“ORA NON NASCONDO PIù IL MIO VI­SO”

“So­no pa­ci­fi­ca­ta e ho scoperto la leg­ge­rez­za” ri­ve­la Pao­la Tur­ci. Che a noi rac­con­ta le tap­pe del suo per­cor­so: dal trau­ma dell’in­ci­den­te al­la fe­li­ci­tà di og­gi. Fi­dan­za­to più gio­va­ne com­pre­so

Corriere della Sera - Io Donna - - Elogio Dei 50 (Anni) - di Ma­ria Lau­ra Gio­va­gni­ni, fo­to di Ila­ria Ma­glioc­chet­ti Lom­bi

Mi han­no ap­pe­na fer­ma­ta per stra­da. “Non sai che idea di ener­gia mi hai sem­pre tra­smes­so”. Eh, og­gi so­no pu­re peg­gio­ra­ta: ne ho mol­ta di più!» scher­za. Pao­la Tur­ci è l’em­ble­ma del­le nuo­ve cin­quan­ten­ni, quel­le per cui la “so­glia spau­rac­chio” si ri­ve­la in­ve­ce l’ini­zio dell’età dell’oro. «Il mio sta­to vi­ta­le è al­tis­si­mo, e ha un ri­fles­so in­cre­di­bi­le sul­le can­zo­ni. Ho tra­smes­so lo­ro quel­la leg­ge­rez­za che non han­no mai avu­to». Ascol­ta­re per cre­de­re: dal 29 no­vem­bre la can­tau­tri­ce ro­ma­na ini­zie­rà un tour nei tea­tri in­cen­tra­to sull’ul­ti­mo al­bum, Io so­no, che con­tie­ne 12 bra­ni “sto­ri­ci” e tre ine­di­ti. A ce­le­bra­zio­ne di trent’an­ni di car­rie­ra.

Io so­no... Chi, esat­ta­men­te, og­gi?

Una che ri­sco­pre un po’ di fol­lia, la ri­sa­ta come te­ra­pia. Una per­so­na gra­ta - per la pri­ma vol­ta - di quel­lo che ha rea­liz­za­to e di quel­lo che le è suc­ces­so. Non cam­bie­rei nul­la.

In­ci­den­te stra­da­le com­pre­so?

Sì. La con­sa­pe­vo­lez­za di aver

su­pe­ra­to quel­la pro­va mi ac­com­pa­gna e mi dà for­za, so­ste­gno. Nep­pu­re per un at­ti­mo mi so­no chie­sta: “Per­ché a me?”. Anzi: que­sto do­ve­va ca­pi­ta­re pro­prio a me. La pen­sa come tan­ti psi­coa­na­li­sti, per cui per­si­no even­ti ter­ri­bi­li so­no scel­te in­con­sce? Esat­ta­men­te, ci me­ri­tia­mo quel­lo che ab­bia­mo. Pe­rò evi­to di sban­die­ra­re que­sta con­vin­zio­ne do­po aver ri­ce­vu­to una let­te­ra del pa­dre di una ra­gaz­za mor­ta di leu­ce­mia a 20 an­ni. Come mai non ha in­clu­so il suo bra­no del ’93, Io e Ma­ria? I di­rit­ti dei gay so­no un te­ma at­tua­lis­si­mo.

Pri­ma ne ave­vo in­ci­sa un’al­tra, Due

don­ne: cre­do sia sta­ta quel­la, in real­tà, a far di me un ri­fe­ri­men­to del­la co­mu­ni­tà gay, a por­tar­mi un gros­so se­gui­to, tan­to che si è pen­sa­to che lo fos­si an­ch’io. “Do­vrei pro­va­re a di­re co­sa non so­no più” dice in uno dei tre nuo­vi mo­ti­vi,

Quante vi­te vi­via­mo. Pro­vi. Non so­no più ti­mi­da, ben­ché qual­che vol­te di­ven­ti ros­sa... Or­mai que­ste le de­fi­ni­sco “te­ne­re fra­gi­li­tà”: ho smes­so di es­se­re fe­ro­ce con me stes­sa, una con­qui­sta fan­ta­sti­ca! Ho avu­to una ma­dre as­sai dol­ce ma as­sai severa, non si po­te­va sbagliare... Quan­do ho ini­zia­to la car­rie­ra mu­si­ca­le, tut­to ve­ni­va mes­so in di­scus­sio­ne, per quan­to i miei lo fa­ces­se­ro per pro­teg­ger­mi. Non c’era nes­sun pre­ce­den­te in ca­sa, no­no­stan­te mam­ma fos­se bra­vis­si­ma: imi­ta­va al­la per­fe­zio­ne Mi­na e Or­nel­la Va­no­ni. Il rap­por­to con i suoi ge­ni­to­ri è sta­to con­flit­tua­le. Ne ha par­la­to l’an­no scor­so nel­la sua au­to­bio­gra­fia, Mi amer˜ lo stes­so. Scri­ve­re del mio pri­va­to è la co­sa più lon­ta­na da me che po­tes­si im­ma­gi­na­re, ep­pu­re sen­ti­vo che “con­fes­sar­mi” mi avreb­be gio­va­to. Ave­vo ra­gio­ne: do­po es­ser­mi rac­con­ta­ta nel li­bro, mi so­no li­be­ra­ta dai ca­pel­li che mi

