– Sche­ma li­be­ro

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Ales­san­dro Ca­la­sci­bet­ta

John Cas­sa­ve­tes: un ra­ro esem­pio di sin­te­si tra bel­lez­za e ta­len­to. Tra gli an­ni Cin­quan­ta e gli Ot­tan­ta gi­rò una tren­ti­na di film da at­to­re e una doz­zi­na co­me re­gi­sta in­di­pen­den­te. Tut­ti film “spe­cia­li”, gi­ra­ti qua­si sem­pre in in­ter­ni, co­me piè­ce tea­tra­li. Pel­li­co­le di con­cet­to e sce­neg­gia­tu­re in­tel­let­tua­li. Cas­sa­ve­tes, in­fat­ti, non è ar­ci-no­to, so­prat­tut­to pres­so i più gio­va­ni. L’uni­co film che rag­giun­se i con­sen­si del gran­de pub­bli­co e che lo re­se fa­mo­so co­me at­to­re ver­so la fi­ne de­gli an­ni Ses­san­ta è Rosemary’s Ba­by, di Ro­man Po­lan­ski. E l’uni­co di una cer­ta ri­so­nan­za co­me re­gi­sta, nel 1980, è Glo­ria. Una not­te d’esta­te, do­ve re­ci­ta­va la mo­glie Ge­na Ro­w­lands. An­che per lei, stes­so de­sti­no: in Eu­ro­pa spe­cial­men­te, è se­mi-sco­no­sciu­ta ai più seb­be­ne sia di ra­ra bra­vu­ra e bel­lez­za, al pa­ri di al­tre col­le­ghe più ce­le­bri. Cas­sa­ve­tes è ri­ma­sto sem­pre un po’ nell’om­bra, co­me tut­ti i ve­ri gran­di del­lo spet­ta­co­lo ed era (se­con­do me) in­con­sa­pe­vol­men­te sen­sua­le. Pos­se­de­va uno sti­le in­na­to e di­scre­to, era a suo agio in abi­to co­sì co­me in te­nu­ta clas­si­co/in­for­ma­le.

John Cas­sa­ve­tes (a de­stra) con Pe­ter Falk. Fo­to trat­ta dal li­bro John

Cas­sa­ve­tes di Jim Hea­ly e Ema­nue­la Mar­ti­ni ( Edi­zio­ni Il Ca­sto­ro).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.