“NON SO­NO IO L’EROE IN FA­MI­GLIA, MA MIA MO­GLIE”

Nel nuo­vo film im­per­so­na l’en­ne­si­ma fi­gu­ra di pa­la­di­no, pe­rò Tom Hanks ha chia­ra la real­tà: “Tan­to di cap­pel­lo al co­rag­gio e al­la for­za di Ri­ta, che ha su­bì­to una dop­pia ma­stec­to­mia e l’ha re­so pub­bli­co” dice. E qui par­la an­che di cer­te sue “stu­pi­dag­gi­ni”

Corriere della Sera - Io Donna - - Star Minimaliste - di Ales­san­dra Ve­ne­zia

Tom Hanks, 59 an­ni, in una sce­na di Il pon­te del­le spie di Ste­ven Spiel­berg, nei ci­ne­ma dal 17 di­cem­bre.

Dai tem­pi di Ra­gaz­ze vincenti, nel ’92, ab­bia­mo in­con­tra­to Tom Hanks una tren­ti­na di vol­te. Riec­co­lo, pun­tua­le e fe­de­le a se stes­so, per pre­sen­ta­re il suo ul­ti­mo film, Il pon­te del

le spie di Ste­ven Spiel­berg: spi­ri­to­so, av­vin­cen­te nel­la con­ver­sa­zio­ne. Con lui si fi­ni­sce ine­vi­ta­bil­men­te per par­la­re del mon­do in cui vi­via­mo: da sem­pre ac­ce­so so­ste­ni­to­re del Par­ti­to de­mo­cra­ti­co (e ora di Hil­la­ry Clin­ton), in pri­ma fi­la nel­le lot­te so­cia­li (ades­so ap­pog­gia la pro­po­sta del pre­si­den­te Oba­ma per un bien­nio di col­le­ge gra­tis per tut­ti: «De­vo tut­to al Cha­bot Com­mu­ni­ty Col­le­ge: mi ha sal­va­to quan­do non sa­pe­vo an­co­ra co­sa fa­re del­la mia vi­ta e non ave­vo un cent»), è sta­to uno dei pri­mi so­ste­ni­to­ri del ma­tri­mo­nio gay e si bat­te per ogni pos­si­bi­le causa eco­lo­gi­ca. Sui pro­ble­mi fa­mi­lia­ri, be’, è più va­go: espri­me tut­ta la sua am­mi­ra­zio­ne per la mo­glie Ri­ta Wil­son, che ha da po­co su­bi­to una dop­pia ma­stec­to­mia, ma non par­la del fi­glio ven­ti­cin­quen­ne Chet, un rap­per spes­so coin­vol­to in que­stio­ni di dro­ga. Hanks è una star glo­ba­le con due Oscar all’at­ti­vo, è pu­re pro­dut­to­re (pre­sto ve­dre­mo Itha­ca, di­ret­to da Meg Ryan) e scrit­to­re (la sua short sto­ry Alan Bean Plus Four, un viag­gio sulla Lu­na, è sta­ta pub­bli­ca­ta sul New Yor­ker). In Il pon­te del­le spie, im­per­so­na Ja­mes B. Do­no­van, l’av­vo­ca­to che nel 1957 - in pie­na Guer­ra fred­da - fu in­ca­ri­ca­to di di­fen­de­re d’uf­fi­cio la spia an­glo-rus­sa Ru­dolf Abel (nel film è Mark Ry­lan­ce). La sua osti­na­zio­ne nel ri­spet­ta­re la Co­sti­tu­zio­ne ame­ri­ca­na e i di­rit­ti del ne­mi­co lo re­se un reiet­to, ma gra­zie a una straor­di­na­ria re­to­ri­ca e a una gran­de abi­li­tà di ne­go­zia­to­re, uscì da eroe dal­la spi­no­sa vi­cen­da. Do­no­van • un mae­stro nell’ar­te del­la ne­go­zia­zio­ne. E lei?

Quel do­no lì non ce l’ho, non so come trat­ta­re con la gen­te, nep­pu­re per chie­de­re uno scon­to da Gap. Vo­le­vo in­ter­pre­ta­re il ruo­lo pro­prio per que­sto: par­la una lin­gua a me sco­no­sciu­ta.

Ma avrà pu­re spe­ri­men­ta­to l’ar­te del­la me­dia­zio­ne con i suoi fi­gli, no? Ma co­sa dice? Chi mai rie­sce a ve­ni­re a pat­ti coi pro­pri fi­gli? So­no pic­co­li ti­ran­ni, dit­ta­to­ri: si sve­glia­no la mat­ti­na e co­min­cia­no su­bi­to a dar­ti cal­ci, con­ti­nuan­do fin­ché fa buio. Non aspet­ti che l’ora di an­da­re a dor­mi­re per po­ter re­spi­ra­re (ri­de). La sua im­ma­gi­ne è quel­la del per­fet­to pa­trio­ta. Ama l’Ame­ri­ca, nes­sun dub­bio?

Di que­sti tem­pi il pro­ces­so po­li­ti­co è una far­sa. Il po­te­re cer­ca in ogni mo­do di pie­gar­ci ai pro­pri in­te­res­si, di que­sto dob­bia­mo es­se­re tut­ti con­sa­pe­vo­li. Il pro­ble­ma è tro­va­re il giu­sto equi­li­brio tra l’ec­ces­si­vo ci­ni­smo e l’ec­ces­si­vo ot­ti­mi­smo. Una co­sa pe­rò è si­cu­ra: bi­so­gna nu­tri­re pro­fon­da dif­fi­den­za nei con­fron­ti dei me­dia.

