UNA POL­TRO­NA PER DUE (AMI­CI)

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore/ 1 -

iro­nia del­la sor­te. E del­la po­li­ti­ca. A Ro­ma, nel­la cor­sa per la pol­tro­nis­si­ma del Cam­pi­do­glio, si fron­teg­ge­ran­no Ro­ber­to Gia­chet­ti e Gior­gia Me­lo­ni. I due so­no ami­ci: il lo­ro rap­por­to è na­to sui ban­chi di Mon­te­ci­to­rio. Il trat­to che li ac­co­mu­na è quel cer­to an­ti­con­for­mi­smo, nei mo­di di fa­re, nel lin­guag­gio, nel­lo sti­le di vi­ta, che li ren­de un po’ ano­ma­li ri­spet­to agli al­tri par­la­men­ta­ri. Ma, so­prat­tut­to, e qui c’en­tra l’iro­nia del de­sti­no, en­tram­bi non vo­le­va­no can­di­dar­si a sin­da­co di Ro­ma. Quan­do i lo­ro no­mi non era­no an­co­ra uf­fi­cia­li, ma sol­tan­to sus­sur­ra­ti nei capannelli po­li­ti­ci, si scam­bia­va­no esi­la­ran­ti sms in cui l’uno rac­con­ta­va all’al­tra (e vi­ce­ver­sa) co­me era riu­sci­to nell’im­pre­sa di bloc­ca­re la pro­pria can­di­da­tu­ra. Poi, il pri­mo a ce­de­re è sta­to Gia­chet­ti, che non è riu­sci­to a fer­ma­re l’ir­ruen­za del pre­mier Mat­teo Ren­zi. Do­po, è toc­ca­to a Me­lo­ni, che ha ca­pi­to che avreb­be per­so trop­pi con­sen­si, e “bo­nus” po­li­ti­ci, se non fos­se sce­sa in cam­po. Mo­ra­le del­la fa­vo­la, ades­so so­no tut­ti e due can­di­da­ti a sin­da­co di Ro­ma. En­tram­bi co­no­sco­no la mac­chi­na del Cam­pi­do­glio mol­to me­glio del­la ter­za in­co­mo­da (si fa per di­re, na­tu­ral­men­te) Vir­gi­nia Rag­gi. Ma tra i due li­ti­gan­ti (e an­co­ra una vol­ta si può par­la­re di iro­nia del­la sor­te e del­la po­li­ti­ca), a cau­sa dei tan­ti de­me­ri­ti de­gli schie­ra­men­ti che ap­pog­gia­no il vi­ce pre­si­den­te del­la Ca­me­ra e la lea­der di Fratelli d’Ita­lia, ri­schia di go­de­re pro­prio lei, l’espo­nen­te del Mo­vi­men­to 5 stel­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.