“QUE­ST’OPE­RA EN­TRA IN COL­LE­ZIO­NE PER AIU­TA­RE LE MA­DRI AFRI­CA­NE. E AN­CHE NOI”

“La fo­to­gra­fia è sta­ta il mio pri­mo amo­re”. Pa­ro­la di Pa­tri­zia San­dret­to Re Re­bau­den­go. Che ha ac­qui­si­to il po­lit­ti­co per la sua Fon­da­zio­ne. E per una buo­na cau­sa

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story 3 - Io don­na di Re­na­ta Fer­ri, fo­to di Ales­san­dro Tro­va­ti

Pa­tri­zia san­dret­to Re Re­bau­den­go, 56 an­ni, da ven­ti è al­la gui­da del­la Fon­da­zio­ne che ha se­de a To­ri­no e che por­ta il suo no­me. Un “com­plean­no” che que­st’an­no ha de­ci­so di fe­steg­gia­re con e con un re­ga­lo spe­cia­le. Le due ope­re che ave­te vi­sto in co­per­ti­na, che l’ar­ti­sta fo­to­gra­fo cam­pa­no An­to­nio Bia­siuc­ci ha rea­liz­za­to per que­sto nu­me­ro spe­cia­le del no­stro gior­na­le, an­dran­no ad ar­ric­chi­re la Fon­da­zio­ne. Il ri­ca­va­to dell’ac­qui­si­zio­ne sa­rà in­te­ra­men­te de­vo­lu­to a so­ste­gno dell’as­so­cia­zio­ne Cuamm, Me­di­ci con l’Afri­ca, che ope­ra in Ugan­da e che è sta­ta il “tea­tro” di tut­ta l’ope­ra­zio­ne.

L’au­to­re de­fi­ni­sce il po­lit­ti­co “un tu­mul­to”. Di si­cu­ro so­no im­ma­gi­ni for­ti, di­ret­te, in cui la fo­to­gra­fia è espli­ci­ta e af­fi­da la nar­ra­zio­ne al­la for­za espres­si­va del do­lo­re e del­la ten­sio­ne. Pen­sa che un’ope­ra d’ar­te pos­sa ave­re una mis­sio­ne?

Co­no­sco be­ne la ri­cer­ca di An­to­nio Bia­siuc­ci, mi ha sem­pre col­pi­ta la ca­pa­ci­tà di cat­tu­ra­re e tra­smet­te­re la me­mo­ria dei luo­ghi e dei vol­ti, con quel par­ti­co­la­re ti­po di sguar­do pro­fon­do ed em­pa­ti­co. L’ope­ra che ha rea­liz­za­to per Cuamm Me­di­ci con l’Afri­ca è un in­con­tro sul­la sua su­per­fi­cie - sul­la sua “pel­le” - do­ve si tro­va­no insieme la qua­li­tà e la coe­ren­za di una ri­cer­ca, il co­rag­gio di guar­da­re e la ri­chie­sta pres­san­te di non far­ci vol­ta­re da un’al­tra par­te. So che, an­che a di­stan­za di tem­po, que­st’ope­ra con­ti­nue­rà a far­mi pen­sa­re al­la na­sci­ta co­me a un mi­ra­co­lo e a far­mi ri­pro­va­re le emo­zio­ni che ho sen­ti­to io stes­sa quan­do so­no di­ven­ta­ta ma­dre dei miei fi­gli. So­no cer­ta che man­ter­rà in­tat­ta la ca­pa­ci­tà di ri­cor­dar­mi che nel par­to il con­fi­ne tra vi­ta e mor­te è mol­to sot­ti­le e chie­de pro­te­zio­ne, cu­ra e so­ste­gno. L’amo­re per l’ar­te l’ha por­ta­ta ad ave­re in col­le­zio­ne i mag­gio­ri

ar­ti­sti con­tem­po­ra­nei e so­prat­tut­to a co­no­scer­li di per­so­na. Che co­sa ha im­pa­ra­to da lo­ro?

Con­ver­sa­re con l’ar­ti­sta, do­man­da­re e ra­gio­na­re insieme, è ciò che mi ha sem­pre spin­to. Gli in­con­tri con gli ar­ti­sti so­no pre­zio­si, tan­to quan­to le ope­re, for­se an­co­ra di più. Ho nel­la me­mo­ria una col­le­zio­ne per­so­na­le di pa­ro­le vi­ve, ini­zia­ta nel­lo stu­dio lon­di­ne­se di Ani­sh Ka­poor nel 1992, in mez­zo al­le sue straor­di­na­rie scul­tu­re in pie­tra e pig­men­ti im­pal­pa­bi­li. Pro­se­gue fi­no

Pa­tri­zia San­dret­to Re Re­bau­den­go, al­la gui­da dell’omo­ni­ma fon­da­zio­ne.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.