Ci­ne­ma

Corriere della Sera - Io Donna - - Agenda - Di Pao­lo Me­re­ghet­ti A te­sta al­ta

dram­ma­ti­co Scel­to per inau­gu­ra­re l’ul­ti­mo fe­sti­val di Can­nes, segue il per­cor­so di Ma­lo­ny, ado­le­scen­te pro­ble­ma­ti­co che ve­dia­mo a sei an­ni pra­ti­ca­men­te ab­ban­do­na­to dal­la ma­dre. Poi, dai 13 ai 18, al­le pre­se con le ca­se cor­re­zio­na­li e la pri­gio­ne. A cer­ca­re di ri­por­tar­lo te­star­da­men­te sul­la ret­ta via so­no un giu­di­ce don­na e un edu­ca­to­re, ol­tre all’in­con­tro con una ra­gaz­za ru­vi­da co­me lui. Il film non fa scon­ti né al­la rab­bia del ra­gaz­zo, né al­le fa­ti­che di chi lo segue; evi­ta sa­pien­te­men­te le sce­ne ma­dri, mo­stra gli scon­tri tra la ra­gio­ne­vo­lez­za de­gli adul­ti e la ri­bel­lio­ne del gio­va­ne; è sin­ce­ro nel rac­con­ta­re si­tua­zio­ni com­ples­se e dif­fi­ci­li ( lo zio del­la re­gi­sta era giu­di­ce dei mi­no­ri e, die­tro il film, c’è un lun­go la­vo­ro d’in­chie­sta). Ma la sua ca­ri­ca po­si­ti­va a vol­te ri­schia di in­ter­fe­ri­re con lo svol­gi­men­to del­la sto­ria, che cer­ca di tro­va­re un pun­to di equi­li­brio fra ma­dri as­sen­ti, leg­gi pu­ni­ti­ve e la vo­glia di con­ti­nua­re a cre­de­re nel­la pos­si­bi­li­tà di un ri­scat­to. An­che se il fat­to che que­sto ri­scat­to na­sca più da un in­con­tro per­so­na­le che da un “trion­fo” del­la giu­sti­zia è si­cu­ra­men­te un se­gno di one­stà e di ve­ri­tà.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.