“E POI HO SPO­SA­TO UNA BI­BLIO­TE­CA”

“Sto im­pa­ran­do tan­tis­si­mo da mio ma­ri­to: sa tut­to di ar­te». Una com­pe­ten­za uti­le per Ka­te Bo­swor­th, ora pro­ta­go­ni­sta di una se­rie sul mon­do del­le aste. Ma qui par­la an­che di al­tri uo­mi­ni del­la sua vi­ta, da Ro­bert (Re­d­ford) a Or­lan­do (Bloom)

Corriere della Sera - Io Donna - - Intelligenza Sexy - di Ales­san­dra Ve­ne­zia, fo­to di Yu Tsai

Ka­te Bo­z­wor­th, 32 an­ni e 17 di car­rie­ra: ha esor­di­to in L’uo­mo che sus­sur­ra­va ai ca­val­li. Già fi­dan­za­ta con Or­lan­do Bloom, ha spo­sa­to il re­gi­sta Mi­chael Po­li­sh.

Sem­pre im­pec­ca­bi­le, mai una pie­ga nel ve­sti­to o una cioc­ca di ca­pel­li fuo­ri po­sto. Il vi­so è an­ge­li­co, la pel­le im­ma­co­la­ta, la fi­gu­ra quel­la di un efe­bo. Da an­ni nel­la li­sta del­le ce­le­bri­ties più ele­gan­ti, Ka­te Bo­swor­th è la be­nia­mi­na dei de­si­gner: è sta­ta the fa­ce di Cal­vin Klein e Coa­ch, ha di­se­gna­to una li­nea di gio­iel­li e, tra una co­sa e l’al­tra, due an­ni fa ha in­cas­sa­to più di 100 mi­la dol­la­ri so­lo per pre­sen­zia­re a di­ver­si even­ti mon­da­ni. Un par­ti­co­la­re cu­rio­so: è sta­ta an­che ac­cet­ta­ta all’uni­ver­si­tà di Prin­ce­ton, dove pe­rò non ha mai fre­quen­ta­to un cor­so. Al di là del­la di­men­sio­ne pub­bli­ca - so­fi­sti­ca­ta e mo­da­io­la - l’at­tri­ce lo­san­ge­li­na nel­la real­tà è im­pla­ca­bil­men­te di­sci­pli­na­ta. Ve­te­ra­na di Hol­ly­wood ( ha co­min­cia­to a re­ci­ta­re a 14 an­ni con un pic­co­lo ruo­lo in L’uo­mo che sus­sur­ra­va ai

ca­val­li di Ro­bert Re­d­ford), è una sta­ka­no­vi­sta. Dal 2011 al 2014 ha gi­ra­to die­ci film e con­ti­nua a la­vo­ra­re in pro­get­ti che la in­te­res­sa­no, tut­ti di­ver­si: è ap­par­sa in com­me­die ro­man­ti­che, dram­mi e dram­mo­ni, per­si­no in Su­per­man.

Og­gi, a 32 an­ni, si sen­te ap­pa­ga­ta da una re­la­zio­ne di cop­pia che - as­si­cu­ra - le ha da­to for­za e serenita: è spo­sa­ta con Mi­chael Po­li­sh, il re­gi­sta- scrit­to­re-at­to­re di The Astro­naut Far­mer e di Am­ne­siac (in cui l’ha di­ret­ta) - e si oc­cu­pa dell’edu­ca­zio­ne di Ja­sper, la fi­glia tee­na­ger del ma­ri­to. Con­ti­nua tut­ta­via a la­vo­ra­re con la grin­ta di sem­pre: ol­tre a al­cu­ni pro­get­ti con Po­li­sh ( Hot Bot, una com­me­dia che ve­dre­mo l’an­no pros­si­mo), due nuo­vi film con John Tra­vol­ta e Ro­bert De Ni­ro, è ora la pro­ta­go­ni­sta fem­mi­ni­le di una nuo­va se­rie tv, The Art of Mo­re, am­bien­ta­ta nel mon­do del­le aste, con Den­nis Quaid e Ch­ri­stian Coo­ke. Ca­pel­li stret­ti in uno chi­gnon, ve­sti­to con ru­ches ro­sa pal­li­do e ne­ro, ha l’aria di un fio­re de­li­ca­to. E co­sì an­che lei è ap­pro­da­ta sul pic­co­lo scher­mo. Co­sa l’ha con­vin­ta a fa­re que­sto pas­so? Una se­rie televisiva dà la pos­si­bi­li­tà di svi­lup­pa­re un per­so­nag­gio più a fon­do, e The Art of Mo­re usci­rà su Cra­kle, che è una nuo­va piat­ta­for­ma strea­ming mol­to pro­met­ten­te. Io so­no sem­pre at­trat­ta

da qual­sia­si ma­te­ria­le che mi of­fra un po’ di av­ven­tu­ra e di sfi­da: The Art of Mo­re è se­xy e cool, un mix di di­ver­ti­men­to, in­tel­li­gen­za e hu­mour... Ha tut­ti gli ele­men­ti che mi ap­pas­sio­na­no.

Lo strea­ming è la via del fu­tu­ro?

Be’, la sen­sa­zio­ne è que­sta.. Ho una fi­glia di 17 an­ni che non ac­cen­de mai la tv, ve­de tut­to al com­pu­ter. Che co­sa sa­pe­va dell’uni­ver­so del­le aste pri­ma di ini­zia­re que­sto la­vo­ro?

