“Sí, CU­CI­NO PU­RE SUL SET”

Non c’è film in cui Stan­ley Tuc­ci, ca­rat­te­ri­sta di ran­go, non ru­bi la sce­na ai pro­ta­go­ni­sti. Ep­pu­re la sua ve­ra vo­ca­zio­ne è un’al­tra. Com­pli­ci i lun­ghi pran­zi a ca­sa dei non­ni (ita­lia­ni)

Corriere della Sera - Io Donna - - Talenti Multitasking - Di Mau­ro Don­zel­li, fo­to di Har­ry Borden Il ca­so Spo­tlight, New Yor­ker Big

Se c’è un at­to­re che ha por­ta­to a nuo­va glo­ria il par­ruc­chi­no al ci­ne­ma, con com­bi­na­zio­ni per­si­no più ar­di­te di quel­le spe­ri­men­ta­te da due spe­cia­li­sti del ge­ne­re co­me Bru­ce Wil­lis e Ni­co­las Ca­ge, quel­lo è Stan­ley Tuc­ci. Ca­rat­te­ri­sta di ran­go, ere­de del­la gran­de tra­di­zio­ne dei non pro­ta­go­ni­sti che ru­ba­no la sce­na, Tuc­ci nel­la co­ra­li­tà di film da sei no­mi­na­tion, tra cui Mark Ruf­fa­lo e Ra­chel McA­dams, è per dir­la col e il suo cri­ti­co An­tho­ny La­ne: ÇU­na pre­sen­za che fa be­ne al cuo­re, no­no­stan­te la du­rez­za del te­ma trat­ta­toÈ. Di ori­gi­ne ita­lia­na, aman­te del­la cu­ci­na, co­me di­mo­stra il suo pri­mo fi lm da re­gi­sta,

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.