AF­FA­RI DI... CUO­RE Le con­fes­sio­ni di un’ami­ca car­dio­lo­ga

Corriere della Sera - Io Donna - - Momento Divino - Un Racconto - Di Ca­mil­la Ba­re­sa­ni blog.io­don­na.it/ca­mil­la-ba­re­sa­ni

er an­ni si è det­to che ero l’aman­te del pri­ma­rio. Mi han­no per­si­no ri­fe­ri­to che ero sta­ta sor­pre­sa sot­to la sua scri­va­nia - im­ma­gi­na a far co­sa - e co­no­sce­va­no an­che l’ora pre­ci­sa del gior­no pre­ci­so, e co­me ero ve­sti­ta, an­zi, co­me ero sve­sti­ta. Se ri­spon­de­vo che non era ve­ro, che ma­ga­ri quel gior­no ero ad­di­rit­tu­ra in fe­rie, nes­su­no mi cre­de­va. Se aves­si ag­giun­to che ol­tre­tut­to lui mi ri­pu­gna­va fi­si­ca­men­te, sa­reb­be­ro cor­si a ri­fe­rir­glie­lo, tan­to per crea­re un po’ di fri­zio­ni e cat­ti­ve­ria nel­la ri­pe­ti­ti­vi­tà del­la vi­ta di un re­par­to di car­dio­lo­gia. Co­sì ho la­scia­to che tut­ti cre­des­se­ro che sta­vo con lui, che tra l’al­tro mi era pu­re sim­pa­ti­co». Poi Car­la si fer­ma e ag­giun­ge: «Sem­bra as­sur­do, ma in que­sta cor­sa a di­re che se fai car­rie­ra è per­ché sei mo­glie o aman­te o fi­glia, le don­ne so­no in pri­mo pia­no». Le chie­do se ab­bia mai ri­fe­ri­to al pri­ma­rio que­ste chiac­chie­re odio­se. «No, im­pos­si­bi­le. Ma­ga­ri poi pen­sa­va che lo fa­ces­si per se­dur­lo, una spe­cie di “già che lo di­co­no, fac­cia­mo­lo”». Car­la e io ci sia­mo co­no­sciu­te da po­co e stia­mo fe­steg­gian­do la no­stra nuo­va ami­ci­zia con una bot­ti­glia

La scheda di Ge­la­sio Gae­ta­ni d’Ara­go­na

di Fran­cia­cor­ta. Col vi­no è più fa­ci­le rac­con­ta­re gli in­ci­den­ti del­la vi­ta, e se poi quel vi­no è friz­zan­te, se ne ve­de per­si­no il la­to co­mi­co. «Pen­sa che nel frat­tem­po ho avu­to una sto­ria con un col­le­ga più gio­va­ne di me, spo­sa­to. Ma­tri­mo­nio in cri­si, al­me­no se­con­do lui. Di que­sta sto­ria nes­su­no ha mai sa­pu­to o so­spet­ta­to nien­te. La mal­di­cen­za ci ha pro­tet­ti, pa­ra­dos­sal­men­te». Non cre­do che da­van­ti a un tè o a una ti­sa­na Car­la mi avreb­be rac­con­ta­to le stes­se co­se. De­gli uo­mi­ni di suc­ces­so si di­ce che l’han­no rag­giun­to per­ché ap­par­ten­go­no a una lob­by, mas­so­ni­ca o ebrai­ca o chis­sà cos’al­tro. Per for­tu­na so­no al ter­zo bic­chie­re con Car­la e non con un no­io­so ma­na­ger che si ri­tie­ne dan­neg­gia­to da una lob­by an­ta­go­ni­sta. «Dai, se apri un’al­tra bot­ti­glia ti rac­con­to co­me è an­da­ta col gio­va­ne col­le­ga. Una sto­ria in­cre­di­bi­le, ro­man­ze­sca» di­ce con uno sguar­do più friz­zan­te del Fran­cia­cor­ta. Se­con­do voi, po­te­vo dir­le che ave­va­mo già be­vu­to ab­ba­stan­za? A una car­dio­lo­ga, ol­tre­tut­to? Con­ti­nua...

(l’in­ten­di­to­re)

«I miei so­gni so­no ir­ri­nun­cia­bi­li, osti­na­ti, te­star­di e re­si­sten­ti» scri­ve­va Louis Se­pul­ve­da. Il so­gno di Fe­de­ri­co Fos­sa­ti era quel­lo di pro­dur­re un vi­no di qua­li­tà in un ter­ri­to­rio di vo­ca­zio­ne. Lo ha in­di­vi­dua­to in Fran­cia­cor­ta, ad Adro, 6 km dal La­go d’Iseo: 6 et­ta­ri di vi­gne­to e un an­ti­co edi­fi­cio ru­ra­le og­gi can­ti­na. Il no­me Cor­teau­ra vie­ne da Au­ra, nin­fa gre­ca dal­le mo­ven­ze ve­lo­ci co­me il ven­to, e de­no­ta il sot­ti­le cam­po di ra­dia­zio­ne lu­mi­no­sa, in­vi­si­bi­le al­la nor­ma­le per­ce­zio­ne, che cir­con­da gli es­se­ri vi­ven­ti. Pu­ra ener­gia po­si­ti­va. Il Brut è di co­lo­re gial­lo pa­glie­ri­no e ha un per­la­ge fi­no e per­si­sten­te. Al na­so è lie­ve, flo­rea­le e de­li­ca­ta­men­te frut­ta­to. Il sa­po­re è sa­pi­do fre­sco. Un gran­de Fran­cia­cor­ta. Prez­zo me­dio in eno­te­ca: 30 eu­ro.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.