GIA­CHET­TI: EC­CO PER­CHé MI CAN­DI­DO

Corriere della Sera - Io Donna - - Colonne D’autore / 2 - Fron­co­ne@rcs.it

Nu­me­ro­si os­ser­va­to­ri ri­ten­go­no che le ele­zio­ni co­mu­na­li di Ro­ma sia­no il la­bo­ra­to­rio - con­cet­to abu­sa­to: ma ren­de l’idea - del­la po­li­ti­ca na­zio­na­le. C’è del ve­ro. Pren­de­te il ca­so del can­di­da­to Pd, Ro­ber­to Gia­chet­ti. Sta sca­lan­do - riu­scen­do­ci - una mon­ta­gna: de­ve da­re ri­spo­ste agli elet­to­ri sul­la que­stio­ne mo­ra­le che av­vol­ge il suo par­ti­to e, in più, ha pu­re mez­zo Pd che, in odio a Ren­zi, gli re­ma con­tro. Be’, D’Ale­ma è an­da­to dal­la Gru­ber e ha det­to: “Non so­no si­cu­ro che Gia­chet­ti sia la per­so­na giu­sta”. La sua rea­zio­ne? Ho pen­sa­to: gra­zie, avrò gua­da­gna­to vo­ti. Sa, D’Ale­ma non è che por­ti tan­to be­ne al par­ti­to. Poi c’è la que­stio­ne mo­ra­le. Ogni set­ti­ma­na ne ca­pi­ta una: Ban­ca Etru­ria, ca­so Ba­si­li­ca­ta, il sin­da­co di Lo­di ar­re­sta­to, So­ru con­dan­na­to e poi quel ma­ci­gno di Ma­fia Ca­pi­ta­le. In­con­tro i ro­ma­ni che mi di­co­no: “E te do­vrei pu­re vo­tà?”. Lei co­sa ri­spon­de? Sì. Chie­do il vo­to per­ché io so­no un po­li­ti­co di­ver­so. Ho già la­vo­ra­to nell’am­mi­ni­stra­zio­ne del Cam­pi­do­glio qua­si die­ci an­ni e so­no pu­li­to, cri­stal­li­no. E poi so’ na­to a Ro­ma, la amo e co­me tut­ti i ro­ma­ni co­no­sco le ma­lat­tie che la tor­men­ta­no. I suoi av­ver­sa­ri: Al­fio Mar­chi­ni? È ric­co, era ami­co di D’Ale­ma, fa­ce­va il co­strut­to­re. Un sin­da­co de­ve ave­re le ma­ni li­be­re. Gior­gia Me­lo­ni? An­che se siamo bian­co e ne­ro, le vo­glio be­ne. Det­to que­sto, fi­ni­rà che al bal­lot­tag­gio an­dre­mo io e la Rag­gi E lì, in una cit­tà co­me Ro­ma, Ren­zi può es­se­re un pe­so. Guar­di che de­vo­no vo­tà il fac­cio­ne mio, mi­ca Ren­zi.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.