Pe­ter Bog­da­no­vi­ch: “Il mio film idea­le? Un ca­ro­sel­lo d’amo­re in bian­co e ne­ro”

Se al­za il te­le­fo­no Pe­ter Bog­da­no­vi­ch ri­me­dia “com­par­se” di ran­go (Quen­tin Ta­ran­ti­no). Co­me nel suo omag­gio all’eta dell’oro di Hol­ly­wood che sa­reb­be pia­ciu­to an­che all’ami­co Or­son Wel­les. Tran­ne che per un det­ta­glio. Di co­lo­re

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Pao­la Pia­cen­za

Pe­ter Bog­da­no­vi­ch, 76 an­ni. L’ultimo film che ha di­ret­to, Tut­to può ac­ca­de­re a Broad­way, sa­rà nei ci­ne­ma il 12 no­vem­bre. Bog­da­no­vi­ch ha al­tri 5 film in usci­ta in Ame­ri­ca, co­me at­to­re.

L’im­por­tan­za de­gli scam­bi di fa­vo­ri. Pe­ter Bog­da­no­vi­ch, un si­gno­re og­gi 76en­ne per il qua­le la de­fi­ni­zio­ne di “leg­gen­da” non è ec­ces­si­va, co­nob­be Or­son Wel­les nel 1970 in­ter­vi­stan­do­lo sul set di Com­ma 22. I due si ca­pi­ro­no al vo­lo, di­ven­ne­ro ami­ci e qual­che tem­po do­po, vi­sto che Wel­les se la pas­sa­va ma­le, Bog­da­no­vi­ch fi­nì per ospi­tar­lo nel­la sua vil­la di Bel Air. Su Or­son Wel­les poi, il re­gi­sta, at­to­re, pro­dut­to­re, sto­ri­co, cri­ti­co e blog­ger (sì, è so­cial e mo­der­nis­si­mo) scris­se un li­bro e da an­ni sta cer­can­do di met­te­re in­sie­me il puzz­le del re­stau­ro del suo film L’al­tra fac­cia del ven­to.

Quan­do ven­ne il tur­no di Bog­da­no­vi­ch di non es­se­re trop­po in for­ma (13 an­ni di se­mi-inat­ti­vi­tà, ac­ciac­chi, qual­che fan­ta­sma), Quen­tin Ta­ran­ti­no, che gli è mol­to de­vo­to, gli aprì le por­te di ca­sa sua. «Quen­tin sa tut­to di me» rac­con­ta Bog­da­no­vi­ch, ele­gan­tis­si­mo, giac­ca chia­ra e ca­che-col, la

sua di­vi­sa. «Ci ve­dia­mo di quan­do in quan­do, an­che se non abi­to più da lui. E quan­do ci in­con­tria­mo par­lia­mo di ci­ne­ma. Gli piac­cio­no co­se che a me spes­so non di­co­no nien­te, ma re­sta un ve­ro ami­co. Pro­dur­rà lui il mio pros­si­mo film, una sto­ria di fan­ta­smi, com­me­dia e dram­ma tut­to in­sie­me».

Il mu­tuo soc­cor­so non è per tut­ti. Ma per l’au­to­re di L’ultimo spet­ta­co­lo, Ma pa­pà ti man­da so­la?, Pa­per Moon, …e tut­ti ri­se­ro, in mol­ti si so­no rim­boc­ca­ti le ma­ni­che. L’ultimo film di Pe­ter Bog­da­no­vi­ch, Tut­to può ac­ca­de­re a Broad­way, pas­sa­to fuo­ri con­cor­so al­la pe­nul­ti­ma Mo­stra di Ve­ne­zia tra la sod­di­sfa­zio­ne dei cri­ti­ci e che esce fi­nal­men­te in sa­la il 12 no­vem­bre, è sta­to pro­dot­to da Noah Baum­ba­ch e Wes An­der­son, cioè dal­la par­te più in­ven­ti­va e ci­ne­fi­la del nuo­vo ci­ne­ma in­di­pen­den­te ame­ri­ca­no. «Li chia­mo “fi­glio­li” e lo­ro chia­ma­no me “pop”, bab­bi­no» spie­ga Bog­da­no­vi­ch. «Nem­me­no le mie fi­glie e i miei ni­po­ti si az­zar­da­no». E ba­ste­reb­be la li­sta dei ca­mei - gen­te co­me Ta­ran­ti­no, Mi­chael Shan­non, Ta­tum O’Neal o Jack Hof­f­man, il fi­glio di Du­stin, chia­ma­ti lì per lì: «Fa­re­sti una co­si­na nel mio film? Hai tem­po do­po­do­ma­ni?» - per da­re l’idea del­la mo­bi­li­ta­zio­ne che rie­sce a su­sci­ta­re il mae­stro del­la New Hol­ly­wood, il mo­vi­men­to che quat­tro de­cen­ni fa - con Scor­se­se, Ci­mi­no, Cop­po­la e Lu­cas - si ri­pro­met­te­va di cam­bia­re le re­go­le del gio­co. Riu­scen­do­ci.

