Jes­si­ca Cha­stain: “Astro-Jes­si­ca? No! Ho una vi­ta trop­po fe­li­ce qui”

An­co­ra un film sul­lo spa­zio (e firmato) do­po il suc­ces­so di “In­ter­stel­lar”, ma la Cha­stain non è in­te­res­sa­ta ad al­tri mon­di. “Mi­ca po­trei por­ta­re il mio ca­gno­li­no?”. E nep­pu­re il fi­dan­za­to ita­lia­no...

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Ales­san­dra Ve­ne­zia

Jes­si­ca Cha­stain, 38 an­ni, fi­dan­za­ta con Gian Lu­ca Pas­si de Pre­po­su­lo. At­tri­ce esi­gen­te, non ha sba­glia­to un film, da The Tree of Li­fe di Terrence Ma­lick (2011) a Ze­ro Dark Thir­ty (2012) e In­ter­stel­lar (2014).

Per set­te an­ni ave­va ti­ra­to la cin­ghia per pa­gar­si l’af­fit­to di ca­sa. Te­ne­va du­ro, per­ché re­ci­ta­re era la pas­sio­ne del­la sua vi­ta: lo sa­pe­va sin da quan­do era bam­bi­na. Poi, con The Tree of Li­fe di Terrence Ma­lick (a fian­co di Brad Pitt e Sean Penn), ar­ri­vò il suc­ces­so, e il no­me di Jes­si­ca Cha­stain rim­bal­zò d’un trat­to tra quel­li del­le 100 per­so­ne mo­st in­fluen­tial del mon­do del set­ti­ma­na­le Ti­me. Era il 2011, e lì per lì par­ve un’esa­ge­ra­zio­ne, ma da al­lo­ra l’at­tri­ce ca­li­for­nia­na ha in­fi­la­to pun­tual­men­te una se­que­la di suc­ces­si, da Ze­ro Dark Thir­ty fi­no a In­ter­stel­lar e A Mo­st

Vio­lent Year. Ti­me ave­va vi­sto giu­sto. Co­sì riservata, fi­ne e ri­spet­to­sa, la Cha­stain sem­bra un’ano­ma­lia nel mon­do ru­mo­ro­so e scin­til­lan­te di Hol­ly­wood, ep­pu­re quel­la sua aria an­ge­li­ca­ta na­scon­de una for­te de­ter­mi­na­zio­ne. Og­gi è una del­le at­tri­ci più am­bi­te dai re­gi­sti, una star che ol­tre­tut­to si bat­te per la­vo­ra­re so­lo con chi sti­ma e ama. Due an­ni fa, per esem­pio, fe­ce il dia­vo­lo a quat­tro per ave­re con sé Oscar Isaac, suo ex com­pa­gno al­la Juil­liard (la pre­sti­gio­sa scuo­la di re­ci­ta­zio­ne di New York) in The Mo­st Vio­lent Year, e la spun­tò. Ades­so la ve­di spes­so pas­seg­gia­re per Ma­n­hat­tan, fe­li­ce col suo com­pa­gno ita­lia­no (da tre an­ni) Gian Lu­ca Pas­si de Pre­po­su­lo, e Cha­plin, il ca­gno­li­no tro­va­tel­lo, con so­lo tre zam­pi­ne, che ha adot­ta­to. E no, l’af­fit­to di ca­sa non pa­re più un pro­ble­ma: re­cen­te­men­te si è com­pra­ta un bell’ap­par­ta­men­to “sto­ri­co” pro­prio da­van­ti a Car­ne­gie Hall: lo stes­so in cui per die­ci an­ni ave­va vis­su­to Leo­nard Bern­stein (pro­prio là - si rac­con­ta - lui e Ste­phen Son­d­heim han­no scrit­to We­st Si­de Sto­ry). Per­ché Jes­si­ca ha un’ani­ma par­ti­co­la­re: se la cer­chi su In­sta­gram, si pre­sen­ta co­sì: «At­to­re, to­po di bi­blio­te­ca, fa­na­ti­ca di El­vis e ami­ca di tut­ti gli ani­ma­li (ve­di le va­rie im­ma­gi­ni in cui ac­ca­rez­za pro­bo­sci­di e mu­si di gi­raf­fe, ndr) ». La in­ter­vi­stia­mo per So­prav­vis­su

to - The Mar­tian, l’av­ven­tu­ra spa­zia­le di Rid­ley Scott con Matt Da­mon: ha il ruo­lo del Co­man­dan­te Me­lis­sa Lewis, nel­la sua pri­ma mis­sio­ne su Mar­te. Por­ta un ve­sti­ti­no blu co­bal­to che met­te in ri­sal­to la sua car­na­gio­ne

lat­tea, e i leg­gen­da­ri ca­pel­li ros­si lun­ghi e on­du­la­ti. Di­chia­ra spes­so di cre­de­re nell’ine­vi­ta­bi­li­tà del de­sti­no, nel fa­to. Co­me im­ma­gi­na il fu­tu­ro? Noi uma­ni ab­bia­mo un’ani­ma da esplo­ra­to­ri: sca­lia­mo mon­ta­gne, na­vi­ghia­mo gli ocea­ni, la co­lo­niz­za­zio­ne di al­tri pia­ne­ti non sem­bra co­sì lon­ta­na. Per­so­nal­men­te, so­no un’ot­ti­mi­sta, spe­ro pro­prio di po­te­re ve­de­re un gior­no or­ga­ni­smi pro­ve­nien­ti da mon­di dif­fe­ren­ti dal no­stro.

