“SO­NO EN­TRA­TA NEL­LA TE­STA DI UN UO­MO PER RAC­CON­TA­RE LA BA­NA­LI­Tà DEL MA­LE”

Un mae­stro ri­ma­sto so­lo. Una bam­bi­na scom­par­sa. La ri­cer­ca del­la pa­ter­ni­tà per­du­ta. Con il suo nuo­vo ro­man­zo Da­cia Ma­rai­ni apre uno squar­cio sui la­ti oscu­ri dell’esi­sten­za. Sen­za per­de­re la spe­ran­za

Corriere della Sera - Io Donna - - Percorsi Interiori - Di An­na­le­na Be­ni­ni, fo­to di Fa­bio L0­vi­no

Da­cia ma­rai­ni que­sta vol­ta è en­tra­ta den­tro il cuo­re di un uo­mo, un mae­stro di scuo­la qua­si qua­ran­ten­ne, un pa­dre che ha per­so la fi­glia di ot­to an­ni per una ma­lat­tia, un ma­ri­to che è sta­to la­scia­to dal­la mo­glie per trop­po do­lo­re, non per man­can­za d’amo­re. Si sve­glia la mat­ti­na, so­lo, e dice: «Non so che fa­re di me».

Ne La bam­bi­na e il so­gna­to­re, ap­pe­na pub­bli­ca­to da Riz­zo­li, Da­cia Ma­rai­ni è il so­gna­to­re, il rac­con­to in pri­ma per­so­na ma­schi­le di quel­lo che la vi­ta fa al­le per­so­ne, i bu­chi che la­scia ad­dos­so, la spe­ran­za nell’uma­ni­tà, l’amo­re per le sto­rie, ma an­che lo sguar­do gio­va­ne sul mon­do. Un mae­stro in­da­ga in so­li­tu­di­ne sulla scom­par­sa di una bam­bi­na con il cap­pot­to ros­so, spa­ri­ta una mat­ti­na sulla stra­da per la scuo­la, si ri­bel­la al­la ras­se­gna­zio­ne in­dif­fe­ren­te de­gli al­tri, per­ché quel­la bam­bi­na va a tro­var­lo in so­gno, per­ché cam­mi­na al­lo stes­so mo­do di sua fi­glia, con le pun­te dei pie­di di­va­ri­ca­te, la mar­cia de­ci­sa ma un po’ sbi­len­ca, per­ché lui non sa che fa­re di sé e que­sta sto­ria gli of­fre di nuo­vo un sen­so. Com’è sta­to en­tra­re den­tro la te­sta di un uo­mo, ap­pro­priar­si per la pri­ma vol­ta di una

Da­cia Ma­rai­ni ha pub­bli­ca­to 19 ro­man­zi, mol­ti dei qua­li di­ven­ta­ti film.

vo­ce nar­ran­te ma­schi­le? «Non l’ho cer­ca­to io» dice Da­cia Ma­rai­ni con la vo­ce da ra­gaz­za e lo sguar­do az­zur­ro e com­po­sto, le parole at­ten­te. «Da sem­pre i per­so­nag­gi ven­go­no a bus­sa­re al­la mia porta, non so spie­ga­re che co­sa ac­ca­da: il mae­stro Sa­pien­za è ve­nu­to più vol­te da me, con il suo ca­ri­co di af­fan­ni, si è pre­sen­ta­to e io l’ho ac­col­to. Ho la­vo­ra­to per tre an­ni a que­sto li­bro, e ogni vol­ta so­no emo­zio­na­ta, pie­na di dub­bi e di spe­ran­za ».

è il rac­con­to de­li­ca­to e bru­ta­le in­sie­me di una pri­gio­nia: men­ta­le, fi­si­ca. E de­gli sfor­zi, non sem­pre riu­sci­ti, per li­be­rar­se­ne. Ci so­no don­ne che si ras­se­gna­no, ci so­no don­ne che si ri­bel­la­no. Ci so­no bam­bi­ne che ver­ran­no salvate, ma che por­te­ran­no per sem­pre ad­dos­so i se­gni dell’in­di­ci­bi­le. C’è il ma­le e il be­ne del mon­do, per­ché «ho bi­so­gno di rac­con­ta­re la com­ples­si­tà dell’ani­mo uma­no».

