FAC­CIO LA SUFFRAGETTA PER­CHÉ HO IL FEM­MI­NI­SMO NEL SAN­GUE

È di­ven­ta­ta mam­ma, ha co­min­cia­to a cu­ci­na­re e ado­ra oc­cu­par­si del­le fac­cen­de di ca­sa. Al ci­ne­ma, in­ve­ce, Ca­rey Mul­li­gan in­te­pre­ta una com­bat­ti­va suffragetta. Per rac­con­ta­re una sto­ria po­co no­ta. Dal­la qua­le c’è an­co­ra da im­pa­ra­re

Corriere della Sera - Io Donna - - Da Prima Pagina - di Ales­san­dra Ve­ne­zia, fo­to di Ste­vie And Ma­da

Chis­sà se na­sco­no co­sì, con quel ta­len­to a tra­sfor­mar­si in un’al­tra per­so­na come se nien­te fos­se, o se ci la­vo­ra­no du­ro, stu­dia­no, provano. Fat­to sta che quan­do ve­di at­tri­ci come Ca­te Blan­chett, Ka­te Win­slet o Ma­rion Co­til­lard ogni per­ples­si­tà scom­pa­re: l’ade­ren­za al per­so­nag­gio è as­so­lu­ta. Ca­rey Mul­li­gan è fat­ta del­la stes­sa stof­fa. In Or­go­glio e pre­giu­di

zio, era una Kit­ty de­li­zio­sa e non ave­va an­co­ra 20 an­ni; quan­do poi in­ter­pre­tò la stu­den­tes­sa di An Edu­ca­tion, ci in­na­mo­ram­mo un po’ tut­ti di lei. Se poi ca­pi­ta di ve­der­la a tea­tro, non la di­men­ti­chi più: la sua Ni­na nel

Gab­bia­no di Ce­chov è ri­ma­sta leg­gen­da­ria e il re­cen­te suc­ces­so per­so­na­le a Broad­way in Sky­light, di Da­vid Ha­re, l’ha con­fer­ma­ta at­tri­ce di gran­de clas­se. Lo stes­so sti­le Ca­rey lo ap­pli­ca a una vi­ta pri­va­ta di­scre­ta, in­tel­li­gen­te, lon­ta­na dai ri­fet­to­ri. Il suo ma­tri­mo­nio tre an­ni fa con Mar­cus Mum­ford, il so­li­sta del grup­po folk-rock Mum­ford&Sons, ne è l’em­ble­ma: sen­za anticipazioni né fo­to­graf, nel­la cam­pa­gna del So­mer­set, tra co­vo­ni di pa­glia, pol­li e ami­ci. L’an­nun­cio del­la na­sci­ta di Evelyn, al­cu­ne set­ti­ma­ne fa, ha col­to di nuo­vo tut­ti di sor­pre­sa. Neo-mam­ma ra­dio­sa, l’at­tri­ce è a New York per pre­sen­ta­re Suf­fra­get­te, dram­ma sto­ri­co am­bien­ta­to in Gran Bre­ta­gna ai pri­mi del No­ve­cen­to, che apri­rà il 20 no­vem­bre il To­ri­no Film Fe­sti­val. Og­gi sem­bra aver per­so l’a

plomb an­glo­sas­so­ne e l’abi­tua­le ri­ser­va­tez­za: la sto­ria del­le sue con­ter­ra­nee che lot­ta­ro­no per il di­rit­to di vo­to, mai por­ta­ta fno­ra sul gran­de scher­mo, è un’oc­ca­sio­ne per par­la­re del­la con­di­zio­ne fem­mi­ni­le, sog­get­to che sta a cuo­re a un nu­me­ro sem­pre mag­gio­re di at­tri­ci eu­ro­pee e ame­ri­ca­ne.

Che co­sa sa­pe­va del mo­vi­men­to del­le suf­fra­get­te? Nei libri di scuo­la cre­do ci fos­se so­lo un pa­ra­gra­fo de­di­ca­to a lo­ro; io me le im­ma­gi­na­vo come del­le Ma­ry Pop­pins in mar­cia die­tro a uno stri­scio­ne, com­po­ste ed edu­ca­te. Non sa­pe­vo che mol­te fos­se­ro sta­te sbat­tu­te in pri­gio­ne e, per i lo­ro scio­pe­ri del­la fa­me, co­stret­te all’ali­men­ta­zio­ne for­za­ta. An­co­ra me­no, che aves­se­ro ap­pic­ca­to il fuo­co a ca­se e chie­se. Ci so­no vo­lu­ti cen­to an­ni per rac­con­ta­re que­sta sto­ria, sem­bra in­cre­di­bi­le.

Le è ca­pi­ta­to spes­so di tro­var­si in svan­tag­gio per­ché don­na?

So­no cre­sciu­ta con mio fra­tel­lo e tan­ti ami­ci ma­schi sen­za pro­ble­mi. Nel la­vo­ro in­ve­ce, come ho det­to mol­te vol­te, è un’al­tra sto­ria: i ruo­li in­te­res­san­ti per le don­ne del­la mia età so­no ra­ri, non co­sì per i miei col­le­ghi.

