Lu­net­ta Sa­vi­no: “Ba­sta una par­ruc­ca gri­gia per tra­sfor­mar­mi. E cer­ca­re la fe­li­ci­tà”

In tv in­ter­pre­ta Gio­van­na, du­ra e per­be­ni­sta. Ma l’agen­da di Lu­net­ta Sa­vi­no è fit­ta di per­so­nag­gi. E do­po la co­rag­gio­sa Fe­li­cia, la ma­dre dei “cen­to pas­si”, sa­rà in tea­tro con il suo pri­mo Ce­chov. Emo­zio­na­ta? “Nooo, lo aspet­to so­lo da una vi­ta....”

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di An­na Ma­ria Spe­ro­ni

Lu­net­ta Sa­vi­no, po­lie­dri­ca at­tri­ce ba­re­se, sa­rà in tv nei pan­ni di una pa­stic­ce­ra ro­ma­na, pro­ta­go­ni­sta del­la fic­tion di Raiuno È ar­ri­va­ta la fe­li­ci­tà.

Ci so­no due mo­di per in­ter­pre­ta­re un per­so­nag­gio: o lui di­ven­ta te, o tu di­ven­ti lui. A me pia­ce il se­con­do. Cam­bia­re, tra­sfor­mar­mi». E si ve­de: Lu­net­ta Sa­vi­no ha la­vo­ra­to in fic­tion te­le­vi­si­ve di suc­ces­so ( Un me­di­co in fa­mi­glia, Rac­con­ta­mi, Pie­tro Men­nea),

al ci­ne­ma con re­gi­sti co­me Fer­zan Oz­pe­tek e Cri­sti­na Co­men­ci­ni, a tea­tro con Emi­lio Sol­friz­zi ( Due di noi) e Fran­ce­sca Co­men­ci­ni ( Tan­te fac­ce nel­la me­mo­ria, sul­le Fos­se Ar­dea­ti­ne, che ri­pren­de­rà que­sto in­ver­no); nel­la pros­si­ma man­cia­ta di me­si sa­rà la ric­ca pa­stic­ce­ra del Te­stac­cio, Gio­van­na (in È ar­ri­va­ta la fe­li­ci­tà, su Raiuno fi­no a no­vem­bre), una ca­me­rie­ra de­pres­sa a tea­tro in Grand Gui­gnol all’ita­lia­na (scrit­to da Vit­to­rio Fran­ce­schi e di­ret­to da Ales­san­dro D’Ala­tri, da no­vem­bre all’Eli­seo di Ro­ma), una del­le Tre so­rel­le di Ce­chov, Ol­ga, re­gia di Pier­fran­ce­sco Fa­vi­no (in apri­le, a Fi­ren­ze, il de­but­to); e Fe­li­cia Im­pa­sta­to,

L’Ita­lia di og­gi è tra­gi­co­mi­ca, la ri­sa­ta ti si smor­za sul­la fac­cia. Quei to­ni che a tea­tro sem­bra­no ec­ces­si­vi so­no co­lo­ri pa­stel­lo ri­spet­to al­la real­tà

ma­dre di Pep­pi­no, che sta gi­ran­do in que­sti gior­ni tra Pa­ler­mo e Ci­ni­si nel­la fa­mo­sa stra­da dei “cen­to pas­si”. An­dia­mo in ordine cro­no­lo­gi­co. La se­rie È ar­ri­va­ta la fe­li­ci­tà an­drà in on­da a bre­ve su Raiuno. Chi è Gio­van­na?

La ma­dre di Clau­dia Pan­dol­fi, pro­ta­go­ni­sta di que­sta com­me­dia sen­ti­men­ta­le, e di Giu­lia Be­vi­lac­qua; mi scon­tro so­prat­tut­to con lei, le­sbi­ca e in­cin­ta. Gio­van­na è una pic­co­lo bor­ghe­se at­ten­ta al­le re­la­zio­ni di quar­tie­re; de­te­sta che si pos­sa sparlare di lei e del­la sua fa­mi­glia: in­som­ma, è in­sop­por­ta­bi­le. Dif­fi­ci­le im­ma­gi­na­re qual­che pun­to in co­mu­ne tra voi due.

Mi so­no di­ver­ti­ta per que­sto. In real­tà so­no si­cu­ra che sa­rà sim­pa­ti­ca per­ché nel po­li­ti­cal­ly cor­rect ge­ne­ra­le è l’uni­ca che di­ce la sua, pur dan­do vo­ce a un per­be­ni­smo un po’ gret­to.

La chia­ve per av­vi­ci­nar­si a lei?

La sce­neg­gia­tu­ra mi ha aiu­ta­to mol­to. Pe­rò ho chie­sto una par­ruc­ca

gri­gia, a me­tà tra He­len Mir­ren e Me­ryl Streep in Il dia­vo­lo ve­ste Pra

da, per ave­re un’im­ma­gi­ne più du­ra. Ha pen­sa­to a co­me rea­gi­reb­be se un fi­glio le di­ces­se di es­se­re omo­ses­sua­le?