Da­cia Ma­rai­ni ave­va po­chi an­ni quan­do con la sua fa­mi­glia ven­ne chiu­sa in un cam­po di con­cen­tra­men­to in Giap­po­ne. Ha rac­con­ta­to che si stu­pi­va ogni se­ra di es­se­re an­co­ra vi­va, che si av­ve­le­nò man­gian­do for­mi­che e che ogni tan­to sgat­ta­io­la­va ol­tre il fi lo spi­na­to e per nu­trir­si rac­co­glie­va le fo­glie dei ba­chi da se­ta. «È ve­ro, ma era un al­tro ti­po di pri­gio­nia: c’era la guer­ra, la fa­me, la po­li­ti­ca. Quel sen­so di chiu­su­ra e di buio non po­trò mai di­men­ti­car­lo. Que­ste pe­rò so­no pri­gio­nie le­ga­te al sen­so del pos­ses­so, un sentimento ma­schi­le che sta al­la ba­se di mol­te vio­len­ze: so­no sto­rie che co­no­sco e che mi tor­men­ta­no da sem­pre, sto­rie che stu­dio gra­zie ad Am­ne­sty In­ter­na­tio­nal: la vio­len­za con­tro i bam­bi­ni è an­co­ra più de­va­stan­te in una so­cie­tà svi­lup­pa­ta, non riesco a ca­pa­ci­tar­me­ne, non pos­so ras­se­gnar­mi».

bam­bi­ne ra­pi­te, por­ta­te nei bor­del­li. Bam­bi­ne sen­za più lu­ce ne­gli oc­chi. Bam­bi­ne com­pra­te a prez­zi strac­cia­ti. E un’uma­ni­tà ras­se­gna­ta al­le co­se or­ri­bi­li del mon­do, una ma­dre che con­ti­nua os­ses­si­va­men­te a la­vo­ra­re cu­cen­do abi­ti da spo­sa, e che pre­fe­ri­sce pen­sa­re che la sua bam­bi­na di ot­to an­ni sia mor­ta, per­ché le causa me­no do­lo­re, le per­met­te di re­sta­re immobile. «Ho stu­dia­to mol­te sto­rie ve­re, mol­te te­sti­mo­nian­ze fem­mi­ni­li, e ho tro­va­to spes­so que­sta ras­se­gna­zio­ne: pur­trop­po è un fat­to sto­ri­co. È la re­sa al­la so­praf­fa­zio­ne, che vie­ne sentita da mol­te don­ne come un de­sti­no ir­ri­me­dia­bi­le, per abi­tu­di­ne a in­tro­iet­ta­re la pro­pria pas­si­vi­tà. Si ve­do­no co­sì, si ac­cet­ta­no co­sì».

la ma­dre del­la bam­bi­na spa­ri­ta con­ti­nua a cu­ci­re, a te­sta bas­sa, chiu­sa in un do­lo­re mu­to, non vuo­le sa­pe­re, non vuo­le par­la­re, so­spet­ta del mae­stro Sa­pien­za e del­la sua osti­na­zio­ne a cer­ca­re. Ma c’è in­ve­ce un’al­tra ma­dre, che par­te per la Cam­bo­gia, che of­fre la pro­pria vi­ta come cam­po di bat­ta­glia per salvare la vi­ta in­di­fe­sa di sua fi glia.

Da­cia Ma­rai­ni non giu­di­ca, non con­dan­na, vuo­le rac­con­ta­re la com­ples­si­tà dell’esi­sten­za, e anzi cer­ca di ri­scat­tar­la at­tra­ver­so l’amo­re per le sto­rie, per il rac­con­to, per le fi abe dei fra­tel­li Grimm, per Pi­noc­chio, per le per­so­ne che non si ar­ren­do­no.

In que­sto ro­man­zo, appassionante e terribile, che rie­sce a tro­va­re la vo­ce del­la ba­na­li­tà del ma­le, e fa lo sfor­zo let­te­ra­rio e uma­no di en­tra­re nel­la men­te di chi eser­ci­ta il sentimento del pos­ses­so, un bam­bi­no si tra­sfor­ma in in­ve­sti­ga­to­re, sa­le in ci­ma a un al­be­ro per cer­ca­re la ve­ri­tà, col­ti­va la spe­ran­za e vin­ce.

«Per­ché la pos­si­bi­li­tà di rea­gi­re, di non ar­ren­der­si al ma­le, c’è sem­pre, dob­bia­mo so­lo tro­var­la den­tro di noi: pos­sia­mo usci­re dal buio. E aiu­ta­re gli al­tri a uscir­ne».

Da sem­pre i per­so­nag­gi ven­go­no a bus­sa­re al­la mia porta, non so spie­ga­re che co­sa ac­ca­da: il mae­stro

Sa­pien­za è ve­nu­to più vol­te da me, con il suo ca­ri­co di af­fan­ni, si è pre­sen­ta­to e io l’ho ac­col­to

La co­per­ti­na del nuo­vo li­bro di Da­cia Ma­rai­ni, La bam­bi­na

e il so­gna­to­re, edi­to da Riz­zo­li.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.