“SEMBREREBBE UN AMO­RE MA­LA­TO, MA CHIA­MAR­LO AMO­RE NON SI PUÒ”

A can­ta­re que­ste parole • Alex Brit­ti. Do­po aver vi­sto (e soc­cor­so) una ra­gaz­za pic­chia­ta dal suo com­pa­gno, ha de­ci­so di schie­rar­si con la ong WeWorld che da sem­pre com­bat­te la vio­len­za sul­le don­ne. E che, il 17 no­vem­bre, pre­sen­ta l’ul­ti­mo dram­ma­ti­co ra

Corriere della Sera - Io Donna - - Vivere Meglio - Per­chŽ? Shoc­king 2, sti­val di Can­di­da Mor­vil­lo Ro­sa WeWorld Film Fe-

Ero a mi­la­no, in piaz­za Ca­ne­va, zo­na qua­si cen­tra­le, quan­do ho vi­sto una cop­pia di gio­va­ni che li­ti­ga­va. Lui era fuo­ri di sé, le ha sfer­ra­to due pu­gni in fac­cia. Istin­ti­va­men­te, so­no cor­so ver­so di lo­ro e sal­ta­to ad­dos­so a quel ra­gaz­zo». Alex Brit­ti sus­sul­ta an­co­ra di rab­bia quan­do rac­con­ta com’è co­min­cia­to tut­to. Il “tut­to” è quel­la cop­pia che co­mun­que non si spez­za, è la ra­gaz­za che si ri­fiu­ta di de­nun­cia­re, ed è una can­zo­ne, che poi di­ven­ta an­che un vi­deo, che è un in­vi­to a rea­gi­re, ri­vol­to a tut­te le don­ne che su­bi­sco­no vio­len­za. Il sin­go­lo - che an­ti­ci­pa il nuo­vo al­bum di Brit­ti - s’in­ti­to­la e par­te dei pro­ven­ti an­dran­no a WeWorld, ong che in Ita­lia si im­pe­gna so­prat­tut­to a con­tra­sta­re la vio­len­za con­tro le don­ne. Nel vi­deo, il co­ro è un af­fol­la­to con­ses­so, da Ca­ro­li­na Cre­scen­ti­ni a Gian Mar­co To­gnaz­zi, da Giu­lia Elet­tra Go­riet­ti al re­gi­sta Mas­si­mi­lia­no Bru­no, fi­no a don­ne che han­no su­bi­to vio­len­za e si so­no ri­bel­la­te. Ci sa­rà an­che Brit­ti nel­la Sa­la de­gli At­ti Par­la­men­ta­ri del Se­na­to, il 17 no­vem­bre, al­la pre­sen­ta­zio­ne dell’in­da­gi­ne

rea­liz­za­ta da Ip­sos per WeWorld su “vio­len­za e ste­reo­ti­pi di ge­ne­re: ge­ne­ra­zio­ni a con­fron­to e pre­ven­zio­ne”. Men­tre, dal 20 al 22, aspet­tan­do la gior­na­ta in­ter­na­zio­na­le con­tro la vio­len­za sul­le don­ne del 25 no­vem­bre, a Mi­la­no, al Tea­tro Lit­ta, si ter­rà la se­sta edi­zio­ne del

sui di­rit­ti del­le don­ne. Lo slo­gan del­la ong è “ser­vo­no al­tri uo­mi­ni”. Uo­mi­ni che non fan­no del ma­le al­le don­ne, ma non so­lo: an­che uo­mi­ni che fac­cia­no sen­ti­re la lo­ro vo­ce su un te­ma che non può es­se­re so­lo fem­mi­ni­le. È un uo­mo, non a ca­so, il pre­si­den­te del­la ong, Mar­co Chie­sa­ra, ed è Brit­ti che ora scen­de in cam­po, come ave­va fat­to in piaz­za Ca­ne­va. Al­lo­ra, l’ag­gres­so­re scap­pò ap­pe­na lui gli piom­bò ad­dos­so: «Gli uo­mi­ni che pic­chia­no le don­ne non so­no co­rag­gio­si» os­ser­va il can­tan­te, con ama­rez­za. Quel gior­no, rac­col­se la gio­va­ne da ter­ra. «Tre­ma­va, ave­va un oc­chio ne­ro, il lab­bro spac­ca­to. Avrà avu­to trent’an­ni, sem­bra­va cin­ga­le­se, par­la­va ma­le l’ita­lia­no o fin­ge­va di non ca­pi­re. Non vo­le­va es­se­re por­ta­ta al pron­to soc­cor­so, non vo­le­va che chia­mas­si la po­li­zia. Ven­ne a pren­der­la un suo con­na­zio­na­le, il qua­le, come se fos­se nor­ma­le, spie­gò che l’uo­mo che l’ave­va pic­chia­ta era il ma­ri­to e che suc­ce­de­va spes­so. Lì, ho ca­pi­to che si ar­ri­va al­la vio­len­za fi­si­ca so­lo se pri­ma hai già ac­cet­ta­to quel­la psi­co­lo­gi­ca». So­no sei mi­lio­ni 788 mi­la le ita­lia­ne che han­no su­bi­to qual­che for­ma di vio­len­za fi­si­ca o ses­sua­le. So­lo l’11,8 per cen­to del­le don­ne che su­bi­sce vio­len­za de­nun­cia. Mol­te fi­ni­sco­no in ospe­da­le, ma non am­met­to­no di es­se­re sta­te pic­chia­te. «So­sten­go­no di es­se­re ca­du­te dal­le sca­le» dice Brit­ti. «Le ac­com­pa­gna­no i lo­ro uo­mi­ni: pri­ma le gon­fia­no, poi pia­gnu­co­la­no “te­so­ro, non lo fac­cio più” e le por­ta­no al pron­to soc­cor­so per la­var­si la co­scien­za». La can­zo­ne è ar­ri­va­ta me­si do­po quell’epi­so­dio. «Sembrerebbe un amo­re ma­la­to, ma chia­mar­lo amo­re non si può» re­ci­ta il te­sto. Che co­sa sia in­ve­ce l’amo­re Alex Brit­ti l’ha ben chia­ro: «L’amo­re è una co­sa bel­la. Se ami, vuoi il be­ne del­la per­so­na che ami, vuoi far­la fe­li­ce, vuoi por­tar­la a ce­na. E se la me­ni, non è come se le re­ga­las­si dei fio­ri».

Il can­tan­te Alex Brit­ti so­stie­ne l’im­pe­gno di WeWorld con­tro la vio­len­za sul­le don­ne: par­te dei pro­ven­ti ri­ca­va­ti dal­la ven­di­ta del suo sin­go­lo sa­ran­no de­vo­lu­ti

al­la ong che, il 17 no­vem­bre, pre­sen­ta al Se­na­to la sua in­da­gi­ne su “vio­len­za e ste­reo­ti­pi

di ge­ne­re: ge­ne­ra­zio­ni a con­fron­to e pre­ven­zio­ne”.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.