L’AMO­RE è ADES­SO

Corriere della Sera - Io Donna - - Compleanno! - Chia­ra Gam­be­ra­le

Io ho vent’an­ni sta­se­ra, non c’è dub­bio. Ho vent’an­ni men­tre scen­do le sca­le di cor­sa per­ché non ho vo­glia di aspet­ta­re l’ascen­so­re, non ho vo­glia di aspet­ta­re nien­te, so­lo di rag­giun­ge­re su­bi­to lui che sta aspet­tan­do me. Ho vent’an­ni ap­pe­na lo ve­do e non so che vo­ce usa­re per di­re “ciao”. In­fat­ti me ne esce fuo­ri una sba­glia­ta. Ho vent’an­ni men­tre camminiamo in que­sta cit­tà che do­vreb­be chia­mar­si Ro­ma, do­vreb­be es­se­re mia, ma all’im­prov­vi­so mi pa­re un po­sto nuo­vo e no­stro, che sor­ge a ogni pas­so che fac­cia­mo. Do­ve stia­mo an­dan­do? Non lo so: ho vent’an­ni, sta­se­ra. E nem­me­no lui pa­re ave­re l’aria di sa­per­lo: sta­se­ra ha vent’an­ni. Par­lia­mo, par­lia­mo par­lia­mo. Ma mi­ca ca­pi­sco be­ne di che co­sa. Non ca­pi­sco pro­prio nien­te, a es­se­re sin­ce­ra. In­fat­ti:- De­ci­da lei per me.- Im­plo­ro al ca­me­rie­re, quan­do ci se­dia­mo a una piz­ze­ria per man­gia­re qual­co­sa: è che nean­che il me­nu rie­sco a leg­ge­re, mi sem­bra scrit­to in una lin­gua stra­nie­ra. Per­ché ho vent’an­ni, e il mon­do, tut­to, quan­do hai vent’an­ni, par­la una lin­gua stra­nie­ra? For­se. Per­ché mi sto in­na­mo­ran­do? Sì. E quin­di? E quin­di, an­che se fra un me­se di an­ni ne com­pi­rò qua­ran­ta, ne ho co­mun­que (di nuo­vo: per la pri­ma vol­ta?) ven­ti, sta­se­ra.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.