LA FE­DEL­Tà SO­SPET­TA DEL­LE EGI­ZIA­NE

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore/ 4 -

quan­do si scri­ve di egit­to, il pen­sie­ro vo­la a Giu­lio Re­ge­ni e al­le mol­tis­si­me om­bre che an­co­ra gra­va­no sul mar­ti­rio di quel ra­gaz­zo. Ma la vi­ta con­ti­nua an­che in Egit­to, e tal­vol­ta, tra il se­rio e il fa­ce­to, of­fre in­di­ca­zio­ni sull’“or­di­ne” che re­gna in quel Pae­se. Tay­mour el-So­b­ky è (an­zi era) un blog­ger mol­to co­no­sciu­to, por­ta­to al­la pro­vo­ca­zio­ne co­me mol­ti suoi col­le­ghi, ma di so­li­to at­ten­to a non su­pe­ra­re i li­mi­ti. Poi all’im­prov­vi­so, chis­sà per­ché, un li­mi­te che sol­tan­to in ap­pa­ren­za ha po­co a che fa­re con la du­rez­za del re­gi­me lo ha vo­lu­to su­pe­ra­re. Pri­ma sul web e poi in una in­ter­vi­sta te­le­vi­si­va mo­ti­va­ta pro­prio da quel che ave­va scrit­to, Tay­mour ha af­fer­ma­to che in Egit­to, mal­gra­do le ap­pa­ren­ze con­ser­va­tri­ci e ri­go­ro­se, mol­te don­ne spo­sa­te so­no in­fe­de­li ai lo­ro ma­ri­ti. Apri­ti cie­lo. Del­la co­sa si è oc­cu­pa­to an­che un tri­bu­na­le, che ha con­dan­na­to il blog­ger so­cial­men­te bla­sfe­mo a tre an­ni di re­clu­sio­ne con la­vo­ri for­za­ti an­nes­si. Ora che lui è in car­ce­re tut­ti fan­no fin­ta di di­men­ti­ca­re, ma le pa­ro­le di Tay­mour so­no te­na­ci: il tren­ta per cen­to del­le mo­gli egi­zia­ne è pron­to per l’im­mo­ra­li­tà, se non lo fan­no è sol­tan­to per­ché non tro­va­no un uo­mo che le in­co­rag­gi, mol­te co­mun­que tra­di­sco­no il ma­ri­to quan­do lui de­ve al­lon­ta­nar­si da ca­sa, i ma­tri­mo­ni for­za­ti han­no peg­gio­ra­to le co­se ma non spie­ga­no tut­to, e via di que­sto pas­so. Su Tay­mour so­no pio­vu­te de­ci­ne di mi­nac­ce di mor­te, pri­ma e do­po la con­dan­na. Ma nes­su­no, nem­me­no il giu­di­ce, gli ha po­sto la do­man­da chia­ve: «Tu co­me lo sai?».

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.