Sa­ra Da­nius: “Se sei de­gno del No­bel, lo de­ci­do (an­che) io”

Sa­ra Da­nius è la pri­ma don­na Se­gre­ta­rio per­ma­nen­te dell’Ac­ca­de­mia rea­le sve­de­se che as­se­gna il mi­ti­co pre­mio let­te­ra­rio. Ex gio­ca­tri­ce di ba­sket e crou­pier al ca­si­nò, ci rac­con­ta co­me ce l’ha fat­ta. Nel no­me di Mar­cel (Proust)

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Lu­ca Ber­ga­min

Sa­ra Da­nius, 53 an­ni. Pro­fes­so­re di Let­te­ra­tu­ra com­pa­ra­ta all’uni­ver­si­tà di Stoc­col­ma, ha ri­co­per­to in­ca­ri­chi ac­ca­de­mi­ci al Con­si­glio Eu­ro­peo per la Ri­cer­ca.

Sa­ra da­nius, la pri­ma don­na a es­se­re di­ven­ta­ta Se­gre­ta­rio per­ma­nen­te dell’Ac­ca­de­mia rea­le sve­de­se che as­se­gna ogni an­no il Pre­mio No­bel per la Let­te­ra­tu­ra, ha 53 an­ni, ama la moda, il de­si­gn, la cu­ci­na e la ce­ra­mi­ca. Ha vis­su­to “tan­te” vi­te: gio­ca­tri­ce di ba­sket, crou­pier di ca­si­nò, ca­me­rie­ra nei ri­sto­ran­ti. Il suo gran­de amo­re di no­me fa Mar­cel e di co­gno­me... Proust. Nel mar­zo dell’an­no scor­so ha sco­per­to di ave­re un can­cro al se­no. Si sta cu­ran­do con te­na­cia e vo­lon­tà, do­ti che l’han­no sem­pre con­trad­di­stin­ta. Il pe­rio­do in­ten­so che por­te­rà all’as­se­gna­zio­ne del No­bel, in ot­to­bre, è già co­min­cia­to, noi ab­bia­mo pro­va­to a scu­cir­le qual­che se­gre­to e il no­me del pros­si­mo vin­ci­to­re.

La pri­ma don­na in 229 an­ni di sto­ria al ver­ti­ce dell’Ac­ca­de­mia rea­le sve­de­se. Che ef­fet­to le fa?

Sul pia­no sim­bo­li­co, la mia no­mi­na ha un in­dub­bio va­lo­re. Ma non è

ar­ri­va­ta per il mio ge­ne­re ses­sua­le, ben­sì per l’espe­rien­za che ho ma­tu­ra­to co­me pro­fes­so­re di Let­te­ra­tu­ra com­pa­ra­ta all’Uni­ver­si­tà di Stoc­col­ma, per il dot­to­ra­to al­le Uni­ver­si­tà di Du­ke e Du­rham ne­gli Sta­ti Uni­ti, i nu­me­ro­si in­ca­ri­chi ac­ca­de­mi­ci al Con­si­glio Eu­ro­peo per la Ri­cer­ca. E poi so­no cri­ti­co e sag­gi­sta.

Le è mai ca­pi­ta­to di vo­ta­re a ma­lin­cuo­re per un can­di­da­to che non le pia­ce­va?

I cin­que fi­na­li­sti so­no una no­stra scel­ta, per­ciò an­che se il pre­di­let­to non do­ves­se ave­re la mag­gio­ran­za, ge­ne­ral­men­te sen­tir­si in ac­cor­do con la de­ci­sio­ne fi­na­le non è co­sì com­pli­ca­to.

Per­ché sol­tan­to po­che don­ne han­no vin­to il No­bel per la Let­te­ra­tu­ra? Mol­te can­di­da­te ma­ga­ri, ades­so che lei è se­gre­ta­rio, nu­tro­no mag­gio­ri chan­ce...

Per le stes­se ra­gio­ni per cui le don­ne nel mon­do co­sid­det­to ci­vi­liz­za­to non han­no po­tu­to vo­ta­re si­no al XX se­co­lo, non han­no po­tu­to ave­re ac­ces­so ai li­vel­li più al­ti del si­ste­ma edu­ca­ti­vo si­no al­la fi­ne del XIX se­co­lo. Pe­rò, a par­ti­re dal 1990, la per­cen­tua­le è di una don­na No­bel su tre (men­tre dal 1906 al 1990 lo vin­se­ro ap­pe­na sei, ndr). In­som­ma, stia­mo mi­glio­ran­do...

