­stà as­so­lu­ta e ami­ci­zie da bul­lo di pe­ri­fe­ria, te­star­dag­gi­ne e sen­so di giu­sti­zia. Vi­ve le con­trad­di­zio­ni del­la no­stra so­cie­tà, ha le no­stre de­bo­lez­ze e i no­stri slan­ci, co­no­sce dall’in­ter­no l’ani­mo uma­no at­tra­ver­so ca­si del­la vi­ta che, ba­sta un sof­fio, po­treb­be­ro es­se­re no­stri. «Lo sal­va l’iro­nia » pre­ci­sa Bion­dil­lo. «An­che se l’iro­nia sta mu­tan­do in sar­ca­smo » .

Cioè Fer­ra­ro sta in­vec­chian­do?

Si sta evol­ven­do, non è un per­so­nag­gio cri­stal­liz­za­to in un pre­sen­te in­fi­ni­to, ac­can­to gli scor­re la stes­sa vi­ta che vi­via­mo noi. Si­cu­ra­men­te è più di­sil­lu­so e ac­ciac­ca­to...

Nel nuo­vo ro­man­zo, L’in­can­to del­le

si­re­ne (Guan­da), in­da­ga nel mon­do del­la moda. No­vi­tà as­so­lu­ta…

È sta­ta la ve­ra sfi­da, io mi ve­sto co­me un dal­to­ni­co ubria­co.

Si è pre­pa­ra­to?

Per rac­con­ta­re si­tua­zio­ni, in­ven­ta­re sce­no­gra­fie e ar­chi­tet­tu­re bi­so­gna co­no­sce­re gli am­bien­ti, al­tri­men­ti si va per fra­si fat­te. Co­me chi par­la di Quar­to Og­gia­ro sen­za co­no­scer­la. Ho stu­dia­to con gli “ad­det­ti ai la­vo­ri”. Isa Ver­cel­lo­ni (sto­ri­ca del­lo sti­le, ndr) ha re­so edot­to una ca­pra co­me me. So­prat­tut­to, so­no an­da­to nei po­sti do­ve si crea­no gli abi­ti e al­le sfi­la­te.

Pas­sa­ta la puz­za sot­to il na­so ti­pi­ca de­gli in­tel­let­tua­li?

( ri­de) Ho vi­sto, al di là dei lu­stri­ni, del­le lu­ci, dei fla­sh, l’im­po­nen­te la­vo­ro d’ar­ti­gia­na­to che ne fa un’eco­no­mia glo­ba­le, un im­ma­gi­na­rio che espor­tia­mo in tut­to il mon­do.

Pe­rò Fer­ra­ro è zep­po di pre­giu­di­zi con­tro quel mon­do…

Al­cu­ni li con­fer­ma, al­tri si smon­ta­no mi­se­ra­men­te. Quan­do com­pren­de l’in­te­ro processo pro­dut­ti­vo, co­sa che ha emo­zio­na­to an­che me, ri­ma­ne af­fa­sci­na­to. In più la moda è par­te in­te­gran­te di Mi­la­no, la cit­tà che amo, an­che se è un’aman­te che mi tra­di­sce. Ma io non smet­to di tro­var­la bel­la.

Per la pri­ma vol­ta piaz­za Gae Au­len­ti è tea­tro di un omi­ci­dio di fin­zio­ne. A Fer­ra­ro non pia­ce la piaz­za.

Gli sem­bra di sta­re a Du­bai… Da ar­chi­tet­to di­co che è un luo­go un po’ ta­mar­ro, pe­rò i mi­la­ne­si l’han­no adot­ta­ta su­bi­to. Cre­do che sia nel­la na­tu­ra di que­sta cit­tà sen­ti­re una pul­sio­ne ver­so la no­vi­tà, un di­spe­ra­to de­si­de­rio di sen­tir­si ugua­li al re­sto del mon­do, non re­le­ga­ti ai pre­giu­di­zi su­gli ita­lia­ni in­do­len­ti. L’iden­ti­tà di Mi­la­no sem­bra quel­la di non as­so­mi­gliar­si mai, es­se­re un eter­no can­tie­re che si co­strui­sce so­pra. Poi rim­pian­ge quel­lo che ha per­du­to, rim­pian­ge i Na­vi­gli ma pri­ma li di­strug­ge.

