L’idea del­la di­ga è na­ta ne­gli an­ni ’70, ed è an­da­ta avan­ti no­no­stan­te le pro­te­ste. E nes­su­no sa ades­so che fi­ne fa­ran­no le ter­re ri­ma­ste iso­la­te nell’ansa del fiu­me

Corriere della Sera - Io Donna - - Dietro Le Apparenze - Brasile - En­vol­ver­de,

pubblico-pri­va­to gui­da­to da Ele­tro­bras. A Dilma è ri­ma­sto un sor­ri­so ama­ro. Ma a Be­lo Mon­te da an­ni i vol­ti si fan­no me­sti e la vo­ce si rom­pe quan­do se ne par­la. Nes­su­no qui è te­ne­ro con Dilma, ma nes­su­no si fi­da di chi ha pre­so il suo po­sto. «Non ab­bia­mo mai avu­to pro­ve, ma quan­do un’ope­ra co­min­cia a co­sta­re due o tre vol­te la con­ces­sio­ne si sen­te odo­re di bru­cia­to», al­lar­ga le brac­cia Dal Mar­con­des, di­ret­to­re di por­ta­le di gior­na­li­smo am­bien­ta­le.

A pie­no re­gi­me, nel 2019, Be­lo Mon­te pro­met­te di spri­gio­na­re 11.233 me­ga­watt, un quin­to dell’ener­gia di cui il Pae­se di­ce di aver bi­so­gno (al­me­no co­sì di­ce­va, pri­ma del­la cri­si eco­no­mi­ca), e che sa­rà di­stri­bui­ta gra­zie a una ra­gna­te­la di 2100 km di tra­lic­ci. O meglio, quel pic­co si po­trà rag­giun­ge­re tra feb­bra­io e mag­gio, per­ché du­ran­te la sta­gio­ne sec­ca non ar­ri­ve­rà che al 41 per cen­to del­le sue ca­pa­ci­tà. Tut­to di­pen­de dal fiu­me. Co­me sem­pre.

Le ac­que del­lo Xin­gu fan­no un lun­go gi­ro pri­ma di ar­ri­va­re al Rio del­le Amaz­zo­ni. Ad Al­ta­mi­ra il fiu­me di­se­gna una pri­ma ansa per poi scen­de­re ver­so sud, un’al­tra cur­va e ri­tor­na su. Sem­bra un ser­pen­te, il gros­so cor­po ta­tua­to da un fa­scio di ca­na­li e un mon­do pul­vi­sco­la­re d’ac­qua. At­tra­ver­sa ter­re fer­ti­li e ter­re lus­su­reg­gian­ti e pu­re quel­le già de­va­sta­te dai pre­da­to­ri di ogni sor­ta. Ma so­prat­tut­to at­tra­ver­sa le ter­re di de­ci­ne di po­po­li in­di­ge­ni.

A Pi­men­tal, una qua­ran­ti­na di km a sud di Al­ta­mi­ra e pri­ma dell’ansa, uno sbar­ra­men­to (e 6 tur­bi­ne) de­via una par­te del fiu­me ver­so nor­de­st. Qui un ba­ci­no inon­de­rà 516 kmq di ter­ra. Là ri­tro­va il gran­de fiu­me che scor­re ver­so nord, all’al­tez­za di Be­lo Mon­te e le sue 18 tur­bi­ne. Co­sa ne sa­rà del­le ter­re in quel­la gran­de ansa ri­ma­sta iso­la­ta nes­su­no lo sa.

Il can­tie­re è du­ra­to cin­que an­ni, ma è un’idea ac­ca­rez­za­ta fin da­gli an­ni Set­tan­ta, fi­nen­do per rien­tra­re nel fa­rao­ni­co pia­no ener­ge­ti­co va­ra­to da Lu­la nel pri­mi an­ni del se­co­lo, quan­do il Bra­si­le era una ti­gre glo­ba­le. Nel Pa­rà in­ve­ce so­no sta­ti an­ni di mo­bi­li­ta­zio­ni, di ri­cor­si e oc­cu­pa­zio­ni dei can­tie­ri, di mar­ce e ap­pel­li. Tut­ti scon­fit­ti. Per­ché la società ci­vi­le bra­si­lia­na, co­sì for­te e ar­ti­co­la­ta, non è riu­sci­ta a fer­mar­la? «Per­ché il Bra­si­le so­no tan­ti Bra­si­le.

Il can­tie­re del­le ca­se do­ve ver­ran­no al­log­gia­ti gli abi­tan­ti dei vil­lag­gi som­mer­si dal­la di­ga.

Newspapers in Italian

Newspapers from Italy

© PressReader. All rights reserved.