IL PO­STO DEL­LA DON­NA

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore/ 4 - Don­na, Io

ho par­te­ci­pa­to a una par­te sol­tan­to dei vent’an­ni di

ma l’ho fat­to con im­pe­gno quo­ti­dia­no. Per­ché se vuoi rac­con­ta­re una sto­ria ve­ra ogni sa­ba­to, op­pu­re sti­mo­la­re le tue ri­fles­sio­ni sul ruo­lo del­le don­ne a “est” e a “ove­st”, il la­vo­ro per la pros­si­ma ru­bri­ca co­min­cia nell’at­ti­mo stes­so in cui li­cen­zi quel­la ap­pe­na scrit­ta. È bel­la, la cor­sa con­tro il ca­len­da­rio. Ma por­ta­to co­me so­no a guar­da­re avan­ti, de­vo con­fes­sa­re che da qual­che tem­po (da trop­po tem­po) la mia ri­cer­ca è di­ven­ta­ta in­quie­ta. Non per il gior­na­le, piut­to­sto per il mon­do. Quel­lo a est, quel­lo a ove­st, quel­lo a nord e a sud. Ogni let­to­re può ren­der­se­ne con­to: i no­ti­zia­ri internazionali so­no in­va­si dal­le guer­re, da mas­sa­cri in­di­ci­bi­li che av­ven­go­no tal­vol­ta lon­ta­no dai no­stri ri­flet­to­ri me­dia­ti­ci, da un sot­ti­le e in­si­dio­so de­cli­no dei va­lo­ri de­mo­cra­ti­ci an­che do­ve si do­vreb­be “sta­re me­glio” . Il Gran­de Di­sor­di­ne è un im­pe­ro sen­za im­pe­ra­to­ri, sen­za con­fi­ni, sen­za pie­tà. Guai a pen­sa­re di es­se­re al si­cu­ro, di po­ter­ci iso­la­re. Que­ste so­no ma­lat­tie con­ta­gio­se, che per gua­ri­re ri­chie­de­reb­be­ro in­te­re as­sem­blee di dot­to­ri. E tra gli in­fer­mi, nel­la guer­ra o nel­la fu­ga, nel­la emar­gi­na­zio­ne o nel­la vio­len­za, nes­su­no è più a ri­schio del­le don­ne. Men­tre al­tre don­ne vi­vo­no ( Mer­kel) o vi­vran­no ( Hil­la­ry) in trin­cee che de­ter­mi­ne­ran­no il no­stro de­sti­no. Non ho scel­ta: per la pic­co­la par­te che mi ri­guar­de­rà nei pros­si­mi vent’an­ni, i pun­ti car­di­na­li di que­sta ru­bri­ca con­ti­nue­ran­no a esplo­ra­re il po­sto del­la don­na in un mon­do che vor­rei di­ver­so.

fven­tu­ri­ni500@gmail.com

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.