“Non c’è re­spon­sa­bi­li­tà più gran­de che ave­re dei fi­gli. E co­sì do­ve­va es­se­re an­che per i Bor­sel­li­no: il la­vo­ro di lui fa­ce­va sì che i fi­gli cre­sces­se­ro in ma­nie­ra di­ver­sa dai ra­gaz­zi del­la lo­ro età”

Corriere della Sera - Io Donna - - Doppia Coppia/ 2 - (Clau­dia Po­ten­za)

im­por­tan­te del mon­do, per­ché ave­re dei fi­gli rap­pre­sen­ta poi la re­spon­sa­bi­li­tà più gran­de. E co­sì do­ve­va es­se­re an­che per i Bor­sel­li­no, con­sa­pe­vo­li che il la­vo­ro del pa­dre co­strin­ge­va i fi­gli a cre­sce­re in ma­nie­ra di­ver­sa dai ra­gaz­zi del­la lo­ro età. Il mio Ga­brie­le è ar­ri­va­to inat­te­so, sa­pe­vo che nel­la vita avrei vo­lu­to dei fi­gli, ma non l’ave­vo pro­gram­ma­to. Vor­rei che ca­pi­tas­se an­co­ra co­sì al­tre 3, 4 vol­te. An­che Fran­ce­sca Mor­vil­lo ave­va ri­nun­cia­to a una fet­ta im­por­tan­te del­la sua vita per amo­re di Fal­co­ne. V. Si era­no in­con­tra­ti e scel­ti quan­do lui era già Fal­co­ne. Un in­con­tro tra adul­ti, non un amo­re di gio­ven­tù, se­con­de noz­ze per en­tram­bi. Il lo­ro tem­po in­sie­me era ri­si­ca­to, as­sor­bi­ti com’era­no dal la­vo­ro di ma­gi­stra­ti: ho im­ma­gi­na­to che for­se pro­prio lì, in quel­la va­can­za for­za­ta, aves­se­ro tro­va­to un mo­do di­ver­so di sta­re in­sie­me. Pas­seg­gia­re sen­za scor­ta do­ve­va es­se­re un pia­ce­re inedito: la lo­ro vita di so­li­to era ca­sa, au­to, bun­ker. È ri­le­van­te per il no­stro presente una sto­ria di trent’an­ni fa? V. La ma­fia a me fa più pau­ra ades­so. Quan­do non si fa sen­ti­re vuol di­re che sta fa­cen­do i pro­pri interessi, che sta go­ver­nan­do tran­quil­la. Quan­do sce­glie di ma­ni­fe­star­si cla­mo­ro­sa­men­te si­gni­fi­ca che è in dif­fi­col­tà. Fal­co­ne e Bor­sel­li­no in quel­la sta­gio­ne ave­va­no sco­per­chia­to i rap­por­ti tra cri­mi­na­li­tà or­ga­niz­za­ta e po­li­ti­ca. Ave­va­no por­ta­to al­lo sco­per­to il si­ste­ma. Ora il si­ste­ma si è rior­ga­niz­za­to.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.