Per Tut­to può ac­ca­de­re a Broad­way vo­le­va «un’aria di New York» di­ce il re­gi­sta. L’ul­ti­ma di­chia­ra­zio­ne d’amo­re al­la sua cit­tà era sta­ta …e tut­ti ri

se­ro, il film del 1981 con Dorothy Strat­ten, ex mo­del­la con cui Bog­da­no­vi­ch ave­va una re­la­zio­ne. Dorothy ven­ne poi uc­ci­sa dal ma­ri­to fol­le di ge­lo­sia e il me­moir Mor­te di una play­ma­te pub­bli­ca­to da Te­re­sa Car­pen­ter sul Vil

la­ge Voi­ce vin­se il Pu­li­tzer. Per il re­gi­sta la ma­gia di New York si af­fie­vo­lì per un po’. A giu­di­ca­re dal­la Ma­n­hat­tan di Tut­to può ac­ca­de­re a Broad­way, Bog­da­no­vi­ch l’ha ri­tro­va­ta, nei ri­sto­ran­ti ita­lia­ni do­ve tut­ti si dan­no ap­pun­ta­men­to e gli al­ta­ri­ni si sco­pro­no, e nel­le ca­me­re d’al­ber­go do­ve per­so­nag­gi dai tem­pi co­mi­ci per­fet­ti se­du­co­no gio­va­ni pro­sti­tu­te con rac­con­ti di sco­iat­to­li e re­ga­lie, pur­ché la­sci­no la pro­fes­sio­ne e si fac­cia­no gui­da­re dai pro­pri so­gni. «L’idea mi è ve­nu­ta mol­to tem­po fa, quan­do gi­ra­vo Saint

Jack a Sin­ga­po­re. Vi­sto che il pro­ta­go­ni­sta era un pap­po­ne ( Ben Gaz­za­ra, era il 1979, ndr), ave­va­mo scrit­tu­ra­to al­cu­ne ve­re pro­sti­tu­te. Mi è ve­nu­to spon­ta­neo da­re ad al­cu­ne di lo­ro dei sol­di nel­la spe­ran­za che cam­bias­se­ro vi­ta. Poi l’idea è fi­ni­ta nel­la sce­neg­gia­tu­ra che io e Loui­se (Strat­ten, la so­rel­la di Dorothy, che Bog­da­no­vi­ch spo­sò nel 1988, ndr) ab­bia­mo scrit­to nel ’99 e che og­gi è di­ven­ta­ta un film».

amo­ro­so ca­ro­sel­lo di lun­ghis­si­ma ge­sta­zio­ne che ve­de schie­ra­to un ca­st straor­di­na­rio e de­vo­to. La bri­tan­ni­ca Imo­gen Poo­ts, con ac­cen­to di Broo­klyn, è una bel­la di not­te con la se­gre­ta spe­ran­za di es­se­re un gior­no sco­per­ta e tra­sfor­ma­ta in una star. Il suo mi­to, nean­che a dir­lo, è la Au­drey He­p­burn di Co­la­zio­ne da Tiffany, che fa­ce­va con al­tret­tan­ta gra­zia il suo stes­so me­stie­re. Jen­ni­fer Ani­ston, ir­re­si­sti­bi­le nel ruo­lo di una psi­ca­na­li­sta iste­ri­ca spe­cia­liz­za­ta nell’ag­gre­di­re i pa­zien­ti: «Io non la giu­di­co, ma quel­lo che lei mi sta di­cen­do è in­cre­di­bil­men­te stu­pi­do». E Owen Wil­son, il re­gi­sta tea­tra­le che rie­sce ad al­ter­na­re con­ver­sa­zio­ni al cel­lu­la­re con mo­glie, fi­gli e un’agen­zia di escort, ma è im­pos­si­bi­le vo­ler­glie­ne. «Era Owen l’at­to­re che aspet­ta­vo per fa­re il film; è bel­lo, se­xy, ma non è mi­nac­cio­so, ha una straor­di­na­ria in­no­cen­za» spie­ga il re­gi­sta.

Un omag­gio all’età dell’oro di Hol­ly­wood, cer­to a co­lo­ri, e pro­ba­bil­men­te a ma­lin­cuo­re vi­sto che, co­me so­ste­ne­va l’ami­co Or­son Wel­les, «tut­te le mi­glio­ri per­for­man­ces so­no in bian­co e ne­ro». Per­ché de­ve es­se­re dif­fi­ci­le pro­dur­re mi­to se si esce dal­la pa­let­te dei gri­gi. Ma po­co im­por­ta: Bog­da­no­vi­ch le re­cen­sio­ni le fa leg­ge­re pri­ma all’as­si­sten­te: «E se non so­no buo­ne, le but­to di­ret­ta­men­te nel ce­sti­no».

L’idea di un per­so­nag­gio che pa­ga le pro­sti­tu­te per­ché cam­bi­no vi­ta mi è ve­nu­ta gi­ran­do un film a Sin­ga­po­re. Ma mi ser­vi­va un at­to­re con l’in­no­cen­za di Owen Wil­son

Pe­ter Bog­da­no­vi­ch, a si­ni­stra, con Owen Wil­son e Jen­ni­fer Ani­ston.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.