Lo­ren­za In­do­vi­na

“Mi sem­bra di non ri­spet­ta­re la sua me­mo­ria pre­su­men­do di se­guir­ne le or­me” con­fes­sa Lo­ren­za In­do­vi­na, fi­glia dell’in­di­men­ti­ca­to Fran­co. E, men­tre la ve­dia­mo pro­ta­go­ni­sta al ci­ne­ma e in tv, si fa le os­sa con due cor­ti “trat­ti dai rac­con­ti di Nic­co­lò” (Amm

Corriere della Sera - Io Donna - - Sommario - di Ma­ria Lau­ra Gio­va­gni­ni

So­no qui con car­ton­ci­no e for­bi­ci. Sto co­struen­do il mo­del­li­no di ca­sa mia: de­vo ca­pi­re do­ve po­si­zio­na­re una sca­la. Ho pu­re com­pra­to i mo­bi­li del­le bam­bo­le per un ef­fet­to “rea­li­sti­co”». Lo­ren­za In­do­vi­na non na­scon­de di ave­re una par­te in­fan­ti­le as­sai pro­nun­cia­ta. «An­zi, mi ci at­tac­co, è la mia lin­fa: mi dà la ca­pa­ci­tà di guar­da­re tut­to con stu­po­re, cu­rio­si­tà, pas­sio­ne. E cer­co sem­pre il la­to co­mi­co del­le si­tua­zio­ni. L’iro­nia ti sal­va la vi­ta». Di que­sta sa­na leg­ge­rez­za si so­no ac­cor­ti i re­gi­sti, che han­no smes­so di af­fi­dar­le so­lo ruo­li dram­ma­ti­ci («Ho ini­zia­to da si­cu­la di­spe­ra­ta con La scor­ta e La pio­vra, la svol­ta è ar­ri­va­ta nel 2011 gra­zie ad An­to­nio Al­ba­ne­se e Qua­lun­que­men­te »). Ora sa­rà una buf­fa ma­dre che si ap­pog­gia al fra­tel­lo del ma­ri­to scom­par­so ( Tut­ti insieme all’im­prov­vi­so con Gior­gio Pa­na­riel­lo, dal 15 gen­na­io su Canale 5), una po­li­ziot­ta ( Io so­no Gae­ta­no di Ro­lan­do Col­la, per la tv sviz­ze­ra) e «una don­na cen­tra­ta, a pro­prio agio con se stes­sa, in Fo­re­ver Young di Fau­sto Briz­zi. Già il ti­to­lo ri­ve­la il te­ma, vi­cen­de di adul­ti che non si ras­se­gna­no a cre­sce­re. Io rap­pre­sen­te­rò l’ec­ce­zio­ne, la ri­vin­ci­ta del­le cin­quan­ten­ni: le ren­de­rò or­go­glio­se». Si por­ta un po’ avan­ti, co­mun­que il cin­que ot­to­bre fa­rˆ par­te del­la schie­ra... E fe­steg­ge­rò: amo il gior­no del com­plean­no, lo ce­le­bro. Non c’è bi­so­gno di un me­ga­par­ty, mi ba­sta una pas­seg­gia­ta con Nic­co­lò (Nic­co­lò Am­ma­ni­ti, suo ma­ri­to e coe­ta­neo, ndr) e i no­stri due ca­ni, una ce­na in un ri­sto­ran­te spe­cia­le... Più mi te­le­fo­na­no per gli au­gu­ri, più so­no fe­li­ce. Il “50” non mi pe­sa. Se hai co­strui­to a mo­do la tua vi­ta, a que­sta età ti puoi per­met­te­re di rac­co­glie­re i frut­ti, di go­der­te­la. Vo­glio viag­gia­re tan­tis­si­mo, per quan­to l’ab­bia sem­pre fat­to: ho la li­ber­tà di ge­stir­mi, non aven­do fi­gli.

Se­re­na pu­re da que­sto pun­to di vi­sta?

Li vo­le­vo, li ho cer­ca­ti, non so­no ar­ri­va­ti... Per­fet­to co­sì. Non ho rammarico. Gra­zie a Dio, ho un’esi­sten­za pie­na, in­te­res­san­te.

Suo ma­ri­to è an­che fon­te d’ispi­ra­zio­ne: ha di­ret­to due cor­to­me­trag­gi trat­ti dai rac­con­ti di Il mo­men­to è de­li­ca­to.

Pri­ma ho at­tin­to a Un uc­cel­lo mol­to se­rio - le pe­ri­pe­zie di un fe­di­fra­go - che è an­da­to a va­ri fe­sti­val (e si è ag­giu­di­ca­to va­ri pre­mi, ndr). Ades­so ne sto fi­nen­do uno ba­sa­to su La me­di­ci­na del mo­men­to... En­tram­bi han­no Ro­lan­do Ra­vel­lo ed Ele­na Ar­vi­go pro­ta­go­ni­sti.

