L’IN­DI­GNA­ZIO­NE CHE NON C’È

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore/ 4 - Blog.io­don­na.it/fran­co-ven­tu­ri­ni

que­sta ru­bri­ca rac­con­ta sto­rie ve­re di don­ne pro­ve­nien­ti da ogni par­te del mon­do. Pur­trop­po mi toc­ca tal­vol­ta di ri­fe­ri­re vi­cen­de che pre­fe­ri­rem­mo non esi­stes­se­ro. Ma l’or­ro­re cer­co di evi­tar­lo, se non è per in­di­gnar­mi e in­vi­tar­vi a fa­re al­tret­tan­to. Og­gi è una di quel­le vol­te. Nel Su­dan del Sud, ri­fe­ri­sce un rap­por­to uf­fi­cia­le dell’Onu, è in cor­so l’en­ne­si­ma guer­ra ci­vi­le. Man­ca­no i sol­di per pa­ga­re le mi­li­zie che fian­cheg­gia­no l’eser­ci­to go­ver­na­ti­vo, e al­lo­ra, a ti­to­lo di com­pen­so, è sta­to lo­ro con­fe­ri­ta una pie­na li­ber­tà di stu­pro. Sem­pre l’ONU af­fer­ma che 1.300 don­ne, mol­te mi­no­ren­ni, han­no già su­bì­to le con­se­guen­ze. Mi fer­mo qui. Ora, il Su­dan del Sud, in­di­pen­den­te dal 2011, è mem­bro dell’Onu, è mem­bro dell’Unio­ne Afri­ca­na, ha sot­to­scrit­to le con­ven­zio­ni di Gi­ne­vra. È una ter­ra in­san­gui­na­ta da de­cen­ni, da quan­do com­bat­te­va con il Su­dan del Nord, ma ades­so fa par­te del­le isti­tu­zio­ni in­ter­na­zio­na­li. Si è scan­da­liz­za­to qual­cu­no, per il rap­por­to del Pa­laz­zo di ve­tro? Ave­te udi­to, voi, le pro­te­ste dei go­ver­ni di tut­to il mon­do ci­vi­le, del­la no­stra Eu­ro­pa, del­la no­stra Ita­lia, men­tre all’in­cir­ca ne­gli stes­si gior­ni giun­ge­va­no da ogni par­te le so­li­te fra­si fat­te sul­la fe­sta del­la don­na? E già che ci sia­mo, dov’è il gri­do di do­lo­re del­le stes­se don­ne, del­le or­ga­niz­za­zio­ni fem­mi­ni­ste, del­le al­te ca­ri­che oc­cu­pa­te da don­ne? Del re­sto non si è udi­to nem­me­no il pre­mier bri­tan­ni­co Ca­me­ron, che qual­che an­no fa ave­va avu­to il me­ri­to di met­te­re al cen­tro di un G- 8 la vio­len­za sul­le don­ne co­me at­to di guer­ra. Nel mio pic­co­lo, gri­do io.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.