“Ro­ma mi sem­bra spor­ca, in­si­cu­ra, di­sor­di­na­ta. Ma è qui che vo­glio far cre­sce­re la mia Pao­la…”

Corriere della Sera - Io Donna - - Cover Story - Le­lu­ci. Mil­le­lu­ci,

P:

Ma cer­to non cer­che­re­mo di ri­fa­re

Mil-

C: In­tan­to, per­ché lì le con­dut­tri­ci era­no Mi­na e la Car­rà, due mi­ti… Poi… Beh, sì, in­som­ma: era un’al­tra ti­vù, c’era il tem­po di cu­ra­re tut­to nel det­ta­glio, al­cu­ne co­se era­no pu­re re­gi­stra­te, la re­gia la fi rma­va quel fuo­ri­clas­se as­so­lu­to di An­to­nel­lo Fal­qui e gli ospi­ti… Guar­di: noi ne avre­mo di stre­pi­to­si. Ma lì, a Mi­na e la Car­rà po­te­va­no an­nun­cia­re Mo­ni­ca Vit­ti e Aldo Fa­bri­zi, non so se mi spie­go. È cam­bia­ta la ti­vù, è cam­bia­ta l’Ita­lia. Voi ave­te due bam­bi­ne pic­co­le: co­me vi in­ter­ro­ga­te sul lo­ro fu­tu­ro? P: Con ap­pren­sio­ne. Quan­do tor­no da Ma­drid, quin­di dal­la Spa­gna, che è un Pae­se pu­re in dif­fi­col­tà, Ro­ma mi sem­bra tra­gi­ca­men­te mol­to più spor­ca, in­si­cu­ra, di­sor­di­na­ta. Ma io è qui, mi di­co, che vo­glio far cre­sce­re la mia Pao­la… Per­ché que­sto Pae­se è co­sì in­die­tro, per­ché per fa­re una leg­ge sul­le Unio­ni ci­vi­li ci ab­bia­mo mes­so co­sì tan­to? C: Mez­za leg­ge, vor­rai di­re. Quel­la che è pas­sa­ta a me sem­bra in­com­ple­ta. Io avrei vo­lu­to an­che l’in­tro­du­zio­ne del­la ste­p­child adop­tion… P: An­ch’io! Pen­sa che a Ma­drid con mia fi­glia ab­bia­mo vis­su­to in una ca­sa do­ve c’era­no due uo­mi­ni gay che han­no una fi­glia, una bam­bi­na… E pen­sa­re che Pa­pa Fran­ce­sco s’era spin­to avan­ti, fa­cen­do aper­tu­re im­por­tan­ti… Vab­bé, sen­ti, Pao­lé: mi sa che s’è fat­to tar­di… Guar­da che dob­bia­mo an­co­ra pro­va­re quel­lo sket­ch in cui tu… Sia­mo ai caf­fè. Ai sa­lu­ti. Al sel­fie del buon ri­cor­do (Cor­tel­le­si: «No, aspet­ti: fac­cia­mo fa­re a Lau­ra, è lei la ma­ga dei sel­fie… ).

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.