Sto­ria as­sai tri­ste di in­co­mu­ni­ca­bi­li­tà di cop­pia... Voi tut­to ok, sì?

Sì, sì (ri­de). Pe­rò ne co­no­sco tan­ti che si “ac­co­mo­da­no” in un rap­por­to ri­nun­cian­do ai so­gni... Nel mio cor­to ci so­no una lei che, a 40 an­ni, de­si­de­re­reb­be un fi­glio, e un lui che nep­pu­re ci pen­sa. “Non puoi ob­bli­gar­mi a fa­re qual­co­sa che non vo­glio...”. “Non puoi ob­bli­gar­mi a non fa­re qual­co­sa che vo­glio”. E van­no a un mu­ro con­tro mu­ro. Le re­la­zio­ni si ina­ri­di­sco­no, ci si chiu­de, non ci si sfor­za di met­ter­si in gio­co.

Una sor­ta di co­pro­ta­go­ni­sta • un or­set­to di pe­lu­che: an­co­ra il suo la­to “bam­bi­no” che vie­ne a gal­la?

In ef­fet­ti nel rac­con­to di Nic­co­lò non c’era... Non è “nostalgia” dell’in­fan­zia: è an­co­ra pre­sen­te den­tro di me.

For­se per­chŽ non l’ha vis­su­ta?

Un po­chi­no sì, in ef­fet­ti: ave­vo sei an­ni quan­do è mor­to pa­pà (il re­gi­sta Fran­co In­do­vi­na, scom­par­so in un in­ci­den­te ae­reo nel 1972, ndr), do­di­ci quan­do un tu­mo­re s’è por­ta­to via mam­ma. So­no sta­ta ob­bli­ga­ta a di­ven­ta­re adul­ta pre­sto, ad af­fron­ta­re l’ab­ban­do­no, la fi­ne. Non po­ter par­la­re con lo­ro, es­se­re aiu­ta­ta, coc­co­la­ta. Non mi so­no go­du­ta la fan­ciul­lez­za, ci rie­sco me­glio og­gi che so­no più for­te co­me es­se­re uma­no.

Que­sta esta­te ha ac­com­pa­gna­to in gi­ro per l’Ita­lia un do­cu­men­ta­rio su suo pa­dre, A pro­po­si­to di Fran­co.

Ho ap­prez­za­to tan­tis­si­mo il la­vo­ro del re­gi­sta, Gae­ta­no Di Lo­ren­zo: ne ri­per­cor­re gli an­ni co­me as­si­sten­te di Vi­scon­ti, An­to­nio­ni, Ro­si e De Si­ca, e ti fa scat­ta­re la cu­rio­si­tà di ve­de­re i suoi film, dall’epi­so­dio di I tre vol­ti con So­ra­ya a Tre nel Mil­le con Car­me­lo Be­ne. Berg­man lo giu­di­cò una del­le co­se più bel­le rea­liz­za­te sul Me­die­vo: chie­se di pre­sen­tar­lo quan­do ven­ne man­da­to in on­da al­la tv sve­de­se.

Sta se­guen­do le trac­ce di pa­pˆ...

Cer­co di non pen­sar­ci, sen­nò mi bloc­co: mi sem­bra di non ri­spet­tar­lo nel pre­su­me­re di es­se­re una re­gi­sta. Pe­rò con­fes­so che mi di­ver­te, ci ve­do una pos­si­bi­li­tà di sfo­go al­la mia crea­ti­vi­tà. Nic­co­lò mi pren­de in gi­ro, di­ce che di­ven­to inav­vi­ci­na­bi­le se so­no al­le pre­se con un cor­to...

A quan­do un lun­go­me­trag­gio?

L’in­ten­zio­ne c’è: de­vo tro­va­re una sto­ria che sen­to ne­ces­sa­ria.

Si im­ma­gi­na pro­ta­go­ni­sta?

No, lo sen­ti­rei un in­tral­cio. Io so­no un’at­tri­ce ati­pi­ca, mi pia­ce sta­re nell’om­bra.

Cu­rio­so. Co­me mai ha scel­to que­sto me­stie­re, al­lo­ra?

Mi pia­ce gio­ca­re, ti­po quan­do da bam­bi­ni si di­ce: tu sei la par­ruc­chie­ra, io la clien­te... Mi per­met­te di vi­ve­re in­nu­me­re­vo­li vi­te e mi aiu­ta a li­vel­lo “psi­coa­na­li­ti­co”: il la­vo­ro su un per­so­nag­gio ti la­scia ca­pi­re pa­rec­chio di te... Non è un caso che ado­ri il set e non mi in­te­res­si­no le se­ra­te di ga­la. Quan­do hai vis­su­to espe­rien­ze for­ti, sei con­sa­pe­vo­le di qua­li sia­no gli or­pel­li. E te ne fre­ghi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.