È ap­pe­na usci­to da Gar­zan­ti.

Corriere della Sera - Io Donna - - Vite Da Romanzo - Ur­ba­ni­za­ción del­le fo­glie di li­mo­ne, Il pro­fu­mo

an­che se, ma­ga­ri, il nu­me­ro dell’au­to­bus è cam­bia­to.

In­som­ma, non è un’ope­ra di fan­ta­sia. Non del tut­to. È, piut­to­sto, un esem­pio di real­tà let­te­ra­ria. «Real­tà pu­ra e du­ra » raf­for­za il con­cet­to la scrit­tri­ce. «Ci ho vis­su­to ve­ra­men­te, in una co­me quel­la in cui si svol­ge il mio ro­man­zo. Di ri­tor­no da Dé­nia, in pro­vin­cia di Ali­can­te, dov’era am­bien­ta­to

ci sia­mo sta­bi­li­ti in un nuo­vis­si­mo sob­bor­go fuo­ri Ma­drid. In par­te, era an­co­ra in co­stru­zio­ne. At­tor­no a me, tut­to cre­sce­va: le ca­se, gli al­be­ri, i bam­bi­ni, i ca­ni. Mia fi­glia ».

Co­sì? « Co­sì mi so­no la­scia­ta tra­spor­ta­re dal­la poe­sia che mi ispi­ra­va quel luo­go. An­che se, a pri­ma vi­sta, può sem­bra­re po­co evo­ca­ti­vo: non è un bo­sco, non ha bei pa­laz­zi, né cat­te­dra­li. Ma non trag­go ispi­ra­zio­ne per le mie sto­rie dal­la selva amaz­zo­ni­ca o da un ca­stel­lo mi­ste­rio­so. A me in­te­res­sa la gen­te. Vo­le­vo par­la­re del­la cre­sci­ta, stu­dia­re co­me cre­sce la vi­ta, co­me cre­sco­no le per­so­ne». Un pro­ces­so che ha un no­me: ado­le­scen­za. E qual­che la­to in­quie­tan­te.

La me­ra­vi­glia de­gli an­ni im­per­fet­ti è il ti­to­lo scel­to per la tra­du­zio­ne ita­lia­na, sot­to il mar­chio Gar­zan­ti, del ro­man­zo che, in Spa­gna, Cla­ra Sán­chez ha pub­bli­ca­to co­me Ul­ti­me no­ti­zie dal pa­ra­di­so, quin­di­ci an­ni fa, quan­do le val­se il pre­sti­gio­so Pre­mio Al­fa­gua­ra e la con­sa­crò co­me una del­le au­tri­ci più po­po­la­ri, e più as­si­due in vet­ta al­la clas­si­fi­ca del­le ven­di­te in­ter­na­zio­na­li.

Che co­sa può ac­ca­de­re, dun­que, di tan­to pa­ra­di­sia­co tra quel­le vil­let­te a schie­ra, co­sì si­mi­li fra lo­ro, rac­col­te at­tor­no a un cen­tro com­mer­cia­le, un su­per­mer­ca­to, una po­li­spor­ti­va e tut­to quan­to un ur­ba­ni­sta cre­da sia in­di­spen­sa­bi­le ad ap­pa­ga­re un ag­glo­me­ra­to di uma­ni­tà?

Per Cla­ra Sán­chez quel­lo è un os­ser­va­to­rio idea­le: «Per­ché ti per­met­te di ve­de­re co­me for­gia­mo la no­stra real­tà nel­lo scor­re­re del­la vi­ta quo­ti­dia­na. Cre­do sia il ro­man­zo più umo­ri­sti­co che io ab­bia scrit­to fi no­ra ».

Il pro­ta­go­ni­sta, Fran, for­se non sa­reb­be tan­to d’ac­cor­do. Il suo amo­re non cor­ri­spo­sto per la so­rel­la del suo mi­glio­re ami­co, un pa­dre as­sen­te, una mam­ma in­fe­li­ce che ti­ra co­cai­na e si con­so­la con l’istrut­to­re di gin­na­sti­ca, non ral­le­gra­no cer­to quel­la fa­se del­la sua vi­ta che, un tem­po, si chia­ma­va “l’età in­gra­ta”. L’ado­le­scen­te crea­to dal­la Sán­chez, co­mun­que, evi­ta i con­fl it­ti: « Quel che mi pia­ce in lui è che non con­si­de­ra sua ma­dre una vergine, ma un es­se­re uma­no, co­me lui» ana­liz­za la ro­man­zie­ra. « Quan­do la sor­pren­de con la dro­ga, in­ve­ce di ag­gre­dir­la, de­ci­de di com­pren­der­la. Fin­ge di non ve­de­re, an­che per­ché gli ri­sul­ta più co­mo­do».

Il ra­gaz­zo so­gna oriz­zon­ti lon­ta­ni dal suo clau­stro­fo­bi­co bor­go. An­che se ha già le chia­vi di ca­sa e mol­ta li­ber­tà: «La mia ado­le­scen­za è sta­ta più gri­gia del­la sua » as­si­cu­ra

La me­ra­vi­glia de­gli an­ni im­per­fet­ti

l’au­tri­ce. « un in­fer­no di os­sa che si al­lun­ga­va­no, di or­mo­ni che si muo­ve­va­no e di pos­si­bi­li­tà ne­ga­te. Fran mi ha in­se­gna­to a guar­da­re il mon­do con oc­chi nuo­vi, sen­za pre­giu­di­zi, e poi a ve­de­re me stes­sa co­me ma­dre. Per­ché, seb­be­ne io non mi sia mai fat­ta una pi­sta di co­cai­na, c’è qual­co­sa di me nel­la sua ge­ni­tri­ce. So­no un mi­sto di lei e di Fran».

Da quel­la dop­pia pro­spet­ti­va, Cla­ra Sán­chez si im­mer­ge nel­la pu­ber­tà, nel­la fa­ti­ca do­lo­ro­sa e so­li­ta­ria del di­ven­ta­re gran­di: «Nes­su­no può cre­sce­re per noi, nes­su­no può sof­fri­re per noi. Ec­co per­ché gli ami­ci so­no le per­so­ne più im­por­tan­ti e ci pre­me quel­lo che pen­sa­no di noi. A quell’età ci ver­go­gnia­mo dei no­stri ge­ni­to­ri, spec­chio di quel­lo che di­ven­te­re­mo».

Fran cer­ca il suo mo­del­lo in uno de­gli esem­pla­ri più stra­va­gan­ti del cir­con­da­rio: Alien, il fi lo­so­fo da bar che sa par­la­re di amo­re e di eso­te­ri­smo. E rie­sce a far­lo so­gna­re: «Sa­rei sta­to fe­li­cis­si­mo se nel ter­re­no si­tua­to al cen­tro del com­ples­so re­si­den­zia­le fos­se at­ter­ra­ta una na­vi­cel­la spa­zia­le pie­na di ex­tra­ter­re­stri, giu­sto per da­re ra­gio­ne a Alien e far chiu­de­re il bec­co a tut­ti quel­li che lo ac­cu­sa­va­no di ri­fi lar­ci im­bro­gli, e tut­to so­lo per­ché non po­te­va di­mo­stra­re nul­la ». Ne sa­reb­be sta­ta cer­ta­men­te fe­li­ce pu­re Cla­ra, al­la sua età. E ma­ga­ri an­che ades­so.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.