Di si­cu­ro non co­me que­sta str... For­se mi por­rei il pro­ble­ma, da ma­dre, di una sua even­tua­le sof­fe­ren­za. Pe­rò non è mai sta­ta una pre­oc­cu­pa­zio­ne ve­ra, le mie pau­re per mio fi­glio so­no al­tre: la dro­ga, la paz­zia.

Per lei è ar­ri­va­ta la fe­li­ci­tà?

Va e vie­ne. Di­pen­de da co­me si in­ten­de la pa­ro­la, se par­lia­mo di sen­ti­men­to as­so­lu­to, dif­fi­ci­le sbi­lan­ciar­si. Mi ven­go­no in men­te i mo­men­ti che si ci­ta­no in que­sti ca­si, che poi so­no ve­ri: la na­sci­ta di mio fi­glio o aver vin­to il pro­vi­no fi­na­le per cer­ti per­so­nag­gi, co­me Cet­ti­na di Un me­di­co

in fa­mi­glia. Gli in­na­mo­ra­men­ti no, se­con­do me il sen­ti­men­to amo­ro­so è sem­pre un gran mi­scu­glio che c’entra più con il de­si­de­rio, con qual­co­sa che ti smuo­ve den­tro e sem­pre al li­mi­te del­la sof­fe­ren­za.

L’amo­re è so­prav­va­lu­ta­to? Sì, de­ci­sa­men­te! Va vis­su­to an­che se ti fa sof­fri­re, è tal­men­te vi­ta­le. Ma è amo­re an­che quel­lo ver­so la fa­mi­glia, il la­vo­ro, l’ami­ci­zia, la pas­sio­ne po­li­ti­ca. L’esi­sten­za è ric­ca di sfac­cet­ta­tu­re e non me la sen­to di pri­vi­le­giar­ne una sol­tan­to. An­che il do­lo­re è fon­da­men­ta­le. An­zi, io vi­vo la fe­li­ci­tà so­prat­tut­to co­me con­tral­ta­re del do­lo­re: fe­li­ci­tà è quan­do rie­sci a ri­sar­ci­re te stes­so dei mo­men­ti bui. Una per­la di equi­li­brio: l’ha aiu­ta­ta qual­che gu­ru o è ba­sta­ta la vi­ta?

È un man­tra che mi di­co da so­la, non mi so­no ser­vi­ti psi­coa­na­li­sti, sa­cer­do­ti o gu­ru. Ora sta gi­ran­do la fic­tion di Raiuno su Fe­li­cia Im­pa­sta­to, una fi­gu­ra che il do­lo­re l’ha co­no­sciu­to a lun­go.

Ci ha mes­so 22 an­ni a ot­te­ne­re giu­sti­zia per l’as­sas­si­nio di suo fi­glio. È mor­ta un­di­ci an­ni fa ma mi so­no vi­sta e ri­vi­sta tut­ti i fil­ma­ti che ho tro­va­to su di lei. For­te, co­rag­gio­sa, fer­ma. Sen­za quel­la si­ci­lia­ni­tà “tut­ta fuo­ri”: è pa­ca­ta, iro­ni­ca, uno sguar­do di­rit­to cui non puoi sfug­gi­re. Men­tre la os­ser­va­vo mi di­ce­vo: io le vo­glio be­ne a que­sta qua. In­tui­sci il suo tra­va­glio, ma tut­ta la sof­fe­ren­za la tie­ne per sé. Per la pri­ma vol­ta so­no pro­ta­go­ni­sta as­so­lu­ta. So­no un po’ agi­ta­ta, ma so­prat­tut­to con­ten­ta di con­tri­bui­re a far co­no­sce­re una don­na straor­di­na­ria. La tv ser­ve an­che a que­sto.

Gli ita­lia­ni di Grand Gui­gnol, in­ve­ce, so­no me­no straor­di­na­ri.

Sì, ma an­che ri­co­no­sci­bi­li, co­me il sa­lu­mie­re le­ghi­sta che ma­sche­ra con il sor­ri­so vio­len­za e raz­zi­smo. Spe­ro che il pub­bli­co ri­de­rà di se stes­so.

Quan­to è grot­te­sca l’Ita­lia di og­gi?

Ab­ba­stan­za. È tra­gi­co­mi­ca, la ri­sa­ta ti si smor­za sul­la fac­cia. Quei to­ni che a tea­tro sem­bra­no ec­ces­si­vi so­no co­lo­ri pa­stel­lo ri­spet­to al­la real­tà. Può sem­pre ri­fu­giar­si in un clas­si­co

co­me le Tre so­rel­le. La mia pri­ma vol­ta con Ce­chov, è una vi­ta che lo aspet­to. La com­pa­gnia è al­le­gra e nu­me­ro­sa. Fac­cio tea­tro an­che per sta­re con gli al­tri: è bel­lo pas­sa­re la pal­la, non te­ner­la per sé.

Lu­net­ta Sa­vi­no con Clau­dia Pan­dol­fi, sua fi­glia nel­la fic­tion

È ar­ri­va­ta la fe­li­ci­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.