Le co­stel­la­zio­ni so­no una sor­ta di te­ra­pia dell’in­con­scio fa­mi­lia­re. C’è un fi­gu­ran­te che in­ter­pre­ta i tuoi pa­ren­ti ma quel­lo che ve­di agi­re da­van­ti a te so­no i sen­ti­men­ti. Ci vuo­le co­rag­gio: de­vi met­te­re l’ani­ma a nu­do, mol­ti si ri­trag­go­no

Corriere della Sera - Io Donna - - Lessico Familiare -

In­fat­ti ha ini­zia­to a scri­ve­re la sto­ria del ca­ne Le­po­rì, ma ha fi­ni­to per rac­con­ta­re quel­la sua e di sua ma­dre, af­fi­dan­do la scan­sio­ne tem­po­ra­le ad even­ti co­me “il gior­no in cui gli ex sin­da­ci di Mi­la­no To­gno­li e Pil­lit­te­ri ri­ce­vet­te­ro l’av­vi­so di ga­ran­zia”... Io so­no sta­ta quel ca­ne, mi iden­ti­fi­ca­vo in Le­po­rì: vo­le­vo scri­ve­re del ca­ne del­la mam­ma e ho scrit­to di me stes­sa. Rap­por­to com­pli­ca­to quel­lo con sua ma­dre. Co­me tut­ti i rap­por­ti ma­dre fi­glia. So­no sem­pre am­bi­va­len­ti, ad al­ta con­flit­tua­li­tà e, a pe­rio­di, viag­gia­no a ruo­li in­ver­ti­ti. Mia ma­dre, scri­ve, “com­pra­va la car­ne so­lo per il ca­ne, con me non ha mai con­di­vi­so nep­pu­re un bic­chie­re d’ac­qua”. “In ca­sa non si man­gia­va in com­pen­so leg­ge­va­mo fi­no a ce­car­ci ro­man­zi rus­si, sag­gi di tas­si­der­mia, vo­ca­bo­la­ri no­men­cla­to­ri, poe­sie di Ril­ke”. Dif­fi­ci­le ma­neg­gia­re una ma­dre co­sì po­co con­ven­zio­na­le? Lei era di­ver­sa, ave­va pre­so la pa­ten­te nel ’46 e si era iscrit­ta all’Uni­ver­si­tà. Da pic­co­la per­ce­pi­vo la di­stan­za dal mo­del­lo col grem­biu­le, ma per­ce­pi­vo pu­re l’ori­gi­na­li­tà di que­sto rap­por­to, an­che se an­co­ra non ave­vo gli stru­men­ti in­tel­let­tua­li per com­pren­der­lo. Quin­di per re­cu­pe­ra­re il le­ga­me ha do­vu­to at­ten­de­re? Si è di­sve­la­to in tut­ta la sua for­za, la sua bel­lez­za, la sua po­ten­za in età ma­tu­ra, da adul­ti. Per com­pren­de­re i ge­ni­to­ri bi­so­gna smet­te­re di es­se­re fi­gli? De­vi cre­sce­re per ca­pi­re quel­lo che ti han­no “pas­sa­to” dav­ve­ro. Mio pa­dre era più li­nea­re, men­tre il ca­sa­to crol­la­va lui in­se­gui­va la for­tu­na al lot­to. Pe­rò era al­le­gro, il suo af­fet­to era ma­ni­fe­sto, ve­de­va il ma­gi­co e l’eso­te­ri­co in ogni vi­cen­da del quo­ti­dia­no. I ge­ni­to­ri dei miei com­pa­gni di scuo­la por­ta­va­no a ca­sa lo sti­pen­dio. Mio pa­dre no. Ma do­po i 12 an­ni non ho fat­to più que­sti paragoni, mi so­no ac­cor­ta che sta­vo me­glio de­gli al­tri. In che sen­so? No­no­stan­te la mi­se­ria e fra gli al­ti e bas­si ero li­be­ra di an­da­re e ve­ni­re. Lon­dra, Ma­roc­co, Tur­chia, co­se che ai tem­pi non era­no con­ces­se a una si­gno­ri­na di buo­na fa­mi­glia. Il con­for­mi­smo scam­bia­to con la li­ber­tà. Par­la­va­mo la stes­sa lin­gua, la chia­ve di let­tu­ra con mia ma­dre è sem­pre pas­sa­ta at­tra­ver­so i li­bri: se du­ran­te un viag­gio mi suc­ce­de­va qual­co­sa, tro­va­vo la si­mi­li­tu­di­ne in un ro­man­zo let­to e ama­to, e glie­lo rac­con­ta­vo. I ge­ni­to­ri pos­so­no pre­ten­de­re l’af­fet­to dei fi­gli? Non è sta­to il mio ca­so, co­mun­que ha sen­so che lo fac­cia­no per­ché, per quan­to sgan­ghe­ra­ti e ot­tu­si, ti han­no chia­ma­to al mon­do. Il ro­man­zo si con­clu­de con uno scam­bio di bat­tu­te “ri­so­lu­ti­vo”: “So­no fe­li­ce di es­se­re tua fi­glia” “So­no fe­li­ce di es­se­re tua ma­dre”. Le ri­pe­te an­che nel­le let­tu­re che fa a tea­tro. Or­mai pre­sen­to i li­bri con mo­no­lo­ghi tea­tra­li, ne ho ab­ba­stan­za di do­man­de cre­ti­ne: si­gno­ra Mat­teuc­ci ma que­sto nuo­vo ro­man­zo? Ma que­sta sua lin­gua?... Ah, giu­sto: si­gno­ra Mat­teuc­ci ma que­sta sua lin­gua? A vol­te bi­so­gna pren­de­re il vo­ca­bo­la­rio: pa­ro­le co­me “eo­ne” o “im­pa­nia­to” non so­no di uso co­mu­ne. Per­ché io par­lo co­me man­gio. Non man­gia quel­lo che man­gia­mo noi. No, l’ho già spie­ga­to: le al­tre mam­me da­va­no la gi­rel­la, la mia a me non l’ha mai da­ta, mi ha re­ga­la­to l’ita­lia­no au­li­co. O la gi­rel­la o il vo­ca­bo­la­rio. Esat­to. Uso ter­mi­ni di un ita­lia­no ot­to­cen­te­sco che si tro­va­no so­lo sul No­men­cla­to­re, il Pre­mo­li. Co­mun­que, il mio vo­ca­bo­la­rio in que­sti ul­ti­mi an­ni si è ar­ric­chi­to di 10 lem­mi, non di più. Qual è la do­man­da più sgra­di­ta che le ab­bia­no mai fat­to? Non sgra­di­ta, ri­di­co­la: nel li­bro ci­to il te­sto “Lo Scia­ma­no in cio­cia­ria” di Mir­cea Elia­de, il gran­de an­tro­po­lo­go che per al­cu­ni an­ni la­vo­rò a Ro­ma. Quin­di? Mi han­no chie­sto: “Ma que­sto sag­gio quan­do è sta­to pub­bli­ca­to?” Ma è in­ven­ta­to, no! Ma ti pa­re!?

N.B. Nel ro­man­zo le pa­ro­le più stra­ne so­no ve­re, ma oc­chio al­le ci­ta­zio­ni, pri­ma di ri­ven­der­ve­le ve­ri­fi­ca­te. L’ave­va­mo det­to che leg­ge­re la Mat­teuc­ci è co­me sta­re sull’ot­to­vo­lan­te!

Il nuo­vo ro­man­zo di Ro­sa Mat­teuc­ci ispi­ra­to a una te­ra­pia dell’in­con­scio.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.