Opi­nio­ni

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Caz­zul­lo, Me­li, Ro­do­tà

sin­ce­ra­men­te tro­vo sba­glia­to che un pro­cu­ra­to­re del­la Re­pub­bli­ca av­ver­ta la ne­ces­si­tà di spe­ci­fi­ca­re - in tv - che la si­gno­ra uc­ci­sa dall’ivo­ria­no fug­gi­to dal cam­po di Mi­neo è sta­ta vio­len­ta­ta. La ver­go­gna ri­ca­de ov­via­men­te sem­pre sul car­ne­fi­ce e non sul­la vit­ti­ma; ma sa­reb­be sta­to me­glio che la cir­co­stan­za emer­ges­se non da­van­ti al­le te­le­ca­me­re ma nell’au­la del tri­bu­na­le, co­me ag­gra­van­te; am­mes­so che si pos­sa im­ma­gi­na­re un de­lit­to an­co­ra più gra­ve che sgoz­za­re due co­niu­gi in­no­cen­ti. For­se il ma­gi­stra­to ha av­ver­ti­to la ne­ces­si­tà di da­re la no­ti­zia per av­va­lo­ra­re la car­ce­ra­zio­ne pre­ven­ti­va e as­si­cu­ra­re al­la giu­sti­zia una per­so­na che ri­schia­va di far­la fran­ca. Co­me l’ha fat­ta in­cre­di­bil­men­te fran­ca Oleg Fe­d­chen­ko, l’ucrai­no che a Mi­la­no sce­se di ca­sa do­po una li­te con la fi­dan­za­ta ri­pro­met­ten­do­si di uc­ci­de­re a pu­gni la pri­ma don­na che aves­se in­con­tra­to. E uc­ci­se dav­ve­ro, a pu­gni, Em­lou Ar­ve­su, una fi­lip­pi­na che sta­va an­dan­do al la­vo­ro. In­fer­mi­tà men­ta­le: nien­te car­ce­re, ma 5 an­ni di isti­tu­to di cu­ra, da cui è usci­to do­po due an­ni e mez­zo. Ora è li­be­ro nel suo Pae­se. Fos­si il pa­dre, il ma­ri­to, il fi­glio di Em­lou Ar­ve­su, im­paz­zi­rei di do­lo­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.