Sua mo­glie, in­ve­ce, ha par­la­to pro­prio con i me­dia del­la sua ma­stec­to­mia per in­vi­ta­re le don­ne a chie­de­re sem­pre il parere di un se­con­do me­di­co. Lei non era d’ac­cor­do?

È sta­ta una de­ci­sio­ne di Ri­ta: ci vuo­le fegato sia a te­ne­re se­gre­to un even­to del ge­ne­re sia a ren­der­lo pub­bli­co. Tan­to di cap­pel­lo di fron­te al suo co­rag­gio e al­la sua for­za. Nel film, Do­no­van è bril­lan­te pro­fes­sio­ni­sta, bra­vo pa­dre e bra­vo ma­ri­to. Per lei è dif­fi­ci­le con­ci­lia­re la­vo­ro, fa­mi­glia, fi­gli? Sen­ta, mia mo­glie mi ha spo­sa­to sa­pen­do che non ero un den­ti­sta o un ban­ca­rio. I ra­gaz­zi so­no cre­sciu­ti sa­pen­do che il pa­dre fa­ce­va un la­vo­ro stra­no, ma per quan­to li ri­guar­da po­trei an­che es­se­re un ca­mio­ni­sta o un fo­to-re­por­ter gi­ra­mon­do. Quan­do si so­no re­si con­to che il lo­ro papà era Tom Hanks?

Ri­man­go sem­pre il lo­ro pa­dre un po’ idio­ta, che ha fat­to co­se bel­le e an­che stu­pi­dag­gi­ni. Le co­se cam­bia­no - che so - al ri­sto­ran­te, quan­do c’è gen­te che si ac­ca­lo­ra e dà un po’ i nu­me­ri... “Papà, ci in­chi­nia­mo di fron­te al po­te­re del­la ce­le­bri­tà!” mi sfot­to­no. Il pon­te del­le spie rac­con­ta un epi­so­dio de­gli an­ni ’50, una real­tà or­mai lon­ta­na. Ve­de qual­che re­la­zio­ne col pre­sen­te?

Non ci so­no più il muro di Ber­li­no o la cor­ti­na di fer­ro, ma og­gi - in cer­te par­ti d’Eu­ro­pa - c’è chi crea bar­rie­re per fer­ma­re a ogni co­sto tan­ti po­ve­ri emi­gran­ti. Quell’im­ma­gi­ne di una gior­na­li­sta che pren­de a cal­ci i pro­fu­ghi è quan­to di più spre­ge­vo­le una so­cie­tà li­be­ra pos­sa pro­dur­re.

Co­sa ri­cor­da del­la Guer­ra fred­da?

So­no na­to nel 1956 e la Guer­ra fred­da co­min­ciò ve­ra­men­te quan­do ave­vo 5 an­ni. Sen­ti­vo i miei ge­ni­to­ri par­la­re di Kru­sciov che mi­nac­cia­va: “Vi sep­pel­li­rò”. Pie­tri­fi­ca­to dal­la pau­ra, pen­sa­vo che ci avreb­be pre­si tut­ti - noi di Red­ding in Ca­li­for­nia - e but­ta­ti in un gran­de fos­so, poi co­per­ti di ter­ra. For­se è na­to al­lo­ra il mio de­si­de­rio di sa­per­ne di più, di stu­dia­re e ca­pi­re la sto­ria. Spiel­berg & Hanks, un bi­no­mio for­tu­na­to: quat­tro film e la pro­du­zio­ne di due im­por­tan­ti se­rie te­le­vi­si­ve, The Band

of Bro­thers e The Pa­ci­fic. Non di­scu

te­te mai? A vol­te ca­pi­ta. Il no­stro è un rap­por­to ca­po-im­pie­ga­to: al­la fi ne, è mio com­pi­to dar­gli ciò che vuo­le. Cer­te vol­te, è ov­vio, la pen­so in mo­do di­ver­so, ma Ste­ven è un re­gi­sta che ti chie­de di col­la­bo­ra­re e di pro­por­gli idee. Se c’è qual­che con­tra­sto è sem­mai nel­la fa­se pre­ce­den­te, sulla pa­gi­na scrit­ta, quan­do una bat­tu­ta mi suo­na fal­sa e non mi pa­re fun­zio­ni. Al­tre vol­te, pe­rò, ac­ca­de che ar­ri­via­mo sul set la mat­ti­na pre­sto con la stes­sa pa­gi­na del co­pio­ne cer­chia­ta di ros­so e i no­stri com­men­ti in per­fet­ta sin­to­nia. E al­lo­ra gli di­co: “Boss, I lo­ve you!”.

A cinque an­ni sen­ti­vo i miei ge­ni­to­ri par­la­re di Kru­sciov che mi­nac­cia­va: “Vi sep­pel­li­rò”. Mo­ri­vo di pau­ra, pen­sa­vo che ci avreb­be but­ta­ti tut­ti in un fos­so

Tom Hanks in Il pon­te del­le spie, am­bien­ta­to du­ran­te la Guer­ra fred­da.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.