GUAR­DA­MI TE­LE­CA­ME­RA

Corriere della Sera - Io Donna - - Icone - Blog.io­don­na.it/ma­ria-te­re­sa- me­li

è una brut­ta sin­dro­me, quel­la del “peo­ne”. Si sta par­lan­do dell’im­prov­vi­sa e an­go­scio­sa asti­nen­za da no­to­rie­tà, ti­to­li di gior­na­li, in­ter­vi­ste tv, che af­flig­ge mol­ti par­la­men­ta­ri ita­lia­ni. Un tem­po, nel­la mai tan­to de­pre­ca­ta e de­can­ta­ta (tut­to di­pen­de dai pun­ti di vi­sta) pri­ma Repubblica, il peo­ne, os­sia il de­pu­ta­to o se­na­to­re sem­pli­ce, che non era un lea­der né un vol­to fa­mo­so, la­vo­ra­va ala­cre­men­te per cam­bia­re il suo de­sti­no. Lo fa­ce­va, pe­rò, nel­le com­mis­sio­ni o in au­la, quan­do si trat­ta­va di esa­mi­na­re una leg­ge o un de­cre­to. Ades­so que­sta ap­pa­re tut­ta fa­ti­ca spre­ca­ta. Ci so­no tan­te te­le­vi­sio­ni e c’è la ra­dio. E poi c’è In­ter­net, che scol­pi­sce tut­to nel­la “uma­na eter­ni­tà”. Pren­dia­mo un caso con­cre­to. Tut­ti quel­li che so­no usci­ti dal Pd non han­no più il fa­vo­re del­le te­le­ca­me­re. Lo­ro ro­si­ca­no per que­sto, com’è nor­ma­le che sia, ma poi si or­ga­niz­za­no e si co­strin­go­no a far po­li­ti­ca. Co­sì han­no fat­to i D’At­tor­re, i Ci­va­ti e i Fas­si­na. Ma Cor­ra­di­no Mi­neo, che si ama sen­za ri­ser­ve, non ci sta. Pos­si­bi­le che nes­su­no par­li più di lui? Co­me ov­via­re a que­sta in­cre­scio­sa si­tua­zio­ne? At­tac­can­do ogni gior­no Ren­zi (per de­fi­ni­zio­ne sem­pre col­pe­vo­le di qual­che co­sa) e, so­prat­tut­to, Ma­ria Ele­na Bo­schi. Rea, se­con­do lui, di es­se­re “bel­la e de­ter­mi­na­ta”. In pra­ti­ca tut­to quel­lo che ogni don­na vor­reb­be es­se­re. E que­sta è di­ven­ta­ta, ad un trat­to, una col­pa. For­se, vi­sto che Mi­neo ama mi­schia­re pub­bli­co e pri­va­to, qual­cu­no do­vreb­be chie­de­re al­la sua com­pa­gna di vi­ta se è d’ac­cor­do con lui.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.