È per que­sto che, do­po In­ter­stel­lar, ha vo­lu­to av­ven­tu­rar­si di nuo­vo, con So­prav­vis­su­to, nell’uni­ver­so? Da ra­gaz­zi­na so­gna­vo di es­se­re la Prin­ci­pes­sa Lei­la di Guer­re Stel­la

ri (ri­de) e esplo­ra­re lo spa­zio, mai pe­rò di di­ven­ta­re un’astro­nau­ta! Mi

af­fa­sci­na piut­to­sto il processo crea­ti­vo, co­me vi­sua­liz­za­re, in­sce­na­re cer­ti am­bien­ti e si­tua­zio­ni. So­gna­va mol­to a oc­chi aper­ti, da bam­bi­na?

L’abi­to da spo­sa, glie­lo di­co su­bi­to, non l’ho so­gna­to mai, piut­to­sto quel­lo da in­dos­sa­re la not­te de­gli Oscar! Ero un ma­schiac­cio, ma in que­sti ul­ti­mi cin­que an­ni mi so­no sca­te­na­ta e di­ver­ti­ta mol­tis­si­mo a gio­ca­re all’al­ta sar­to­ria! Chi le dà una ma­no a sce­glie­re i suoi abi­ti per gli even­ti mon­da­ni?

Mi aiu­ta­no gli ami­ci del mon­do del­la moda, io non ho un gran ta­len­to in que­sto. Mi piac­cio­no gli abi­ti del pas­sa­to, a vol­te scel­go del­le im­ma­gi­ni su Goo­gle, al­lo­ra chie­do lo­ro se è pos­si­bi­le ispi­rar­si a quei mo­del­li. Ma so­lo ai miei ami­ci, non mi per­met­te­rei mai… Il suo boy­friend la­vo­ra nel mon­do del­la moda: la aiu­ta in cer­ti mo­men­ti?

Del mio ra­gaz­zo in ge­ne­re non fac­cio pa­ro­la, pe­rò quan­do ti pre­pa­ri per un red car­pet è pia­ce­vo­le ave­re un com­pa­gno che ti guar­da e ti di­ce: «Qui ci vuo­le qual­co­sa di più » , o «qui ser­ve

un’ag­giu­sta­ti­na… » (ri­de). Non è ma­le.

E di Gian Lu­ca cos’al­tro ci può di­re?

Ciaoooo!

Tor­nia­mo al suo film: il suo per­so­nag­gio a un cer­to pun­to si ri­bel­la agli or­di­ni e fa di te­sta sua. Lei è un ti­po ri­bel­le? Di­pen­de. Mi pia­ce ri­spet­ta­re le leg­gi, man­te­ne­re un cer­to ordine so­cia­le, pe­rò amo gli ar­ti­sti im­pre­ve­di­bi­li e po­co con­ven­zio­na­li. Ado­ro per esem­pio Xa­vier Do­lan (il re­gi­sta e scrit­to­re ca­na­de­se di Mom­my, ndr) per­ché i suoi film spaz­za­no via ogni re­go­la. In Olan­da pro­get­ta­no di crea­re una co­lo­nia uma­na su Mar­te en­tro il 2027: chi par­te­ci­pe­rà al viag­gio po­treb­be non fa­re più ri­tor­no sul­la Ter­ra. Lei si im­bar­che­reb­be? Oh, as­so­lu­ta­men­te no! La mia vi­ta ades­so è trop­po bel­la. Ho sì il pal­li­no dei viag­gi spa­zia­li, am­mi­ro la Na­sa e con­si­de­ro gli astro­nau­ti ve­ri eroi, ma è una vi­ta che non fa per me. Mi pia­ce piut­to­sto es­se­re uno spet­ta­to­re. E poi, co­me po­trei di­re ad­dio al­la fa­mi­glia? E che fa­re del mio ca­ne? Mi­ca me lo pos­so por­ta­re su Mar­te. Ha un fi­dan­za­to ita­lia­no di cui non vuo­le par­la­re, non le chie­de­rò se gli cu­ci­na gli spa­ghet­ti. Mi di­ca pe­rò che co­sa ama dell’Ita­lia. Ma­ga­ri un og­get­to che ha com­pra­to per il suo nuo­vo ap­par­ta­men­to. Un lam­pa­da­rio ve­ne­zia­no. So­no an­da­ta a Mu­ra­no, ho vi­sto all’ope­ra i sof­fia­to­ri di ve­tro e ho fi­ni­to con l’ac­qui­star­ne uno. Co­me re­si­ste­re?

Quan­do ti stai pre­pa­ran­do per un red car­pet è pia­ce­vo­le ave­re un com­pa­gno che ti guar­da e di­ce: «Qui ci vuo­le qual­co­sa di più , o «qui ser­ve un’ag­giu­sta­ti­na…

Jes­si­ca Cha­stain con Matt Da­mon, Ka­te Ma­ra, Ak­sel Hen­nie e Se­ba­stian Stan in una sce­na di So­prav­vis­s­su­to -

The Mar­tian, trat­to dal ro­man­zo di An­dy Weir e di­ret­to da Rid­ley Scott (nei ci­ne­ma dal pri­mo ot­to­bre).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.