VE­GA­NO NON VUOL DI­RE SA­NO

Corriere della Sera - Io Donna - - Vivere Meglio - ca­te­ri­na ca­la­bre­se gior­gio ca­la­bre­se Tecnologo ali­men­ta­re Do­cen­te di Die­te­ti­ca e nu­tri­zio­ne uma­na

Non ade­ri­sco a par­ti­co­la­ri orien­ta­men­ti ali­men­ta­ri, ma te­mo i ci­bi adul­te­ra­ti e po­co sa­ni. Per di­fen­der­mi, vor­rei pro­va­re per un po’ a man­gia­re ve­ga­no. Fun­zio­na?

Ma­ria Stel­la S., De­ru­ta (Pg)

Adul­te­ra­zio­ni e scan­da­li ali­men­ta­ri so­no an­ti­chi come il mon­do, ma og­gi ven­go­no co­mu­ni­ca­ti me­glio. Le scel­te dei nu­trien­ti so­no mol­to im­por­tan­ti per un re­gi­me cui nul­la man­chi. Tal­vol­ta, adot­tan­do par­ti­co­la­ri “mo­del­li” di vi­ta, si pen­sa di ave­re tro­va­to la chia­ve di vol­ta del­la buo­na sa­lu­te. La cer­tez­za del ci­bo sa­no, pe­rò, non può ar­ri­va­re da nes­sun ti­po di fi­lo­so­fia ali­men­ta­re e nep­pu­re dal­le so­le tra­di­zio­ni cu­li­na­rie, che fa­ti­ca­no ad adat­tar­si al­la vi­ta mo­der­na, più spes­so se­den­ta­ria. In ogni ca­so, è sem­pre l’uo­mo che pro­du­ce e com­mer­cia­liz­za il ci­bo e non sem­pre op­ta per la mag­gio­re sa­lu­bri­tà, ma pre­fe­ri­sce ma­ga­ri la via più bre­ve del pro­fit­to. A que­sta real­tà non si sot­trae nes­sun ti­po di ten­den­za ali­men­ta­re, quin­di l’as­sio­ma ve­ga­no=sa­no non è ga­ran­ti­to. La buo­na sa­lu­te sta nel­la for­mu­la 55-60 per cen­to glu­ci­di, 10-15 pro­tei­ne, 30 per cen­to li­pi­di e tan­ta ver­du­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.