Il ma­tri­mo­nio inos­si­da­bi­le esi­ste? Qual­cu­no dice di sì

Una ve­ri­tà na­sco­sta. Un pas­sa­to inat­te­so. E qua­si mezzo se­co­lo di unio­ne se­re­na va­cil­la. Suc­ce­de in 45 Years, film di An­drew Hai­gh. Ne ab­bia­mo par­la­to con quat­tro cop­pie di lun­go cor­so. Per ca­pi­re da dove na­sce quell’equi­li­brio che non ce­de al pas­sa­re del

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Pao­la Pia­cen­za e Va­len­ti­na Ra­viz­za

Mor­bi­de le col­li­ne, cu­ra­to il giar­di­no, ac­co­glien­te la ca­sa. C’è un ca­ne na­tu­ral

men­te, da por­ta­re a spas­so fschiet­tan­do Smo­ke Ge­ts in Your Eyes in­cu­ran­te del­la piog­ge­rel­la del Nor­folk. Geoff e Ka­te so­no spo­sa­ti da 45 an­ni. Una vi­ta in­te­ra. Ep­pu­re c’è an­co­ra qual­co­sa che non san­no l’una dell’al­tro. E pro­prio al­la vi­gi­lia dell’an­ni­ver­sa­rio ar­ri­va la no­ti­zia: un ghiac­cia­io in Sviz­ze­ra re­sti­tui­sce il cor­po di una vec­chia fi­dan­za­ta di Geoff, co­no­sciu­ta pri­ma che Ka­te en­tras­se nel­la sua vi­ta e mor­ta tra­gi­ca­men­te in un in­ci­den­te di mon­ta­gna. Il fan­ta­sma di un pas­sa­to amo­re tor­na a tur­ba­re la lo­ro se­re­ni­tà e la re­la­zio­ne ini­zia a va­cil­la­re pro­prio a po­chi me­tri dal tra­guar­do.

è la cre­pa che si apre in un ma­tri­mo­nio per­fet­to quel­la rac­con­ta­ta da

45 years, il flm di An­drew Hai­gh con Char­lot­te Ram­pling e Tom Cour­te­nay, già pre­mia­to all’ul­ti­ma Ber­li­na­le con l’Or­so d’ar­gen­to per le mi­glio­ri in­ter­pre­ta­zio­ni dei due pro­ta­go­ni­sti. Una cre­pa den­tro cui ab­bia­mo pro­va­to ad ad­den­trar­ci fa­cen­do­ci ac­com­pa­gna­re da chi il tra­guar­do del­le noz­ze d’oro l’ha già su­pe­ra­to o lo sta per toc­ca­re. Per ca­pi­re come, men­tre il Du­ra da 53 l’unio­ne di Pie­ro Cor­va­sce e Ga­briel­la Tur­ci. Ma­rio Bar­na­bé e Lui­sa Fab­bri

so­no spo­sa­ti da 43 an­ni. nu­me­ro dei ma­tri­mo­ni in Ita­lia con­ti­nua a ca­la­re (nel 2013, di­co­no gli ul­ti­mi da­ti Istat, so­no sta­ti per la pri­ma vol­ta me­no di 200 mi­la), c’è an­co­ra chi re­sta in­sie­me fn­ché «l’in­co­no­sci­bi­le che c’è nell’al­tro è com­ple­ta­men­te as­sor­bi­to», come dice An­ge­lo Gu­gliel­mi, cri­ti­co let­te­ra­rio, ex di­ret­to­re di Rai3 e og­gi blog­ger. L’amo­re con sua mo­glie Al­ber­ta du­ra da or­mai 52 an­ni: «Ab­bia­mo pas­sa­to mo­men­ti dif­f­ci­li, sia­mo so­prav­vis­su­ti e sia­mo cam­bia­ti. Lei mi ha rac­con­ta­to del­le sue sto­rie d’amo­re pre­ce­den­ti. Do­po tut­to que­sto tem­po, nes­sun mi­ste­ro è più pos­si­bi­le». Nes­su­no sche­le­tro nell’ar­ma­dio po­treb­be far va­cil­la­re il ma­tri­mo­nio? «En­tre­rei in cri­si so­lo se sco­pris­si che ha uc­ci­so qual­cu­no. Non so­no ge­lo­sa del pas­sa­to, ma del­le don­ne del pre­sen­te quel­lo sì» ri­spon­de Al­ber­ta.

