“RE­CI­TO PER­CHé NON AVE­VO SCEL­TA”

Fi­glio d’ar­te, fi­si­co sta­tua­rio, ami­ci a Hol­ly­wood... È sta­to il de­sti­no a sce­glie­re per Ale­xan­der Skar­sgård, che ora in­ter­pre­ta l’en­ne­si­ma ver­sio­ne di Tar­zan. “Ma non aspet­ta­te­vi un sel­vag­gio: il mio per­so­nag­gio sco­pre pre­sto che la ve­ra giungla non è qu

Corriere della Sera - Io Donna - - Dalla Svezia Con Furore - Di Pao­la Pia­cen­za, fo­to di Fi­lip Van Ro Zoo­lan­der, True Blood

ri­ma di tut­to, la fo­ne­ti­ca. «La pro­nun­cia sa­reb­be “skar­sgord”» spie­ga Ale­xan­der Skar­sgård. L’eso­ti­smo è rac­chiu­so tut­to in quel pic­co­lo se­gno dia­cri­ti­co so­pra la a: or­mai lo sve­de­se fi­glio d’ar­te (il pa­dre è Stel­lan Skar­sgård, at­to­re fe­tic­cio di Lars Von Trier e di mol­ti bloc­k­bu­ster ame­ri­ca­ni) è più che na­tu­ra­liz­za­to. Il ghiac­cio l’ha rot­to nel 2001 con il pri­mo in cui in­ter­pre­ta­va un mo­del­lo fes­so che fi­ni­va ar­ro­sti­to in una sta­zio­ne di ser­vi­zio, con­vin­to com’era che nul­la fos­se più cool di una doc­cia di ben­zi­na. Ma è sta­to so­prat­tut­to il ruo­lo del vam­pi­ro mil­le­na­rio del­la po­po­la­re se­rie a far­ne l’ul­ti­mo ac­qui­sto di pre­gio dal­la Scandinavia dai tem­pi di Max von Sy­dow. Poi c’è l’al­tez­za, ed è un fat­to­re

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.