I ra­gaz­zi so­no iper­con­nes­si con il re­sto del mon­do, ma piut­to­sto fer­mi nel lo­ro, do­ve man­ca quel­la mo­bi­li­tà ver­ti­ca­le che po­treb­be per­met­te­re di mi­glio­ra­re la pro­pria po­si­zio­ne so­cio-eco­no­mi­ca

Corriere della Sera - Io Donna - - Dietro Le Apparenze - Mongolia -

è che per la cul­tu­ra mon­go­la lo stu­dio è mol­to im­por­tan­te: i ge­ni­to­ri so­no pron­ti a in­de­bi­tar­si per man­da­re a scuo­la i pro­pri fi­gli. Il ri­sul­ta­to è che il li­vel­lo di sco­la­riz­za­zio­ne è mol­to ele­va­to. «Que­st’im­prov­vi­sa mo­der­ni­tà ge­ne­ra im­por­tan­ti aspet­ta­ti­ve di svi­lup­po e cre­sci­ta so­cia­le» ag­giun­ge Sa­ra Cuc­ci, re­fe­ren­te stam­pa e co­mu­ni­ca­zio­ni pres­so l’Am­ba­scia­ta d’Ita­lia a Pe­chi­no, spes­so in mis­sio­ne in Mongolia. «La sfi­da sa­rà quel­la di riu­sci­re a ge­ne­ra­re im­pie­go per as­sor­bi­re in ma­nie­ra ac­cet­ta­bi­le i gio­va­ni che stu­dia­no e che ar­ri­va­no a ter­mi­na­re l’Uni­ver­si­tà». Fi­no­ra, pe­rò, l’economia del­la Mongolia ge­ne­ra so­la­men­te il quat­tro per cen­to dell’im­pie­go. Il Pae­se po­trà di­ven­ta­re un esem­pio vir­tuo­so di svi­lup­po se sa­rà in gra­do di ca­pi­ta­liz­za­re le enor­mi ri­sor­se na­tu­ra­li e di ge­ne­ra­re op­por­tu­ni­tà per la par­te più gio­va­ne del­la sua po­po­la­zio­ne. Di­pen­de dal­la ca­pa­ci­tà po­li­ti­ca di in­ve­sti­re nel­le nuo­ve ge­ne­ra­zio­ni, crean­do pos­si­bi­li­tà di la­vo­ro e di svi­lup­po per il lun­go pe­rio­do. Il cam­bia­men­to che sta in­ve­sten­do la Mongolia è ra­pi­do, e non pri­vo pe­ri­co­li. Ma mo­der­ni­tà e tra­di­zio­ne pos­so­no coe­si­ste­re, se ci si sfor­za di pren­de­re il me­glio da en­tram­bi. Non è fa­ci­le, for­se è pos­si­bi­le.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.