«Io, se sco­pris­si che mio ma­ri­to mi ha tra­di­ta, sa­rei pron­ta a fa­re le va­li­gie an­che ora, do­po più di 50 an­ni in­sie­me! Ma per for­tu­na l’uni­ca co­sa per cui mi sia mai “in­ge­lo­si­ta” è sta­ta la sua pas­sio­ne per l’ar­te» sor­ri­de An­ge­la, mo­glie di Mim­mo Jo­di­ce, uno dei mag­gio­ri fo­to­graf ita­lia­ni con­tem­po­ra­nei. « Ci sia­mo sem­pre det­ti tut­to, nel be­ne e nel ma­le. Sia­mo com­ple­men­ta­ri. È co­sì che da due pic­co­le in­fe­li­ci­tà sia­mo riu­sci­ti a crea­re una fa­mi­glia fe­li­ce».

“Ci sia­mo sem­pre det­ti tut­to. Sia­mo com­ple­men­ta­ri. È co­sì che da ue pic­co­le in­fe­li­ci­tà sia­mo riu­sci­ti a crea­re una fa­mi­glia fe­li­ce”

( Mim­mo Jo­di­ce)

Nien­te se­gre­ti nem­me­no per Ma­rio Bar­na­bé e Lui­sa Fab­bri, me­di­co lui, ex in­se­gnan­te lei, in­sie­me da 43 an­ni. «Ci co­no­scia­mo dall’ado­le­scen­za, ab­bia­mo fre­quen­ta­to lo stes­so li­ceo clas­si­co. Imo­la non è una gran­de cit­tà, mi­ste­ri non ce ne so­no. Sa­pe­va­mo tut­to del no­stro pas­sa­to e di quel­lo del­le no­stre fa­mi­glie» dice Lui­sa. «Non ho nem­me­no la pri­va­cy del­le idee» le fa eco Ma­rio.

Ma è giu­sto dir­si tut­to? «L’unio­ne tra due per­so­ne dev’es­se­re ba­sa­ta su cinque in­gre­dien­ti: il dia­lo­go, la te­ne­rez­za, la pas­sio­ne, la ma­tu­ri­tà psi­co­lo­gi­ca e la ca­pa­ci­tà di “es­se­re ge­ni­to­ri” l’uno dell’al­tro, os­sia di com­pren­de­re, ac­cet­ta­re, scu­sa­re» af­fer­ma Giu­lio Ce­sa­re Gia­cob­be, psi­co­lo­go e psi­co­te­ra­peu­ta, già au­to­re di Come fa­re un ma­tri­mo­nio fe­li­ce che du­ra tut­ta la vi­ta e ora in li­bre­ria con Come cam­bia­re il pro

prio pas­sa­to (am­be­due Mon­da­do­ri). «Se l’amo­re è ab­ba­stan­za ma­tu­ro io di­co che po­treb­be­ro es­se­re ad­di­rit­tu­ra ac­cet­ta­te del­le ami­ci­zie ex­tra­co­niu­ga­li».

«l’im­por­tan­te è sa­pe­re che se ami qual­cu­no ti de­vi bat­te­re come un leo­ne» so­stie­ne Ga­briel­la Tur­ci, con l’espe­rien­za dei suoi 53 an­ni a fan­co del ma­ri­to Pie­ro Cor­va­sce. «La pro­ta­go­ni­sta del flm dice: “Vor­rei dir­ti tut­to quel­lo che pro­vo, ma non pos­so”. Noi mediterranei avrem­mo fat­to di­ver­sa­men­te: io gli avrei ma­ga­ri ca­va­to gli oc­chi, ma poi tut­to sa­reb­be tor­na­to a po­sto».