Ci pro­vo: mi può di­re qua­li so­no gli scrit­to­ri con­tem­po­ra­nei che pre­di­li­ge?

Mi sem­bra che aves­si­mo un ac­cor­do... Lo sa che a que­sto non pos­so ri­spon­de­re.

Mi di­ca al­me­no co­me si spie­ga che un au­to­re co­me Phi­lip Ro­th non sia mai sta­to in­si­gni­to del Pre­mio. Cer­te vol­te i vo­stri cri­te­ri di scel­ta pa­io­no in­spie­ga­bi­li...

Non so per­ché Ro­th non ab­bia vin­to e an­che se lo sa­pes­si, non po­trei dir­lo, a lei co­me a nes­sun al­tro...

Pe­rò di Proust, il suo ama­to Mar­cel, qual­co­sa ci può di­re.

Lo ado­ro e gli ho de­di­ca­to una lar­ga par­te del mio la­vo­ro di dot­to­ra­to, in par­ti­co­la­re la sua re­la­zio­ne di fa­sci­na­zio­ne e al tem­po stes­so ti­mo­re con la tec­no­lo­gia, a par­ti­re dal­le au­to­mo­bi­li. Ho stu­dia­to mol­to an­che Tho­mas Mann, Ja­mes Joy­ce, Bal­zac e Flau­bert. Ma Proust re­sta il mio gran­de amo­re let­te­ra­rio: in un li­bro ho scan­da­glia­to an­che la sua pas­sio­ne per la fo­to­gra­fia.

E gli scrit­to­ri ita­lia­ni con­tem­po­ra­nei? Fac­cio un no­me (in real­tà ci sto... ri­pro­van­do): Clau­dio Ma­gris?

Ma­gris è un gran­de au­to­re, è in­ne­ga­bi­le. Se do­ves­si di­re i due vo­stri scrit­to­ri che pre­di­li­go, sce­glie­rei Na­ta­lia Ginz­burg e Ita­lo Cal­vi­no.

È ve­ro che ave­va la stof­fa per di­ven­ta­re una cam­pio­nes­sa di pal­la­ca­ne­stro?

Al li­ceo ero dav­ve­ro mol­to bra­va, ma for­se non ab­ba­stan­za per sfon­da­re in que­sto sport.

In gio­ven­tù non si è fat­ta man­ca­re nul­la, an­che il la­vo­ro di crou­pier, di­stri­bui­va le car­te sui ta­vo­li da gio­co dei ca­si­nò...

Du­ran­te l’uni­ver­si­tà, ho la­vo­ra­to an­che in al­cu­ni ospe­da­li e ri­sto­ran­ti co­me in­ser­vien­te e ca­me­rie­ra, i sol­di mi ser­vi­va­no per vi­ve­re. So­no sta­te espe­rien­ze che mi han­no in­se­gna­to mol­to sul­la psi­co­lo­gia del ge­ne­re uma­no.

Il la­vo­ro ma­nua­le è dun­que con­si­glia­bi­le an­che a chi ha una for­ma­zio­ne o pre­de­sti­na­zio­ne a una vi­ta in­tel­let­tua­le?

Cre­do di sì, che sia sem­pre me­glio met­ter­si al­la pro­va con le espe­rien­ze più di­spa­ra­te, for­ti­fi­ca di si­cu­ro. Una vi­ta in­cen­tra­ta uni­ca­men­te sul­la let­te­ra­tu­ra, per quan­to io la ami, non può as­so­lu­ta­men­te ba­sta­re, è co­mun­que po­ve­ra.

Lei scri­ve an­che li­bri di cu­ci­na.

So­no piut­to­sto bra­va nel­la pre­pa­ra­zio­ne di piat­ti ve­lo­ci, sem­pli­ci e ge­nui­ni.

La­vo­ra­re co­me in­ser­vien­te ne­gli ospe­da­li è sta­to mol­to im­por­tan­te. Una vi­ta in­cen­tra­ta uni­ca­men­te sui li­bri, per quan­to io li ami, non può ba­sta­re: per­ché re­sta co­mun­que po­ve­ra

Sa­ra Da­nius è cri­ti­co e sag­gi­sta. « Ho stu­dia­to Mann, Joy­ce, Bal­zac... Ma il mio amo­re let­te­ra­rio è Mar­cel Proust: in un li­bro ho scan­da­glia­to an­che la sua pas­sio­ne per la fo­to­gra­fia di­ce. A sor­pre­sa, è an­che au­tri­ce di li­bri di cu­ci­na.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.