“SÌ, FAC­CIO L’AV­VO­CA­TO. DEL DIA­VO­LO” Do­po trent’an­ni John Tra­vol­ta tor­na in tv nei pan­ni del le­ga­le di O. J. Simp­son. Nei con­fron­ti del qua­le è (un po’) col­pe­vo­li­sta. Se gli chie­de­te di La­dy Ga­ga, in­ve­ce, vi ri­cor­de­rà il pri­mo in­con­tro con lei mez­za nu­da

Corriere della Sera - Io Donna - - Icone - Di Ales­san­dra Ve­ne­zia Grea­se La feb­bre del sa­ba­to se­ra Il ca­so O.J. Simp­son: Ame­ri­can Cri­me Sto­ry:

Èu­na star glo­ba­le e fa par­te del­la sto­ria del ci­ne­ma. Il suo di­sco-dra­ma co­me il mu­si­cal fi­ne an­ni ’50 so­no or­mai dei clas­si­ci e tra i film più vi­sti da qua­si tre ge­ne­ra­zio­ni. John Tra­vol­ta ha co­min­cia­to a re­ci­ta­re, can­ta­re e bal­la­re gio­va­nis­si­mo, e quel ra­gaz­zi­no che a 12 an­ni la­vo­ra­va in pro­du­zio­ni tea­tra­li e ve­ni­va chia­ma­to “Bo­ne”, os­so, per il suo cor­po esi­le, sa­pe­va già al­lo­ra - ama rac­con­tar­lo - che un gior­no sa­reb­be di­ven­ta­to fa­mo­so. Mez­zo se­co­lo più tar­di Tra­vol­ta è sem­pre at­to­re di suc­ces­so, ma an­che un pi­lo­ta ap­pas­sio­na­to (pos­sie­de una flot­ta di ae­rei), un fer­ven­te scien­to­lo­go (con­vin­to che la sua re­li­gio­ne gli dia la se­re­ni­tà e l’equi­li­brio ne­ces­sa­ri per so­prav­vi­ve­re nel mon­do del­lo spet­ta­co­lo) e un ma­ri­to e un pa­dre or­go­glio­so. A 62 an­ni si tro­va an­co­ra nel­la fa­se ascen­den­te del­la pa­ra­bo­la, aven­do su­pe­ra­to an­ni di in­suc­ces­si, spia­ce­vo­li gos­sip sul­la sua vi­ta pri­va­ta e, so­prat­tut­to, la mor­te di un fi­glio. La sua ul­ti­ma sfi­da è sul pic­co­lo scher­mo do­ve ave­va ini­zia­to e che non fre­quen­ta­va dal lon­ta­no 1976: nel­la mi­ni se­rie te­le­vi­si­va (che in pa­tria ha su­sci­ta­to fer­ven­ti di­bat­ti­ti e che da noi par­ti­rà il 6 apri­le su Fox Cri­me) è l’av­vo­ca­to di­fen­so­re di O. J., Ro­bert Sha­pi­ro.

John Tra­vol­ta, 62 an­ni, nei pan­ni dell’av­vo­ca­to Ro­bert Sha­pi­ro in

Av­vo­ca­ti, tri­bu­na­li, pub­bli­ca ac­cu­sa: un mon­do che le era fa­mi­lia­re? Cre­do di ave­re pas­sa­to più tem­po con gli av­vo­ca­ti che con qual­sia­si al­tra ca­te­go­ria di pro­fes­sio­ni­sti; ho l’im­pres­sio­ne di co­no­scer­li a fondo e di es­se­re in gra­do di da­re consigli in ma­te­ria le­ga­le. Co­me si è pre­pa­ra­to a in­ter­pre­ta­re un av­vo­ca­to tan­to ce­le­bre - e an­co­ra in at­ti­vi­tà - co­me Ro­bert Sha­pi­ro? L’ha in­con­tra­to? Ho stu­dia­to i suoi vi­deo, le sue in­ter­vi­ste e ho cer­ca­to di es­se­re il più ac­cu­ra­to pos­si­bi­le, ma no, non ho vo­lu­to in­con­trar­lo pri­ma di gi­ra­re. Al­la fi­ne di tan­to la­vo­ro, John Tra­vol­ta è con­vin­to che O.J. Simp­son fos­se col­pe­vo­le o in­no­cen­te dell’omi­ci­dio del­la mo­glie?

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.