Le parole pe­rò non pos­so­no di­re tut­to. Per Al­ber­to Abruz­ze­se, so­cio­lo­go, do­cen­te uni­ver­si­ta­rio e sag­gi­sta, «va­le for­se la pe­na di am­met­te­re una co­sa tre­men­da: che quan­do stia­mo con qual­cu­no “ci ac­con­ten­tia­mo del­la su­per­fi­cie”, ci le­ghia­mo per vi­ve­re in­sie­me la no­stra su­per­fi­cie sa­pen­do che il no­stro pro­fon­do re­ste­rà pre­clu­so». Gli dà ra­gio­ne la mo­glie Be­ne­det­ta Bi­ni, al suo fan­co da 39 an­ni: «Di Al­ber­to cre­do di po­ter an­ti­ci­pa­re la po­si­zio­ne sul go­ver­no Ren­zi e sulla pe­na di mor­te, e cer­ta­men­te so quel­lo che pen­sa dei ro­man­zi di Ele­na Fer­ran­te, co­sì come lui in­tui­sce mol­to di me, ma il suo mon­do pri­va­to, im­ma­gi­na­rio mi è pre­clu­so. Sa­reb­be una gran mor­ti­fi­ca­zio­ne se non fos­se co­sì».

«sia io che mia mo­glie ni­co­la ab­bia­mo una par­te di noi che è so­lo no­stra e che è giu­sto re­sti ta­le. Ogni es­se­re uma­no ha il suo dia­rio se­gre­to, il suo ri­po­sti­glio pri­va­to, non c’è da ver­go­gnar­si» con­fer­ma il re­gi­sta Pu­pi Ava­ti, che nel 2014 do­po 50 an­ni di ma­tri­mo­nio è tor­na­to all’al­ta­re per con­fer­ma­re il suo amo­re. Gli an­ni­ver­sa­ri («Non ne ab­bia­mo mai sal­ta­to uno» dice or­go­glio­so) so­no per lui l’oc­ca­sio­ne di ri­per­cor­re­re i ri­cor­di più bel­li del pas­sa­to: «Ma i miei fgli han­no po­ca vo­glia di ascol­ta­re, al­lo­ra ne par­lo ogni vol­ta che in­con­tro il pub­bli­co» (non a ca­so il 7 e 8 no­vem­bre sa­rà pre­si­den­te di giu­ria al Fe­sti­val Ci­ne­ma Vin­ta­ge di Ro­ma de­di­ca­to a Il Gu­sto del­la Me­mo­ria). «Il ma­ri­to e la mo­glie so­no i me­stie­ri più dif­fi­ci­li che esi­sta­no. Es­se­re riu­sci­to a con­qui­sta­re mia mo­glie è uno dei più gran­di suc­ces­si del­la mia vi­ta».

“Sia io che mia mo­glie Ni­co­la ab­bia­mo una par­te di noi che è so­lo no­stra e che è giu­sto re­sti ta­le. Ogni es­se­re uma­no ha il suo dia­rio se­gre­to”

(Pu­pi Ava­ti)

Char­lot­te Ram­pling e Tom Cour­te­nay, pro­ta­go­ni­sti di 45 Years pre­mia­ti a Ber­li­no.

Il fo­to­gra­fo Mim­mo Jo­di­ce e la mo­glie An­ge­la, uni­ti da 50 an­ni e più.

Il re­gi­sta Pu­pi Ava­ti e la mo­glie Ni­co­la: so­no spo­sa­ti da 50 an­ni.

Il so­cio­lo­go Al­ber­to Abruz­ze­se e Be­ne­det­ta Bi­ni, sua mo­glie da 39 an­ni.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.