“L’AMO­RE TI SALVA (SE È DE­STI­NO...)”

“Ho lot­ta­to per pro­get­ti e re­la­zio­ni che non han­no fun­zio­na­to, al­tre vol­te l’uni­ver­so mi ha aper­to le por­te”. At­to­re e at­ti­vi­sta, John Cu­sack ci sve­la il la­to più in­ti­mo. E ci par­la dei suoi “luo­ghi oscu­ri” vi­si­ta­ti per im­per­so­na­re il lea­der dei Bea­ch Boy

Corriere della Sera - Io Donna - - Tutto Può Succedere - Di Ales­san­dra Ve­ne­zia, fo­to di Yu Tsai Six­teen Cand­les - Un com­plean­no da ri­cor­da­re Guar­dian), Lo­ve and Mer­cy, Dragon Bla­de Non per sol­di... ma per amo­re Chi-Raq Smi­le

Vie­ne da una fa­mi­glia di at­to­ri. Vi­ve tra Chi­ca­go e Ma­li­bu. È at­to­re, pro­dut­to­re, scrit­to­re. Ha la­vo­ra­to in film cult, di­ret­to da Ter­ren­ce Ma­lick, Ste­phen Frears, Clint Ea­st­wood, Woo­dy Al­len, Spi­ke Jo­nes e Da­vid Cro­nen­berg, ma per stra­da gli chie­do­no an­co­ra - do­po 30 an­ni! - un sel­fie con la star di e (sì, le ro­man­tic co­me­dy da tee­na­ger an­ni ’80)... Se non per­di tem­po a chie­der­gli un sel­fie, pe­rò, John Cu­sack ti par­la di co­se as­sai in­te­res­san­ti: la sua pas­sio­ne per il tea­tro (da pic­co­lo ha fat­to par­te del Pi­ven Thea­tre Work­shop e ha poi por­ta­to sul­le sce­ne an­che Da­rio Fo), i pic­co­li film di de­nun­cia po­li­ti­ca che si osti­na a pro­por­re. Al­to, di­noc­co­la­to, in­quie­to, con­vin­to li­be­ral e an­ti­mi­li­ta­ri­sta, ha or­ga­niz­za­to me­si fa l’in­con­tro - a Mo­sca - tra Ed­ward Sno­w­den, la scrit­tri­ce Arun­d­ha­ti Roy e l’at­ti­vi­sta po­li­ti­co Da­niel Ell­sberg. Cri­ti­co ver­so Hol­ly­wood («Un bor­del­lo do­ve si di­ven­ta mat­ti» ha di­chia­ra­to al non è ri­ma­sto im­bri­glia­to nei per­so­nag­gi che l’han­no re­so fa­mo­so. È im­pre­ve­di­bi­le, cu­rio­so e eclet­ti­co: di re­cen­te è sta­to ge­ne­ra­le di una le­gio­ne ro­ma­na in e sa­cer­do­te a Chi­ca­go in di Spi­ke Lee. Ora, a qua­si 50 an­ni, è Brian Wil­son, il ce­le­bra­to lea­der dei Bea­ch Boys, in che rac­con­ta il pe­rio­do in cui, fra­gi­le, in­sta­bi­le e sull’or­lo del sui­ci­dio, scom­par­ve dal­la sce­na pub­bli­ca per rin­chiu­der­si in ca­sa e af­fi­dar­si a un te­ra­pi­sta che lo ten­ne se­gre­ga­to per ol­tre die­ci an­ni.

John Cu­sack, 50 an­ni a giu­gno. Ha ini­zia­to nel 1983 con film per tee­na­ger co­me Im­mer­ger­si nell’uni­ver­so crea­ti­vo e nel­la psi­che di Brian Wil­son de­ve es­se­re sta­ta un’av­ven­tu­ra im­pe­gna­ti­va.

Lo­ve and Mer­cy è uno di quei film per cui va­le la pe­na di fa­re que­sto la­vo­ro: nes­su­no di noi era lì per sol­di, so­lo per rac­con­ta­re, se­ria­men­te, la sto­ria di un ge­nio ame­ri­ca­no. Brian ha su­pe­ra­to pe­rio­di cu­pi e di­spe­ra­ti e og­gi è una per­so­na pro­dut­ti­va e vitale. Non vo­le­vo de­lu­der­lo.

Che co­sa ha si­gni­fi­ca­to cre­sce­re con la mu­si­ca dei Bea­ch Boys?

Nel­la cul­tu­ra pop tut­te le stra­de por­ta­no a Brian, a Phil Spec­tor e ai Bea­tles... Da gio­va­ne ero più pre­so dall’in­va­sio­ne bri­tan­ni­ca e dal punk ma i Bea­ch Boys, co­me i Bea­tles, so­no par­te del no­stro Dna. Se Len­non e McCartney han­no cam­bia­to la mu­si­ca in mo­do inim­ma­gi­na­bi­le, Brian Wil­son è sta­to l’ar­ti­sta cui guar­da­va­no. Quan­do Wil­son suo­nò al­la Royal Al­bert Hall (vin­cen­do la bat­ta­glia con­tro i suoi de­mo­ni), McCartney era lì, se­du­to in pri­ma fi­la, che pian­ge­va. Una bel­la sto­ria, no?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.