“LA DO­MAN­DA È: MA IO MI SO­NO RAG­GIUN­TO?”

De­ci­ne di film, piè­ce tea­tra­li, fic­tion di suc­ces­so ( Mon­tal­ba­no in te­sta) per Lu­ca Zin­ga­ret­ti non so­no suf­fi­cien­ti per sen­tir­si “ar­ri­va­to”. Ora l’at­to­re por­ta in sce­na “The Pri­de”, un te­sto di cui è in­ter­pre­te e re­gi­sta e che ri­flet­te sul co­rag­gio di sce

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story - Di Can­di­da Mor­vil­lo, fo­to di Da­nie­le Bar­ra­co per Io don­na The Pri­de Pri­de, The

All’ora di pran­zo di una lu­mi­no­sa do­me­ni­ca d’ini­zio no­vem­bre, Pi­sto­ia è de­ser­ta e si­len­zio­sa. Mol­ti si al­ze­reb­be­ro da ta­vo­la e scen­de­reb­be­ro per stra­da, se sa­pes­se­ro che sul cor­so c’è Lu­ca Zin­ga­ret­ti che cam­mi­na pia­no, e pen­sie­ro­so si do­man­da “quan­ti di noi pos­so­no di­re di vi­ve­re la vi­ta che si so­no scel­ti?”. Chie­de­reb­be­ro au­to­gra­fi e sel­fie e rom­pe­reb­be­ro la ma­gia di ri­fles­sio­ni che in­ve­ce re­ste­ran­no so­spe­se e in­tat­te fi­no al­le quat­tro del po­me­rig­gio, quan­do in tea­tro sa­ran­no ap­plau­si su ap­plau­si. A se­ra, Zin­ga­ret­ti po­trà di­re: «Si po­te­va sur­fa­re sul­le emo­zio­ni del pub­bli­co in sa­la».

pas­seg­gia­re lon­ta­no dal fra­stuo­no e far­si do­man­de fa be­ne. «Io, es­sen­do un tor­men­ta­to, mi in­ter­ro­go su chi so­no e co­sa vo­glio da quan­do ne ho me­mo­ria. È una for­tu­na» di­ce lui. di Ale­xi Kaye Cam­p­bell, che por­ta in tour­née si­no a feb­bra­io, da at­to­re, re­gi­sta e pro­dut­to­re, con debutto ro­ma­no al Tea­tro Ar­gen­ti­na il 24 no­vem­bre, non è so­lo una sto­ria sull’omo­ses­sua­li­tà, ma una sto­ria che toc­ca le cor­de pro­fon­de di ognu­no di noi. «È un te­sto splen­di­do, ma dif­fi­ci­le, con due sto­rie pa­ral­le­le e un ar­go­men­to cal­do per mo­do di di­re, per­ché fac­cia­mo tut­ti i li­be­ra­li, ma i pre­giu­di­zi so­no an­co­ra tan­ti. Gli ami­ci mi scon­si­glia­va­no di far­lo».

pe­rò, per lui era di­ven­ta­to un’os­ses­sio­ne. «Mi at­ti­ra­va co­sì tan­to per­ché par­la dell’iden­ti­tà, del co­rag­gio di sco­pri­re chi si è, di pren­der­ne at­to, e agi­re di con­se­guen­za. Po­chi di noi vi­vo­no la vi­ta che si so­no scel­ti e non par­lo del fat­to che uno vo­glia es­se­re mi­liar­da­rio, ma di un in­ter­ro­gar­si che ap­par­te­ne­va a qual­che ge­ne­ra­zio­ne fa. Quan­do da ra­gaz­zo fa­ce­vo po­li­ti­ca, ci chie­de­va­mo sem­pre se le no­stre scel­te fos­se­ro no­stre o in­dot­te da al­tro». E og­gi? «Og­gi i gio­va­ni vo­glio­no so­lo uni­for­mar­si al­la mas­sa, co­me se non ci fos­se più un al­tro­ve. Non ri­guar­da so­lo le scel­te di vi­ta. È tut­to: è quan­do com­pri un te­le­fo­ni­no che usi po­co, ma de­vi com­prar­ne co­mun­que uno su­pe­rac­ces­so­ria­to e do­po due an­ni sei ob­bli­ga­to a cam­biar­lo per­ché non fun­zio­na più. È quan­do vi­vi ac­cet­tan­do il mon­do com’è e ti di­men­ti­chi di chie­der­ti: ma que­sto so­no io, è la vi­ta che

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.