“Tro­vo in lei le co­se che a me man­ca­no. An­che in que­sto spet­ta­co­lo: se mi vol­to, so che c’è lei. E lei, ec­co, è una che non ha pau­ra di nien­te”

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story -

Dai, con­ti­nua­te. P: Ci sia­mo in­con­tra­te do­po qual­che me­se. A ca­sa mia, qui a Ro­ma. E da su­bi­to, ve­ro Pa’? da su­bi­to ci sia­mo ac­cor­te di pia­cer­ci… C: A par­te che ap­pe­na ho mes­so pie­de in cor­ri­do­io, le ho det­to: ma guar­da che usia­mo lo stes­so pro­fu­mo per la ca­sa! P: Se vuo­le può an­che scri­ve­re il no­me del pro­fu­mo… Co­sì poi ma­ga­ri a Na­ta­le ce ne man­da­no un tir in re­ga­lo… C: Pro­fu­mo a par­te, per me, nel­le set­ti­ma­ne suc­ces­si­ve, la ve­ra sor­pre­sa è sta­to sco­pri­re che po­te­vo ave­re una nuo­va gran­de ami­ca an­che da adul­ta… Io, in fondo, so­no sem­pre sta­ta cir­con­da­ta dal­le stes­se ras­si­cu­ran­ti per­so­ne… P: Che poi: sia­mo pu­re mol­to di­ver­se, eh? Per esem­pio: Pao­la non è so­cial per nien­te, men­tre io sto sem­pre lì su Twit­ter a… C: No, scu­sa: tu sei un po’ più che so­cial… Hai 6 mi­lio­ni e mez­zo di fol­lo­wer… P: Sì, co­mun­que sia­mo di­ver­se pro­prio co­me per­so­ne… Io so­no sfac­cia­ta­men­te pop, men­tre lei ten­de ad es­se­re mol­to chic. Lei ha le tet­ti­ne, men­tre io… Ehm… Non so se si no­ta­no sot­to la fel­pa, ma io ho due tet­te piut­to­sto gros­se… Ah ah ah! C: Ma dai! P: Lei è cre­sciu­ta leg­gen­do li­bri, an­dan­do al ci­ne­ma… Da me, in­ve­ce, a So­la­ro­lo, il ci­ne­ma non c’era… C: In que­sto, sì, cer­to: cre­scen­do in una cit­tà qual­che van­tag­gio ce l’hai… Io, a 14 an­ni, il sa­ba­to po­me­rig­gio pren­de­vo re­go­lar­men­te l’au­to­bus con le mie ami­che e dal quar­tie­re Au­re­lio scen­de­va­mo giù, nei ci­ne­ma del cen­tro di Ro­ma… Pe­rò, per tor­na­re al­la no­stra di­ver­si­tà: for­se è pro­prio que­sta la co­sa che ci tie­ne. In fondo, io tro­vo in lei le co­se che a me man­ca­no. An­che in que­sto spet­ta­co­lo per Rai 1: beh, se mi vol­to, so che c’è lei. E lei, ec­co, è una che non ha pau­ra di nien­te. P: Io ho det­to sì, va be­ne, a que­sto pro­gram­ma, so­lo ed esclu­si­va­men­te per­ché sa­pe­vo che ci sa­reb­be sta­ta Pao­la… E le ra­gio­ni so­no va­rie. In­tan­to, Pao­la sa fa­re tut­to: re­ci­ta… quan­ti Da­vid hai vin­to? E poi balla, can­ta… Can­ta be­nis­si­mo… C: Sì, cer­to: poi in­cro­ci la Pau­si­ni con i suoi Gram­my den­tro la car­rio­la… P: Fam­mi par­la­re… Un’al­tra qua­li­tà di Pao­la è il suo ri­go­re, lei è pro­prio scien­ti­fi­ca sul la­vo­ro. E poi co­no­sce la tv, l’ha fat­ta, sa cos’è. Io l’ho fat­ta, e ne ho fat­ta tan­ta, ma so­lo all’estero e den­tro i ta­lent… E lì vai di pan­cia, sei tut­to istin­to, bat­tu­ta, gio­chi so­pra le ri­ghe… Men­tre tu, Pa’… Tu hai i tem­pi giu­sti… C: In ve­ri­tà, nel­la pre­pa­ra­zio­ne del no­stro spet­ta­co­lo, io so­no sta­ta più sui te­sti, sui con­te­nu­ti… Lei è un fe­no­me­no per gli aspet­ti este­ti­ci. I co­lo­ri del­le lu­ci, la gra­fi­ca, le fo­to… Ah ah ah! In un po­me­rig­gio, su un set fo­to­gra­fi­co, m’ha fat­to fa­re ven­ti cam­bi d’abi­to… Quan­do ab­bia­mo fi­ni­to, non mi ri­cor­da­vo più nem­me­no co­me mi chia­ma­vo. Un va­rie­tà, due don­ne: vie­ne in men­te il leg­gen­da­rio Mil­le­lu­ci. C: Il no­stro è un va­rie­tà…

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.