Ave­vo una cer­ta fa­mi­lia­ri­tà con il mon­do dell’ar­te gra­zie a mio ma­ri­to, che ha fre­quen­ta­to il Cal Arts (Ca­li­for­nia In­sti­tu­te of the Arts, fon­da­to da Walt Di­sney e fre­quen­ta­to - fra gli al­tri - da Tim Bur­ton e John Las­se­ter) e ha una va­sta pre­pa­ra­zio­ne in ma­te­ria. Ha avu­to come in­se­gnan­ti ar­ti­sti del ca­li­bro di John Bal­des­sa­ri e Ed Ru­scha, e ne co­no­sce mol­ti al­tri. Mi­chael è la mia bi­blio­te­ca, sto im­pa­ran­do tan­to da lui. Nel­la se­rie tv im­per­so­na una exe­cu­ti­ve bel­la, de­ci­sa e sen­za scru­po­li, ele­gan­te e sot­ti­le come un giun­co. È dif­fi­ci­le man­te­ne­re un cor­po da ado­le­scen­te? Cer­co di se­gui­re uno sti­le di vi­ta sa­no e mo­de­ra­to: mi pia­ce sor­seg­gia­re un whi­sky al­la fi­ne del­la se­ra­ta con mio ma­ri­to (ri­de), ma cer­co an­che di te­ner­mi in for­ma, ed es­se­re atle­ti­ca, per­ché un at­to­re spes­so la­vo­ra 18 ore di fi­la, cinque o sei gior­ni al­la settimana. Fac­cio tan­to eser­ci­zio e be­vo li­tri e li­tri di ac­qua, tut­te co­se non mol­to di­ver­ten­ti, ma ne­ces­sa­rie. A Hol­ly­wood un’at­tri­ce non ha scam­po: de­ve es­se­re bel­la ed esi­le. Non è un po’ una con­dan­na? In The Art of Mo­re so­no una sor­ta di fem­me fa­ta­le, sem­pre “flir­to­sa” e se­du­cen­te, una che usa la sua sen­sua­li­tà nel­le re­la­zio­ni per­so­na­li e nel la­vo­ro: un ti­po di per­so­nag­gio che a me pia­ce. So­no sem­pre sta­ta at­trat­ta da fi­gu­re fem­mi­ni­li for­ti, di­ver­se dal­le al­tre: in Ho­me­front mi fa­ce­vo di me­tan­fe­ta­mi­ne, e in Blue

Cra­sh ero una sur­fer coi mu­sco­li d’ac­cia­io. Mi but­to con tut­ta me stes­sa in qual­sia­si ruo­lo. Lei, nel pas­sa­to, ha avu­to di­ver­se re­la­zio­ni (coi col­le­ghi Or­lan­do Bloom e Ale­xan­der Skar­sgård, con il mo­del­lo Ja­mes Rous­se­su) du­ra­te al­cu­ni an­ni. Co­sa l’at­trae in par­ti­co­la­re in un uo­mo? L’in­te­sa de­ve es­se­re im­me­dia­ta e for­te, de­vo pro­va­re un sen­so di “fa­mi­lia­ri­tà”. Se guar­do in­die­tro ri­co­no­sco di­ver­si trat­ti che ac­co­mu­na­no quei mo­men­ti del­la mia vi­ta. Ma so­lo quan­do ho in­con­tra­to Mi­chael ho sen­ti­to che il no­stro rap­por­to su­pe­ra­va il mo­men­to con­tin­gen­te e sa­reb­be con­ti­nua­to nel fu­tu­ro. Ha una lun­ga car­rie­ra al­le spal­le: se ri­pen­sa ai tem­pi di L’uo­mo che sus­sur­ra

va ai ca­val­li, che co­sa ri­cor­da? Dio, ave­vo 14 an­ni, ero co­sì ec­ci­ta­ta all’idea di an­da­re a ca­val­lo e es­se­re in com­pa­gnia di ar­ti­sti co­sì fa­mo­si. Non ave­vo aspet­ta­ti­ve par­ti­co­la­ri, per­ché non ho mai se­gui­to pia­ni pre­ci­si, stra­te­gie. In ge­ne­re, an­co­ra og­gi, il mio me­tro di va­lu­ta­zio­ne è la sce­neg­gia­tu­ra: se è ben scrit­ta, tut­to co­min­cia da lì. Ha re­ci­ta­to con at­to­ri, fa­mo­si e me­no. Chi tra di lo­ro è in­di­men­ti­ca­bi­le?

Ju­lian­ne Moo­re. È una gran­de ar­ti­sta, un’in­ter­pre­te bril­lan­te e un es­se­re uma­no di va­lo­re. Quan­do ar­ri­va su un set (ero sua fi­glia in Still Ali­ce) lo il­lu­mi­na: la sua gio­ia è con­ta­gio­sa, e tu vuoi star­le in­tor­no. In­som­ma, la am­mi­ro in­con­di­zio­na­ta­men­te. E Ca­te Blan­chett: è un ca­ma­leon­te sem­pre af­fa­sci­nan­te.

In “The Art of Mo­re” so­no una don­na fa­ta­le, che flir­ta di con­ti­nuo e che usa la se­du­zio­ne nel­le re­la­zio­ni di la­vo­ro

Ka­te Bo­swor­th die­tro le quinte con il ca­st di The Art of Mo­re: da si­ni­stra, Ca­ry El­wes, Den­nis Quaid e Ch­ri­stian Coo­ke.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.