FELICITË IN­TER­NA LOR­DA

Corriere della Sera - Io Donna - - Il Pane Le Rose - Gran­de Fra­tel­lo Hap­pi­ness Re­port, Il­lu­stra­zio­ne di An­drea Pi­stac­chi ndr) ˚ The World

Scri­ve­va tho­mas jef­fer­son nel 1809: «The ca­re of hu­man li­fe and hap­pi­ness... is the on­ly le­gi­ti­ma­te ob­ject of good go­vern­ment». Una vol­ta la Di­sto­pia (dal­la Trec­ca­ni: de­scri­zio­ne di un mon­do da­gli as­set­ti po­li­ti­co­so­cia­li al­ta­men­te ne­ga­ti­vi, era fan­ta­scien­za, si tro­va­va nei li­bri di scrit­to­ri vi­sio­na­ri, da Geor­ge Or­well a H. G. Wells, che pre­fi­gu­ra­va­no mon­di ca­ta­stro­fi­ci do­mi­na­ti dal­la vio­len­za e dal­la man­can­za di li­ber­tà. Ci ras­si­cu­ra­va, chiu­si que­sti te­sti, tor­na­re al­la no­stra real­tà quo­ti­dia­na: an­che se im­per­fet­ta, era sem­pre più ac­cet­ta­bi­le di quel­le vi­sio­ni. Ora co­min­cia­mo a nu­tri­re dei dub­bi. Il

è un in­no­cuo pro­gram­ma tv. E, do­po una qual­sia­si edi­zio­ne del te­le­gior­na­le, che ci in­for­ma in tem­po rea­le sul­le di­sgra­zie del pia­ne­ta, quel­la let­te­ra­tu­ra sem­bra qua­si ras­si­cu­ran­te. Di­sto­pia è il con­tra­rio di Uto­pia, è l’uni­tà di mi­su­ra sim­bo­li­ca del peg­gior mon­do pos­si­bi­le per gli stu­dio­si che com­pi­la­no

un in­di­ce che do­vreb­be cal­co­la­re quel­lo per cui va­le la pe­na vi­ve­re. Nel 2015 il Pae­se più fe­li­ce è ri­sul­ta­to la Sviz­ze­ra, men­tre l’Ita­lia è al 55 po­sto su 158 na­zio­ni, do­po Mes­si­co e Co­sta Ri­ca. Non en­tro nei cri­te­ri de­gli esper­ti di fe­li­ci­tà. È pe­rò au­spi­ca­bi­le che, per mi­glio­ra­re le sor­ti dell’uma­ni­tà, i go­ver­ni co­min­ci­no a con­si­de­ra­re que­ste ca­te­go­rie, ol­tre al trop­po ce­le­bra­to Pil. Il cal­co­lo mes­so a pun­to, tie­ne con­to di aspet­ta­ti­ve di vi­ta, li­vel­lo di istru­zio­ne, cul­tu­ra, cu­ra, sa­lu­te del­la po­po­la­zio­ne. E, na­tu­ral­men­te, di in­ci­den­za del­la cor­ru­zio­ne e del­la cri­mi­na­li­tà.

Ma quel­lo che mi chie­do è: co­me fa­re­mo a es­se­re an­co­ra fe­li­ci rin­chiu­si nei con­fi­ni dei no­stri Pae­si? Po­tre­mo al­za­re nuo­vi con­fi­ni ine­spu­gna­bi­li? For­se sa­re­mo in gra­do di far sa­li­re il li­vel­lo di pro­du­zio­ne del­lo ze­ro vir­go­la qual­co­sa nel no­stro Pae­se ma, se il mon­do con­ti­nue­rà a es­se­re que­sto ter­re­mo­to di do­lo­re, co­me riu­sci­re­mo a fa­re fin­ta di nien­te? Se, per un pu­ro ca­so, nes­su­no dei no­stri ami­ci, pa­ren­ti o co­no­scen­ti rien­tre­rà nel­le li­ste di una qual­che stra­ge ter­ro­ri­sta, o nes­su­no di noi do­vrà at­tra­ver­sa­re un de­ser­to o vi­ve­re in una ten­do­po­li per as­si­cu­ra­re un fu­tu­ro ai pro­pri fi­gli, co­me riu­sci­re­mo a non pen­sa­re a quel­lo che ac­ca­de in­tor­no a noi? Che sen­so ha una fe­li­ci­tà per­so­na­le, quan­do la sof­fe­ren­za è ap­pe­na fuo­ri dal­la por­ta? Lo so, sia­mo abi­tua­ti a tut­to, ci ade­gue­re­mo a sce­na­ri an­co­ra più cu­pi, ma che per­so­ne di­ven­te­re­mo? Non è la re­to­ri­ca o il buo­ni­smo che mi spin­go­no a que­ste ri­fles­sio­ni, piut­to­sto una sen­sa­zio­ne di smar­ri­men­to che leg­go ne­gli oc­chi di chi mi sta vi­ci­no. Or­mai ci por­tia­mo tut­ti den­tro un’an­sia sot­ti­le. E, nel cuo­re, le im­ma­gi­ni di un pros­si­mo mar­to­ria­to. Nel cal­co­lo di una qual­sia­si fe­li­ci­tà per­so­na­le può es­se­re di­men­ti­ca­to il pe­so dell’in­fe­li­ci­tà al­trui? Non cre­do sia una va­ria­bi­le che, d’ora in poi, pos­sa es­se­re più tra­scu­ra­ta.

fio­re con­si­glia­to: Ro­sa FŽ­li­ci­tŽ-Per­pŽ­tue, pic­co­lo ram­pi­can­te dal pro­fu­mo in­ten­so e mu­schia­to e dal­la fio­ri­tu­ra uni­ca e me­ra­vi­glio­sa.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.