Ci­ne­ma

Corriere della Sera - Io Donna - - Agenda - Di Pao­lo Me­re­ghet­ti La ti­mi­da)

1/2 com­me­dia Mi­chel Ra­ci­ne è un in­te­ger­ri­mo pre­si­den­te di Cor­te d’As­si­se del­la pro­vin­cia fran­ce­se che in­flig­ge sem­pre pe­ne a due ci­fre, cioè dai die­ci an­ni in su. Quan­do si apre il film de­ve af­fron­ta­re il ca­so di un pa­dre ac­cu­sa­to di ave­re uc­ci­so il pro­prio fi­glio in un im­pe­to di rab­bia, pren­den­do­lo a pe­da­te. Il ca­so è re­so an­co­ra più com­pli­ca­to dal fat­to che l’im­pu­ta­to si ri­fiu­ta di ri­spon­de­re al­le do­man­de, sal­vo di­chia­rar­si te­star­da­men­te in­no­cen­te. Ma a met­te­re dav­ve­ro in cri­si l’aplomb pro­fes­sio­na­le del giu­di­ce sa­rà il fat­to di ri­co­no­sce­re fra i giu­di­ci po­po­la­ri la don­na che ave­va va­na­men­te ama­to an­ni pri­ma. A que­sto pun­to il film di­ven­ta un sot­ti­le gio­co di al­lu­sio­ni, di sguardi, di fra­si det­te e non det­te den­tro cui Lu­chi­ni (che ave­va già il­lu­mi­na­to il film d’esor­dio di Vin­cent, si muo­ve con la mae­stria che tut­ti gli ri­co­no­sco­no, ca­pa­ce di da­re spes­so­re e in­ten­si­tà a una com­me­dia sim­pa­ti­ca e di­ver­ten­te. E quel­lo che a pri­ma vi­sta po­te­va sem­bra­re un giallo dal­le for­ti tin­te dram­ma­ti­che di­ven­ta la pa­le­stra per una sot­ti­le di­mo­stra­zio­ne di abi­li­tà re­ci­ta­ti­va, tut­ta sa­pien­te­men­te a le­va­re.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.