“Pal­me Egit­to do­ra­te”

Corriere della Sera - Io Donna - - Dialoghi Naturali -

ma fan­ta­sti­co, sor­pren­den­te... Tut­to pro­prio co­me con le per­so­ne. Al­cu­ni es­se­ri uma­ni del re­sto sem­bra­no al­be­ri, c’è la ra­gaz­za con le gam­be che sem­bra­no ra­mi di be­tul­la, l’uo­mo ac­co­glien­te co­me un ce­dro del Li­ba­no, per non di­re del­la tua ami­ca slan­cia­ta co­me un ci­pres­so o di quel ti­po af­fran­to, che si ag­gi­ra co­me cer­ti sa­li­ci pian­gen­ti che spio­vo­no sul­la su­per­fi­cie. Ma so­no lo­ro, gli es­se­ri uma­ni, ad as­so­mi­glia­re a una pian­ta, o vi­ce­ver­sa le pian­te che ci as­so­mi­glia­no, han­no una per­so­na­li­tà che è giu­sto ri­spet­ta­re? I poe­ti, i crea­to­ri di mi­ti, i pit­to­ri, gli scul­to­ri, i fo­to­gra­fi, per­si­no gli au­to­ri di can­zo­ni non han­no mai avu­to dub­bi. Gli al­be­ri par­la­no, han­no un lin­guag­gio, so­cia­liz­za­no fra lo­ro, al pun­to che do­ve c’è una pian­ta ne na­sce un’al­tra, e poi un’al­tra an­co­ra e do­po po­chi an­ni se le la­sci fa­re c’è un bo­sco. Del re­sto, co­sa c’è di più af­fa­sci­nan­te del­la vi­ta ve­ge­ta­le che na­sce sul­le ro­vi­ne, sul­le ma­ce­rie, sui

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.