MA­TER­NI­Tà SUR­RO­GA­TA/1

Corriere della Sera - Io Donna - - Ricambi Generazionali - Blog.io­don­na.it/ma­ria- lau­ra- ro­do­ta

co­me al­tre don­ne che ora ven­go­no trat­ta­te co­me in­fa­mi, io so­no fa­vo­re­vo­le al­la ma­ter­ni­tà sur­ro­ga­ta. Per­ché ne­ga­re il di­rit­to all’ute­ro in af­fit­to quan­do co­sì spes­so c’è il do­ve­re del cer­vel­lo all’am­mas­so? Spe­cie da noi? Sul se­rio. Co­me mol­te, an­ni fa ero con­tra­ria. Mi pa­re­va, più che con­tro na­tu­ra, fuo­ri dal­la gra­zia di Dio. Poi ho co­no­sciu­to cop­pie, ete­ro e gay, che han­no avu­to fi­gli co­sì e ora li cre­sco­no be­ne, sen­za sur­ro­ga­ti (quan­ti ge­ni­to­ri pii ed ete­ris­si­mi, aven­do i sol­di, sbo­lo­gna­no i lo­ro tre-bim­bi-tre che fan­no sta­tus a ta­te che so­no dav­ve­ro mam­me sur­ro­ga­te? Tra l’al­tro). Poi ho in­con­tra­to e ho sen­ti­to le sto­rie di don­ne che lo han­no fat­to in Ame­ri­ca. Che han­no già fi­gli. Che in un Pae­se li­be­ri­sta e fles­si­bi­le co­me al­cu­ni vor­reb­be­ro far di­ven­ta­re il no­stro, gra­zie a quel­lo che han­no gua­da­gna­to por­tan­do avan­ti una gra­vi­dan­za per al­tri po­tran­no man­da­re i lo­ro fi­gli all’uni­ver­si­tà. È ve­ro: la ma­ter­ni­tà sur­ro­ga­ta co­sta, co­me una buo­na istru­zio­ne, co­me cu­re me­di­che de­cen­ti, co­me tan­te co­se che al­cu­ni e al­cu­ne si pro­cu­ra­no in ma­nie­re più de­gra­dan­ti, e di­scu­ti­bi­li, a vol­te. Co­me è di­scu­ti­bi­le - pa­re­re per­so­na­le - la de­ter­mi­na­zio­ne di al­cu­ne fem­mi­ne più o me­no in­fluen­ti di de­ci­de­re/ le­gi­fe­ra­re sull’ute­ro di al­tre; ma­ga­ri ot­te­nen­do con­sen­si o van­tag­gi dal­la lo­ro pre­sa di po­si­zio­ne. No­bi­le, e lun­gi­mi­ran­te: non ci so­no leg­gi pre­vi­ste, non si pos­so­no sop­pri­me­re i bim­bi ita­lia­ni na­ti da ma­dri sur­ro­ga­te, né to­glier­li ai ge­ni­to­ri e met­ter­li in or­fa­no­tro­fio. Si spe­ra, al­me­no, vab­bè.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.