– Il pa­ne & le ro­se di Se­re­na Dan­di­ni

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - Il­lu­stra­zio­ne di An­drea Pi­stac­chi di Se­re­na Dan­di­ni

Nel mo­men­to sto­ri­co che se­gna la gran­de af­fer­ma­zio­ne di chef su­per stel­la­ti, può sem­bra­re qua­si una pro­vo­ca­zio­ne il li­bro La fa­me (Ei­nau­di) di Mar­tín Ca­par­rós, gior­na­li­sta e scrit­to­re ar­gen­ti­no che ha de­di­ca­to cin­que an­ni di re­por­ta­ge e mi­nu­zio­se ri­cer­che al­la più an­ti­ca e at­tua­le pia­ga del mon­do. La fa­me era la fo­to di un bam­bi­no del Bia­fra dal cor­po sche­le­tri­co, la fa­me è un nu­me­ro astrat­to - qua­si un mi­liar­do di per­so­ne nel mon­do che non man­gia­no il ne­ces­sa­rio, o no­ve mi­lio­ni che ogni an­no muo­io­no di ine­dia - quan­to un olo­cau­sto e mez­zo ogni 365 gior­ni nel­lo stes­so pia­ne­ta in cui abi­tia­mo an­che noi che spre­chia­mo tan­to ci­bo da po­ter sfa­ma­re tut­ti. Ma sia­mo abi­tua­ti a que­sto or­ro­re, il no­stro sen­so di col­pa du­ra il tem­po di un te­le­gior­na­le, del­la com­pi­la­zio­ne di un bol­let­ti­no per un’ado­zio­ne a di­stan­za o di qual­che al­tro pic­co­lo ge­sto di so­li­da­rie­tà che na­tu­ral­men­te è ben­ve­nu­to ma, vi­sti i ri­sul­ta­ti, inu­ti­le. Il li­bro di Ca­par­rós è un pu­gno nel­lo sto­ma­co per­ché sca­va fra le ra­gio­ni più nascoste e po­li­ti­che di que­sto dram­ma che sem­bra ine­vi­ta­bi­le co­me un dan­no col­la­te­ra­le del no­stro vi­ve­re sul­la ter­ra. In­ve­ce non è co­sì. Pa­gi­na do­po pa­gi­na, ca­pia­mo con estre­ma chia­rez­za che la fa­me è un fat­to es­sen­zial­men­te po­li­ti­co. Un ne­ces­sa­rio con­trap­pas­so al­la no­stra avi­di­tà di ric­chez­za e be­nes­se­re.

Ca­par­rós ha viag­gia­to in lun­go e in lar­go at­tra­ver­so Ni­ger, In­dia, Ban­gla­de­sh, Argentina, Ma­da­ga­scar, Sud Su­dan, Sta­ti Uni­ti, dal Pae­se piú po­ve­ro fi­no al piú ric­co. Per­ché la po­ver­tà estre­ma, quel­la per cui è im­pos­si­bi­le svi­lup­pa­re ap­pie­no ca­pa­ci­tà fi­si­che e men­ta­li, è ovun­que e non per­do­na nes­su­no. Se nei Pae­si del ter­zo mon­do la sua im­ma­gi­ne è quel­la di un cor­po de­nu­tri­to, nel ric­co Oc­ci­den­te as­su­me le sem­bian­ze de­gli obe­si. Nel­la ci­vi­le Ame­ri­ca, l’uni­co ci­bo ac­ces­si­bi­le per i ve­ri po­ve­ri è il tra­sh food, ric­co di zuc­che­ri in­du­stria­li che di­strug­go­no il cor­po co­me un di­giu­no cro­ni­co. «Con tre dol­la­ri si pos­so­no ac­qui­sta­re 300 ca­lo­rie di frut­ta e ver­du­ra o 4.500 ca­lo­rie di pa­ta­ti­ne frit­te, bi­scot­ti­ni e bi­bi­te gas­sa­te». L’ul­ti­ma tap­pa di que­sta di­sce­sa agli in­fe­ri, Ca­par­rós la com­pie nel Chi­ca­go Board of Tra­de, la bor­sa mon­dia­le del ci­bo do­ve, con un clic si al­za­no, sen­za il mi­ni­mo scru­po­lo, i prez­zi del gra­no di un’in­te­ra re­gio­ne, af­fa­man­do in un se­con­do mi­lio­ni di per­so­ne. Que­sto li­bro non sal­ve­rà il mon­do, ma la do­man­da che l’au­to­re si po­ne in ogni ca­pi­to­lo - «Co­me riu­scia­mo a vi­ve­re, sa­pen­do che suc­ce­de que­sto?» - por­ta con sé una di­spe­ra­zio­ne co­strut­ti­va. La so­lu­zio­ne, spie­ga Ca­par­rós, po­treb­be tro­var­si nell’egoi­smo su­sci­ta­to dai no­stri sen­si di col­pa: le gran­di svol­te av­ven­go­no quan­do l’egoi­smo di mi­glia­ia di per­so­ne spin­ge a de­ci­de­re che bi­so­gna fa­re qual­co­sa per gli al­tri per­ché «quel­lo è il mo­do di fa­re qual­co­sa per se stes­si». fio­re con­si­glia­to: Aster oblon­gi­fo­lius Oc­to­ber Sky, fio­re po­ve­ro, prin­ci­pe del giar­di­no au­tun­na­le. Co­lor blu lavanda, fio­ri­sce fi­no a no­vem­bre.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.