DI­VEN­TA­RE CAM­PIO­NES­SE

Corriere della Sera - Io Donna - - Senza Paura - Blog.io­don­na.it/fran­co-ven­tu­ri­ni

die­ci an­ni fa mi­ra rai era una gio­va­nis­si­ma guer­ri­glie­ra che com­bat­te­va con il mo­vi­men­to maoi­sta ed era ri­cer­ca­ta dal go­ver­no ne­pa­le­se. Og­gi che ha ven­ti­sei an­ni è una cam­pio­nes­sa in­ter­na­zio­na­le di ul­tra-run­ning, uno sport du­ris­si­mo che con­si­ste nel cor­re­re di­stan­ze fi­no a ot­tan­ta chi­lo­me­tri in al­ta mon­ta­gna. La vi­ta di Mi­ra Rai, rac­con­ta­ta dal­la BBC, ha dell’in­cre­di­bi­le. Pri­ma di tut­to per­ché in Ne­pal il con­cet­to di pa­ri­tà tra uo­mi­ni e don­ne è tal­men­te eva­ne­scen­te da col­lo­ca­re la Repubblica hi­ma­la­ya­na al po­sto 121 su 136 nell’au­to­re­vo­le Glo­bal Gen­der Gap In­dex. E poi per­ché, ol­tre a es­se­re don­na, Mi­ra da ra­gaz­zi­na ri­schia­va quo­ti­dia­na­men­te di es­se­re uc­ci­sa dal­le for­ze go­ver­na­ti­ve, e per que­sto le toc­ca­va cor­re­re, scap­pa­re ver­so i sen­tie­ri più al­ti e più im­per­vi del­le mon­ta­gne. Un mo­do non pro­prio ba­na­le per di­ven­ta­re atle­ta, so­prat­tut­to se si con­si­de­ra che at­tor­no al 2003 i mi­li­ta­ri ne­pa­le­si ve­ni­va­no aiu­ta­ti da spe­cia­li­sti ame­ri­ca­ni, in­dia­ni e bri­tan­ni­ci. Che non pre­se­ro mai la ri­cer­ca­tis­si­ma Mi­ra Rai. Poi la guer­ra fi­nì, ci fu una am­ni­stia, e Mi­ra con­ti­nuò a cor­re­re per pia­ce­re per­so­na­le. Vin­cen­do sem­pre. Fu no­ta­ta e si iscris­se al­la 50 km del­la val­le di Kat­man­du. Sen­za po­ter­si per­met­te­re le scar­pe giu­ste, sen­za ave­re i sol­di per ri­fo­cil­lar­si lun­go il per­cor­so. Vin­se lo stes­so e da al­lo­ra si è ri­pe­tu­ta sul­le Do­lo­mi­ti, sul Mon­te Bian­co e in tan­te al­tre ga­re. In ogni intervista che ri­la­scia non di­men­ti­ca mai di rin­gra­zia­re quei sol­da­ti che vo­le­va­no uc­ci­der­la: non avrei po­tu­to - di­ce - ave­re al­le­na­to­ri mi­glio­ri.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.