co­pri­va­no la fac­cia, dal­la fran­get­ta, dal mio na­scon­der­mi... E ho tro­va­to la for­za di di­re no al chi­rur­go che mi pro­po­ne­va un’en­ne­si­ma ope­ra­zio­ne per mi­ni­miz­za­re le ci­ca­tri­ci. Quan­do ho in­con­tra­to Lu­cia An­ni­ba­li, qual­che settimana fa, mi sa­rei in­gi­noc­chia­ta: si è mo­stra­ta po­co tem­po do­po l’at­tac­co con l’aci­do... Ci vuo­le un co­rag­gio da leo­ni, io non l’ho avu­to. Mi per­do­no, co­mun­que, non ero ab­ba­stan­za for­te da com­bat­te­re. A 29 an­ni ero una ra­gaz­zi­na: tri­ste, in­si­cu­ra, mi tro­va­vo brut­ta. Per un pe­rio­do la fe­de l’ha aiu­ta­ta. Non ho ri­ce­vu­to un’edu­ca­zio­ne

re­li­gio­sa e, a un cer­to pun­to, il cat­to­li­ce­si­mo è sta­to una scoperta con­for­tan­te. Re­ci­ta­re il ro­sa­rio mi fa­ce­va vo­la­re... Pur­trop­po so­no un’in­te­gra­li­sta, o tut­to o nien­te, non so sta­re nel­la via di mezzo. E se­gui­re i dog­mi non fa per me.

Le sue gio­ie mag­gio­ri?

Le pic­co­le co­se mi dan­no en­tu­sia­smo. Fra le emozioni for­ti met­te­rei la na­sci­ta dei fi­gli di mio fra­tel­lo e del­le due fi­glie di mia so­rel­la: io e lei sia­mo sim­bio­ti­che. A dif­fe­ren­za sua, pe­rò, non mi sen­to ma­ter­na. Mi so­no spo­sa­ta a 45 an­ni (con il gior­na­li­sta An­drea Ama­to, ndr) - ci sia­mo se­pa­ra­ti do­po due, per­ché pro­prio non c’era rap­por­to - e pro­va­re ad ave­re un fi­glio era una pos­si­bi­li­tà. Ora so­no ri­co­no­scen­te di non aver­lo avu­to, rin­gra­zio il cie­lo che sia an­da­ta co­sì. Per un mo­men­to l’ave­vo de­si­de­ra­to, for­se si trat­ta­va più di un con­di­zio­na­men­to so­cia­le... Ri­cor­do un viag­gio in Viet­nam. “Non ha bam­bi­ni?” chie­de­va­no tut­ti. “No, non ho bam­bi­ni”. Ri­spon­di “non an­co­ra”, mi con­si­glia­ro­no: qui non esi­ste che una don­na non si spo­si e non li met­ta al mon­do.

E ades­so • fi­dan­za­ta?

Sto con un ra­gaz­zo di 37 an­ni, Francesco, un in­ge­gne­re, in gam­ba e dol­ce. Non l’ho cer­ca­to, de­vo di­re a mia di­scol­pa. Di­scol­pa di che? Se al po­sto suo ci fos­se un uo­mo, il pro­ble­ma non si por­reb­be. An­che il mio ex ma­ri­to era più gio­va­ne di 10 an­ni... All’età non fac­cio ca­so. Ri­cor­do un’esta­te al Vil­lag­gio To­gnaz­zi, du­ran­te il tra­di­zio­na­le tor­neo di ten­nis (pas­sa­vo come bra­va gio­ca­tri­ce per via del­la re­la­zio­ne con Pao­lo Ca­nè, ero una pip­pa). C’era an­che Vittorio Gass­man, già set­tan­ten­ne. Ave­vo per­so la te­sta! Mi pia­ce­va in­fi­ni­ta­men­te più del fi­glio Ales­san­dro...

So­no dav­ve­ro gra­ta di non aver avu­to

fi­gli, an­che se per un at­ti­mo l’ave­vo de­si­de­ra­to:

non mi so­no mai sentita ma­ter­na

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.