È ap­pe­na an­da­ta a vi­ve­re in una fat­to­ria in cam­pa­gna. Da po­che set­ti­ma­ne è an­che mam­ma. Un cam­bia­men­to ra­di­ca­le. Come si sen­te?

È dif­fi­ci­le tro­va­re le parole, ma­ga­ri glie­lo po­trò di­re tra un an­no… ( ri­de). Og­gi pro­vo un’im­men­sa am­mi­ra­zio­ne per tut­te le mam­me: io pos­so con­ta­re sulla mia fa­mi­glia, su aiu­ti ester­ni, ma non è co­sì per tut­te. È au­men­ta­to il mio ri­spet­to per le ma­dri che la­vo­ra­no.

Co­sa vuo­le tra­smet­te­re a sua fi­glia?

La ge­ne­ro­si­tà. Mia ma­dre e mia non­na so­no mol­to ge­ne­ro­se. Mia non­na era un’edu­ca­tri­ce e ha sem­pre da­to mol­to peso all’istruzione. Fre­quen­tò l’uni­ver­si­tà nel Gal­les ne­gli an­ni Qua­ran­ta, co­sa piut­to­sto in­so­li­ta per una don­na a quei tem­pi. Una buo­na istruzione ti dà po­te­re: vor­rei pas­sa­re que­sto a mia fi­glia.

Ne­gli an­ni Set­tan­ta sua ma­dre era una fem­mi­ni­sta?

Di­rei di sì, lei si de­fi - ni­sce co­sì. In quell’epo­ca, pe­rò, vi­ve­va in Me­dio Orien­te, in una real­tà di­ver­sa. Og­gi è una gran­de so­ste­ni­tri­ce del­la causa fem­mi­ni­le, an­che lei è en­tu­sia­sta che que­sta sto­ria sia sta­ta fi nal­men­te rac­con­ta­ta in un fi lm.

Come le ha in­se­gna­to a di­ven­ta­re for­te e in­di­pen­den­te?

Trat­tan­do me e mio fra­tel­lo esat­ta­men­te nel­lo stes­so mo­do.

Che mon­do vor­reb­be per sua fi­glia?

Un mon­do in cui il Par­la­men­to fos­se fat­to al 50 per cen­to di don­ne, con pa­ri­tà di di­rit­ti e di sti­pen­di.

Lei è un’espo­nen­te di War­child: di co­sa si oc­cu­pa pre­ci­sa­men­te?

È una cha­ri­ty che la­vo­ra per don­ne e ra­gaz­zi dei Pae­si in guer­ra. Mio fra­tel­lo, che ha fat­to l’in­ter­pre­te per l’eser­ci­to in Af­gha­ni­stan, co­min­ciò aiu­tan­do una scuo­la fem­mi­ni­le di­strut­ta dai ta­le­ba­ni. Io so­no una spe­cie di am­ba­scia­tri­ce dell’or­ga­niz­za­zio­ne.

Ha com­piu­to 30 an­ni. Come si sen­te?

Piut­to­sto be­ne. Quan­do ero più gio­va­ne mi of­fri­va­no sem­pre par­ti da se­di­cen­ne per­ché non di­mo­stra­vo la mia età, fi­nal­men­te ades­so pos­so ave­re ruo­li di don­ne ve­re. Lo sa? So­no fe­li­ce di aver rag­giun­to la tren­ti­na ( ri­de).

Ha co­min­cia­to an­che a cu­ci­na­re?

Sì... Tra­scor­ro più tem­po a ca­sa, mi so­no fat­ta un ni­do e mi pia­ce ave­re uno spa­zio dav­ve­ro mio, do­po tan­ti an­ni in ca­me­re d’al­ber­go.

Ca­sa mo­der­na o tra­di­zio­na­le?

Mi piac­cio­no le co­se vec­chie, an­ti­che, nien­te che sia nuo­vo o mo­der­no. I mo­bi­li de­vo­no dar­mi la sen­sa­zio­ne di es­se­re già sta­ti ama­ti da

qual­cun al­tro.

Ha mai fat­to spe­se esa­ge­ra­te?

Sì, per an­ni ho spe­so una for­tu­na in affitto, so­prat­tut­to a New York, e nei ri­sto­ran­ti su­shi ( ri­de, con le due fos­set­te in evi­den­za). Ora, non più: ho mes­so la te­sta a po­sto .

So­no cre­sciu­ta con mio fra­tel­lo e mol­ti ami­ci ma­schi sen­za al­cun pro­ble­ma. Nel la­vo­ro, in­ve­ce, è un’al­tra sto­ria: vor­rei pa­ri­tà di di­rit­ti e di sti­pen­dio. E un Par­la­men­to al 50 per cen­to ro­sa

Na­ta­lie Press e Ca­rey Mul­li­gan in una sce­na di Suf­fra­get­te, di Sa­rah Ga­vron.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.