LA NO­STRA FRI­DA KA­HLO

Corriere della Sera - Io Donna - - Nella Testa Di Uno Scrittore -

se n’è an­da­ta sen­za che qua­si nes­su­no se ne ac­cor­ges­se. Ep­pu­re Ca­rol Ra­ma è sta­ta una del­le più gran­di ar­ti­ste del No­ve­cen­to eu­ro­peo. Una Fri­da Ka­hlo sen­za il fa­sci­no di una sto­ria su­da­me­ri­ca­na e in­ter­na­zio­na­li­sta al­le spal­le, ma più bra­va con il pen­nel­lo. Ca­rol lo usa­va per di­pin­ge­re ar­ti stac­ca­ti dal cor­po, ses­si ma­schi­li e fem­mi­ni­li, lin­gue af­fla­te co­me col­tel­li, fe­ri­te san­gui­nan­ti, let­ti di con­ten­zio­ne. Il pa­dre, im­pren­di­to­re di suc­ces­so e poi fal­li­to, mor­to sui­ci­da. La ma­dre chiu­sa in ma­ni­co­mio; o al­me­no co­sì lei rac­con­ta­va, gli ul­ti­mi stu­di so­sten­go­no che non è an­da­ta co­sì, ma Ca­rol Ra­ma era una gran­de co­strut­tri­ce di mon­di. Di si­cu­ro ave­va mol­to sof­fer­to, e ave­va fat­to ar­te del suo do­lo­re. In una cit­tà in­qua­dra­ta - mi­li­ta­re, ope­ra­ia, co­mu­ni­sta - co­me la To­ri­no du­ra e vi­va del do­po­guer­ra ave­va rap­pre­sen­ta­to una no­ta lu­na­re, ir­re­go­la­re, in­quie­tan­te. Di sé di­ce­va: «Brut­ta, po­ve­ra, in­caz­zo­sa. Co­me si fa­ce­va ad amar­mi?». Ma a ca­sa sua pas­sa­va­no Mas­si­mo Mi­la - la mu­si­ca - e Car­lo Mol­li­no - l’ar­chi­tet­tu­ra e il de­si­gn -, il gio­va­ne Cal­vi­no e il poe­ta Edoar­do San­gui­ne­ti, l’ami­co di una vi­ta. La cul­tu­ra uf­f­cia­le l’ha igno­ra­ta a lun­go e l’ha sco­per­ta quan­do ave­va già set­tant’an­ni. Cer­chia­mo ora di non di­men­ti­car­la.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.