Ci so­no mol­te Mi­la­no che tra lo­ro non dia­lo­ga­no, quar­tie­ri sen­za pun­ti di con­tat­to. Uno è Quar­to Og­gia­ro, do­ve lei è na­to.

Ogni vol­ta che ac­ca­de un epi­so­dio di ne­ra a Quar­to, mi chia­ma­no i cro­ni­sti. Con un cer­to ri­sen­ti­men­to di­co che pro­prio lì c’è il più al­to nu­me­ro di as­so­cia­zio­ni be­ne­fi­che di tut­ta la cit­tà, che c’è tan­tis­si­ma gen­te che la­vo­ra sul ter­ri­to­rio, ma non fa no­ti­zia.

Pe­rò nei suoi gial­li il quar­tie­re vio­len­to ha una fun­zio­ne ro­man­ti­ca. Co­me Broo­klyn nell’epo­pea dei “goo­d­fel­las” crea un le­ga­me for­te che vie­ne dall’ap­par­te­nen­za.

Le lo­gi­che di bran­co so­no fer­ree, ma va­le per tut­ti i grup­pi ri­stret­ti; an­che le mo­del­le, no­ta Fer­ra­ro, se­guo­no que­ste lo­gi­che. Nei luo­ghi cir­co­scrit­ti si ri­pro­pon­go­no ge­rar­chie e vio­len­ze: se l’am­bien­te è col­to ma­ga­ri si trat­ta “so­lo” di vio­len­ze psi­co­lo­gi­che. Nel ca­so di Fer­ra­ro na­sco­no rap­por­ti in­de­le­bi­li, per la vi­ta…

Lei dà sem­pre spa­zio all’at­tua­li­tà, que­sta vol­ta al­le ca­se po­po­la­ri oc­cu­pa­te da abu­si­vi.

La ge­stio­ne dell’ur­ba­ni­sti­ca di Mi­la­no è de­li­ran­te, ci so­no 10 mi­la ap­par­ta­men­ti vuo­ti, non è un’iper­bo­le, ma la ve­ri­tà di al­tret­tan­te fa­mi­glie sen­za ca­sa. E non stia­mo par­lan­do di espro­pria­re qual­co­sa a qual­cu­no, ma di ca­se che ap­par­ten­go­no al­la co­mu­ni­tà. Pos­si­bi­le che non si pos­sa fa­re un pro­get­to di po­li­ti­ca ur­ba­na?

Si ac­cen­na an­che all’im­mi­gra­zio­ne, con una sto­ria pa­ral­le­la ini­zia­ta con i bar­co­ni e fi­ni­ta in be­ne gra­zie a per­so­nag­gi ge­ne­re can­zo­ne di De An­drè.

Mi so­no ri­ser­va­to una fa­vo­la, al­la bam­bi­na pro­ta­go­ni­sta po­te­va suc­ce­de­re qua­lun­que co­sa, co­me tri­ste­men­te ve­dia­mo in que­sti gior­ni. Ma lei ogni vol­ta vie­ne sal­va­ta: da una pro­sti­tu­ta, da un bar­bo­ne, da un la­dro.

Per­ché il lie­to fi­ne?

Non vo­le­vo en­tra­re nel­la cro­na­ca, vo­le­vo so­lo se­gui­re que­sto pul­ci­no in­di­fe­so nel suo viag­gio sul bar­co­ne fi no all’Ita­lia e pen­sa­re che la vi­ta è più for­te. Le ho mes­so vi­ci­no dei “buo­ni”. L’uma­ni­tà si è sem­pre mos­sa, non ci sa­ran­no mu­ri né de­ma­go­gia a fer­mar­la. Se i po­li­ti­ci non lo ca­pi­sco­no ci pen­se­rà la de­mo­gra­fia. Bi­so­gna so­lo sta­bi­li­re qua­li co­sti, in vi­te uma­ne, vo­glia­mo pa­ga­re.

Io mi ve­sto co­me un dal­to­ni­co ubria­co: per por­ta­re Fer­ra­ro nel mon­do del fa­shion ho do­vu­to stu­dia­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.