UN SIN­DA­CO PER LA GEN­TE

Corriere della Sera - Io Donna - - Dalla Svezia Con Furore - Blog.io­don­na.it/fa­bri­zio-ron­co­ne

Uno che è ri­ma­sto a de­stra, in que­sto Pae­se, esi­ste: è Fran­ce­sco Sto­ra­ce. Im­mo­bi­le e coe­ren­te. Te­star­do e, a suo mo­do, co­rag­gio­so. Ades­so si can­di­da a sin­da­co di Ro­ma. Po­trà non pia­cer­vi, sem­brar­vi fuo­ri dal tem­po: ma bi­so­gna am­met­te­re che in tut­ti que­sti an­ni di val­zer po­li­ti­co, se vol­ge­vi lo sguar­do a de­stra, quel­la ve­ra, to­sta, tro­va­vi lui, so­lo lui. Aho’, e guar­di che mi tro­va­no an­co­ra…

Mi spie­ga chi glie­lo fa fa­re?

Ve­de, po­treb­be ap­pa­ri­re una que­stio­ne pu­ra­men­te po­li­ti­ca: in­ve­ce è an­che di prin­ci­pio. Per­ché io, a quel­lo che fac­cio e che di­co, cre­do da quan­do ero ra­gaz­zo. Ha pre­sen­te i va­lo­ri? Ec­co, io ce l’ho…

An­che se…

No, mi fac­cia fi­ni­re… Quan­ti an­ni mi da?

A oc­chio, cre­do po­co me­no di 60…

Ne ho 57: e sa quan­ti ne ho tra­scor­si in Par­la­men­to? Ot­to. Men­tre gli al­tri s’av­ven­ta­va­no sul­la tor­ta del po­te­re e sce­glie­va­no se di­ven­ta­re se­na­to­ri o mi­ni­stri, io so’ ri­ma­sto tra la gen­te.

È sta­to in Cam­pi­do­glio e ora è qui, al­la Re­gio­ne La­zio.

E qui si la­vo­ra, e tan­to. Pe­rò il la­vo­ro è ri­co­no­sciu­to. Per­ché quan­do poi in cam­pa­gna elettorale ar­ri­va co­sì tan­ta gen­te da bloc­ca­re il traf­fi­co… beh, so’ sod­di­sfa­zio­ni.

Pri­ma mi ha det­to: pren­do un mi­lio­ne di vo­ti e di­ven­to sin­da­co del­la Ca­pi­ta­le.

I ro­ma­ni so­no nau­sea­ti. E quan­do sul­la scheda tro­ve­ran­no il mio co­gno­me, pen­se­ran­no: di que­sto pos­sia­mo fi­dar­ci.

Non per de­lu­der­la: ma in mol­ti pen­se­ran­no che le sue po­si­zio­ni su im­mi­gra­zio­ne, Eu­ro­pa, gay, so­no inac­cet­ta­bi­li.

Inac­cet­ta­bi­li, scu­si, per chi? For­se per lei...

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.