ME­GLIO SA­PE­RE CHE NON VE­DE­RE

Corriere della Sera - Io Donna - - Verso Gli Oscar -

spes­so ho del­le con­vin­zio­ni cer­te che si tra­mu­ta­no, in un bat­ter d’oc­chio, nel­le cer­tez­ze con­tra­rie. Vi fac­cio un esem­pio su tut­ti: ca­pi­ta che per­so­ne che si so­no com­por­ta­te ma­le, ma pro­prio tan­to ma­le, ven­ga­no in­vi­ta­te a par­la­re, a di­re la lo­ro. Pro­ble­ma: l’as­sas­si­no può sa­li­re in cat­te­dra e spie­ga­re per­ché l’ha fat­to? Un eva­so­re to­ta­le può rac­con­ta­re co­me si fa a scom­pa­ri­re agli oc­chi del fi­sco? Uno spac­cia­to­re di eroi­na può spie­ga­re che non si sa­reb­be mai ri­dot­to co­sì, se non aves­se avu­to una gio­ven­tù or­ren­da? Pro­prio in que­sti gior­ni ci so­no sta­te mol­te po­le­mi­che sull’in­vi­to ri­vol­to dal­la scuo­la di ma­gi­stra­tu­ra a due ex-ter­ro­ri­sti, Adria­na Fa­ran­da e Fran­co Bo­ni­so­li, per­ché par­te­ci­pas­se­ro a un cor­so di for­ma­zio­ne per i giu­di­ci sul­la giu­sti­zia ri­pa­ra­ti­va. Di pri­mo ac­chi­to, vie­ne in men­te an­che a me, co­me è ve­nu­to in men­te a mol­ti au­to­re­vo­li ma­gi­stra­ti e a mol­ti pa­ren­ti del­le vit­ti­me, che non è mol­to op­por­tu­no far par­la­re gen­te che ha uc­ci­so a san­gue fred­do, in no­me di una fol­le uto­pia e di una ideo­lo­gia spie­ta­ta, gen­te in­no­cen­te e spes­so igna­ra. Ma poi pen­so che sa­pe­re è me­glio che chiu­de­re gli oc­chi, che tut­ti, an­che i mo­stri più mo­stri, han­no qual­co­sa che va­le la pe­na ascol­ta­re, che il per­do­no è la tra­ve por­tan­te di una re­li­gio­ne che va per la mag­gio­re in Ita­lia, che guar­da­re al fu­tu­ro è più intelligente e più uti­le che in­ca­po­nir­si a guar­da­re so­lo al pas­sa­to. E al­lo­ra pen­so che io sa­rei an­da­to vo­len­tie­ri ad ascol­ta­re Fa­ran­da e Bo­ni­so­li. Ascol­ta­re, non sim­pa­tiz­za­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.